SESSANTA GIORNI F.M.

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

SESSANTA GIORNI F.M.

Tutti 'sto periodo fanno proggetti de che fa', 'ndo anna', quanto fa rosica' l'amichi coi SERFI dee coscie ar mare che a vorte so' BIUSTEL ma te rosichi uguale perché a magnasseli su li scoji ce stanno loro e te no.
Io pure so' emozionella, perché me devono entra' tre piotte e mezzo dar lavoro. Anacapito: NETTE, EH, NUN SO SE.
Vojo fa’ ‘n sacco de cose, appena m'arivano 'sti sordi. Ma nun m’è chiaro quando arivano però.
Sur contratto ce sta scritto:
condizioni generali de pagamento
Ma che voi pure i sordi? Mazza che avida. Vabbe' cmq:
R.B. 60gg D.F. F.M.

Siccome de 'ste cose ce capisco poco e gnente, so' salita dar geometra Bombeschi ar quarto piano, che ar contrario mio su 'ste cose è 'na cima. Lui s'è messo l'occhiali, ha spizzato er contratto, e m'ha detto:
- Leggo qua: R.B. 60 GG D.F. E gnente, vor di' Riscevuta Bancaria sessanta giorni daa Data daa Fattura.
- e F.M.? - je domando.
Bombeschi se leva l’occhiali. Me guàra nell’occhi co l'intensità de chi senza occhiali 'nce vede, quindi 'n pratica me spizza la fronte.
- Ma te, co’ sti soldi, che ce devi fa'?

Eh. M'accontento de poco. Per esempio vorebbi fa' n regalino a mi'padre, 'na cosa simbolica. Mi'padre è de poche pretese, je va bene tutto basta che è magnabbile. Potrebbi portallo a ‘n ristorantino coi tavoli all’aperto e offrije pe’ cena 'na pietanza estiva pe l'occasione.
- AVOJA, 'NA BELLA PARMIGGIANA DE TRIPPA E PAJATA - me direbbe lui.
E io lo starebbi a guarda' co’ l’occhi a còre mentre saa scofana e me racconta 'a differenza tra colesterolo bono e colesterolo cattivo.
- C’HAI PRESENTE ‘N PAR DE CHILI DE FRITTURA DE PARANZA, FRITTA NAA SUGNA? ECCO, QUELLO È COLESTEROLO BONO.
Er colesterolo cattivo nun lo saprò mai, perché a metà discorso e dopo er caffè coretto caa sambuchetta s'abbioccherà fino ar giorno dopo.

Bombeschi pare 'na cifra commosso. A dilla tutta me sa che sta a suda’ freddo, sempre co’ l’occhio fisso naa fronte mia.
- E POI? - me incarza.

E poi boh, vorebbi anna' ar mare. Ma no a li cancelli de Ostia, vorebbi quarcosa de più esotico e incontaminevole Tipo li scoji de Santa Marinella. E stacce due tre giorni, ammassata dentro ‘na tenda der todis co l’amiche mie Sharon e Marusca.
Marusca vabbe', se romperà er cazzo perché 'nse po’ ricarica’ l’aipad e se farà riveni' a prende da Gerlando suo co’ la GIIP direttamente 'n riva ar mare dopo mezz’ora. Sharon se perderà dopo pranzo cercando ‘na fratta pe li bisogni corporali e 'a raccatteranno direttamente sull’Aurelia.
Io resterò sola naa tenda der todis, finché 'n ariverà 'n pischello co l'occhi chiari. N'avventura estiva, se sa, capita a tutti. Lui me spizzerà intensamente e me dirà EEE SENTI COMUNQUE NUN SE PO CAMPEGGIA' QUA, PIJA 'STA ROBBA E VEDI D'ANNATTENE, mostrannome er tesserino daa capitaneria de porto.
E mentre andrò verso 'a stazione de Santa Marinella, camminando sur lungomare co 'a tenda automontante aperta sulle spalle perché nun la so autorichiude e er vento che romanticamente me fa decolla', m'aricorderò che fra tante persone cattive ne ho incontrata una spesciale, perché me poteva fa' n boato de murta, invece m'ha lassato quarcosa 'n tasca pe fa' altro.
In finale me stanno a paga’ tre piotte e mezzo, mica 'n mijardo. Dico bene, geometra?

Bombeschi ormai c'ha i lucciconi. Poi se rimette l’occhiali e arispizza er contratto.
- Eee Boostare' senti, davero lo voi sape’ che vor di’ F.M? E io too dico. F.M. sta per FINE MAI. Vedi? Ce sta scritto pure qua, piccolo piccolo: ER CONTRAENTE È TENUTO A FA' COME CAZZO JE PARE E INTANTO PIOTTA 'N VACANZA AR MARE, 'A FIRMATARIA È TENUTA A FA' PIPPA E STACCE. CIAO CECIO'.
È linguaggio burocratese de quelli fini fini, che too devo spiega'?
- No. Me sa che ho capito.

Pare che pe pija' sti sordi ce vorà 'n pochetto deppiù de quello che me immagginavo, ma 'nzomma carcolando che è 'n botto che me devono ariva', de 'sto mai ho già scontato 'na bella fetta.
E poi ar mare, de ottobre dumilasedici, ce se sta 'na favola.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

A FANZ, VE IDOLATRO. S'ARIBBECCAMIO ST'AUTUNNO, STATEME SUR CIOCCO. O AR LIMITE PURE SU 'NO SCOJO, CHE CE FA PIU' FRESCO.

Commenta il post

ErFideli 07/28/2015 13:02

Te idolatramo noi... fidete... Cià

vince 07/28/2015 12:57

Ao ma tutte a te te capitano.
Pure a me.