ERI POTTE E LI DONI DE LI MORTACCI SUA PARTE SECONNA - MAIMUVISE.IT

Pubblicato da boostapazzesca

Clicca qua pe annattela a legge su MAIMUVISE.IT, er cimena daa parte der popolo.
E si ancora devi anna' a vedello, sta ncampana che ce sta er pericolo SPOGLIER.

Er novo ERI POTTE io, Sharon e Marusca l'aspettavamo da na cifra de tempo. Io vabbé, ner frattempo me so scordata tutto, e po' esse pure che lurtimi due l'ho lisciati siccome che ar cimena ce so annata poco.
Ma tanto so' sempre loro che cianno da fa' quarcosa, se bacchettano li fochi addosso, nzomma primaoppoi te riattacchi a quarcuno o a quarcosa che te sei vista.
È er concetto de SERALITA', spiego a Marusca, co bona pace che so e quattro der pomeriggio.

Er firm è subbito na cifra nteressante. Noi o volevamo vede n TREDDI', cianno detto CE STA SOLO NDUEDDI' URTIMA FILA, allora ce semo annate ma se vedeva come er treddì senza locchiali.
Er pubblico ha gradito. Tempo n minuto e le DI erano diventate de novo tre: DATEVEFOCO e DOVETE DAMORIAMMAZZATI.

Poi quarcuno sè svejato e ha riparato er firm. Da che ce stava na caciara totale, mo' se sente solo Sharon che ciancica er popcorno. Na vera maggia.

Er maghetto me piace e pure a tutta staggente perchè pure si lui è mago e noi solo BABBEI, a vita sua è tipo come a nostra. Peresempio pija er treno caa rincorsa, come me quanno sto a Ostiense e pe trovà 'r binario giusto me devo rompe a capoccia manco stesse dietro a nmuro.
Poi cia er rapporto tormentato caa famija, che so' morti ma ce parla lo stesso, come mi nonno che ogni tanto mappare nsogno e me vorebbe di le cose ma io nun capisco na parola, allora me savvicina allorecchio e fa: SI A SERA TE MAGNI A PAJATA, POI TE SE RIPROPONE.

Mo che tutto sta a finì e che Eri deve da fa a botte co VORDEMO, un pochetto me ntristisco. Me vorto e Marusca, che sta na cifra acchittata, pare BELLACI' LESTRE'. Guarda o schermo caa bocca aperta e s'è scordata che da domani deve tornà a cercà lavoro, che a cubbista naa BIUTIC der centro nun ja fanno più fa'.
Sharon vabbé, pure caa luce pare sempre er folletto ucciucci. Invece daa spada de grifondone se tiene stretta er popcorno e quanno parlano i perzonaggi je fa er doppiaggio ciancicato.

Er finale è gajardo e me so' commossa, perchè mi padre a me alla stazzione nun maccompagna mai.
Dice che tanto a strada a conosco. Lui è uno che alla maggia nun ce crede tanto, er cappello d'oro minimo minimo soo sarebbe annato a rivende a portaportese, e siccome che parlava s'arzava pure deppiù.

Eri l'ha sfangata. More ma nun more, perchè come dice bene Nevi er Paciocco, a ggente more tutti i giorni, ma ar cimena tanto poi rinvivisci sempre.
Saccennono e luci e rinvivimo pure noi.
LUMOS, grido.
A BOO, GIA' SO SEMO MAGNATO IERI COR CHEBBAB, DAMO NA BOTTA AR CINESE A STO GIRO NO?

Du' lire pe n cinese ce stanno sempre. A morale è accontentasse, chettefrega de li doni de li mortacci sua. Io però, prima de buttalla, co la bacchetta de sambuca magara prima me ce sarebbi rifatta casa.
So' MATERIALA me rendo conto. Forse è questa a differenza vera tra n mago e n babbeo.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca