VIAGGIO AR TERMINE DER NOTTURNO

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

VIAGGIO AR TERMINE DER NOTTURNO

Ner monno che conoscemo io, te e tutti l'altri funziona così: pagamo er bijetto, pijamo i mezzi, tempo tre fermate e stamo a baccaja'. De 'sti tempi a Roma, coi mezzi, solo questo poi fa'.
Nun sai mai se è colpa dei macchinisti, der sindaco, dee vetture tipo càro bestiame, de mafia capitale. Ma 'a verità è che er motivo importa poco.
Ner monno che conoscemo, è 'na cifra importante che tutti stanno belli 'ncazzati, perché n'omo incazzato puoi giocattelo come te pare.

Poi ce sta n'antro monno. Un monno de pochi, che se filano 'n pochi. Stanno pigiati, zitti zitti. Parla' nun serve. Er monno der notturno è quello che è da sempre, e tutti sanno che gnente lo cambierà.
Ma che ne sanno li pischelli che pijano er notturno ‘na volta sola, pe torna’ a casa dar concerto de tizziano fero. Quelli che lo pijano ogni notte so' stanchi de sonno e de lavoro. Nun fanno caciara, non finiscono sui giornali, nun fanno opinione, so' tarmente lontani da me e te che manco riesci a immaginatteli fori dar bus. 'ndo vanno? Che fanno? Boh.
Scioperi e mezzi demmerda nun li schiodano. Loro er notturno lo pijeranno sempre e comunque.
Ner monno che conoscemo, de questi 'n sanno che fassene.

Ar termine della notte, n’attimo prima der giorno, ce sto pure io che pijo er notturno.
La porta se apre solo a metà, l'altra la devi spigne altrimenti entri cor MA1.
E t'aritornano subbito 'n mente le citazioni tua preferite:

CE STA ER NOTO E L'IGNOTO. IN MEZZO CE STANNO 'E PORTE DAA PERCEZIONE.
SE S'APRIREBBERO INVECE DE STA' SEMPRE MEZZE SCASSATE, 'A GENTE VEDREBBERO ER MONNO NOVO E NO SOLO QUELLO CHE JE PARE A LORO.

GIN MORISON

A CICALO', QUANTO CIAI SCOPATO CO 'E FRASETTE MIA.

ARDUS AXLY

Drento ar notturno i romani so'pochi, c'hanno l'occhi mezzi chiusi e 'a pelle che je casca dar sonno. Stanno tutti davanti, vicino all’autista, che è romano pure lui o ar massimo de Frascati. In mezzo ce stanno i bengalotti, co 'a riga de lato e 'a gelatina nei capelli che se li spizzavano nell’anni cinquanta je gridavano dietro A DEMODÈLLI.
Dietro ce stanno l'africani, che tanto in genere scendono ar capolinea e così evitano de intruppasse co l'altri alle fermate.
L’apposita macchinetta obnubbilatrice è scassata.
- Non serve biglietto quest'ora - me dice un bengalotto vicino a me. - Turno controllori finisce a 20 e 59.
Me soride. Pure l'altri. E' na verità che solo io nun sapevo.
Chissà se 'a conosce pure er controllore, eccoollà che sale porcoddéna.
Sto a strippa'. Lui me spizza, poi me dice - STAI SCIALLA CHE GIA' SE SUDA ABBASTANZA COSI'.
Se aprono le porte. Uscimo tutti e due.
- CHE ORE SO'? - Me chiede.
- 5 e 25.
- ALLORA SCHIODA, SENNO' TRA 5 MINUTI ATTACCO A LAVORA' E TE DEVO FA' A MURTA.
C'ha raggione, me devo move. Alle 5,29 attacco purio a lavora'. C’ho er primo turno pe tutta 'a settimana, e la metro apre alle 5.30. Sto 'n mezzo a due mondi.

Un giornale pe tera dice che ce sta l'accordo coi sindacalisti, coi macchinisti e pure cor sindaco, praticamente mo' se amano. Finiti disaggi, scioperi bianchi e incazzature nere.
La data è dell'altroieri. Noi su bus e metro ce continuamo a schiuma’, giorno e notte. Ma tanto 'n metro non ciai gnente da fa', troveremo er modo de da' la colpa a quarcun altro.

Popolo, cojonati dalla vita, pijati a tortorate, derubbati, sudati da sempre, io voo dico: quando i grandi de 'sto monno fanno vede' che ve vonno bene e s'interessano, è er momento che co voi vonno fa' solo carne de porco pe baccaja'.

LUIS SELINE

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Alessandro 08/28/2015 13:07

<3

s 07/22/2015 22:43

A gianlu com'é sta realtà?

Boosta Pazzesca 07/23/2015 09:56

mica l'ho capito manco io carcola

gianluca 07/22/2015 13:22

Cruda realtà

vince 07/23/2015 14:40

è grecaaaaa

gianluca 07/22/2015 13:21

Cruda realtà