TE FAMO 'A FESTA

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

TE FAMO 'A FESTA

Pe 'na quarcosista comunicare co 'e nove generazioni è tutto, ma siccome 'n c'ho manco du'sacchi pe ricarica' UOZZAP, me so' iscritta all'aggenzia MALATESTA - S'ACCHITTAMO E POI TE FAMO 'A FESTA, una de quelle che t'organizzano i compleanni a casa co l'animatori. Er tipo che me riceve sta seduto de tre quarti sulla sedia, manco me guarda. Poi quando se move tutto pe parlamme capisco che c'ha er collo incriccato.
- M'ARICCOMANNO EH, I PISCHELLI VANNO ASSECONDATI. VONNO GIOCA'? GIOCATE. VE SBRATTANO ADDOSSO? DATEJE 'NA CAREZZA. A ME PERO' ER COSTUME MOO RIPORTI LAVATO. TEH, PIJATE 'STA PARUCCA DA PAJACCIO E VATTENE A PRATI A FA’ A FESTA A DENIS. A PIERDIONIGGI, QUESTA VIE' CO TE.

Pierdioniggi è er capoanimatore, quello esperto che devi da fa' quello che dice lui. In macchina, mentre me spiega quello che c'aspetta, me dice ogni dieci secondi: - SE FAMO 'NA CIOSPA?
- No dai, dovemo lavora'.
- CIAI RAGGIONE. SAA FAMO TRA DIECI MINUTI ALLORA.
Pure lui nun me guarda 'n faccia. Guida seduto de tre quarti. - Ma che c'hai, er collo incriccato pure te?
- E TE CREDO, 'N AGGENZIA CE STANNO LI BUCHI, 'N POI CAPI' CHE SPIFFERI.

Arivamo, sonàmo e se sente dietro la porta DENIIIIIIIS, DAI DENIS VAI TU TESORO!!!
Vabbe' dai, penso, in finale i bambini so' carucci. Finisce che se divertimo pure.
Ce apre 'n cristone de 'n metro e ottanta per quindicianni. Ciavrà tipo quarantasei de piede.
- SCIAO BELLO – dice Pierdioniggi – CHE SEI, 'O ZIO DER FESTEGGIATO?
- NO, SO' ER FESTEGGIATO.
Se guardamo un po’ EFFEQUATTRO. Pierdioniggi dice: - CHE FAMO? SE FAMO 'NA CIOSPA?
- No, Pierdioni'. Senti chicco, me sa che ce sta n'erore...
- NESSUN ERRORE! BENVENUTI ALLA FESTA DEL MIO PICCOLO DENIS!
Dietro ar piccolo Denis, a fatica, se sporge su'padre salutando co 'a mano, n'ometto che ariva a fatica ar femore de su'fijo ma se vede che è bello 'ntraprendente.
- FINARMENTE SIETE QUA! BRACAJA ARISTIDE, LIETISSIMO. DENIS, FAI CIAO AI SIGNORI CHE SO' VENUTI A FATTE LA FESTA!
- Cheppalle, papà.
- HAHAHA! SEMPRE CHE RISPONNE MALE. D’ARTRONDE, SO’RIGAZZI. ACCOMODATEVE.

Entramo 'n un salone tarmente grosso che ce sta l’eco. E ce stanno pure sei sette altri rigazzetti, de cui tre pischelle acchittate come pe anna' a batte 'n discoteca. So’ tutti sbracati su 'e segge accostate alle pareti, che ciancicano patatine co 'na faccia da funerale mentre i genitori loro, tutti sorridelli, ogni tanto je danno du'carezze pe spolveraje 'a forfora da 'e spalle.
- ALLORA QUA V'HO MESSO TUTTO – dice Bracaja - CE STA ER CLUEDO E 'A BENDA PE MOSCACECATA, POI PUFF, PATATINE, CEDRATA, SUCCHI SENZA ZUCCHERO E ZEROCOLA SENZA CAFFEINA. OH A DENIS, M'ARICCOMANNO CHE OGGI L’OMO DE CASA SEI TE EH, NUN NE APPROFITTA’ PE FA' TROPPO ER CASCAMORTO CO TUTTE 'STE BELLE RAGAZZETTE HA HA HA. COMUNQUE NOI MATUSA STAMO DELLA', DIVERTITEVE.

Rimanemo noi e i ragazzi. A parte 'na ragazza 'n minigonna che arza 'na gamba pe controlla' le contenitive, nun se move foja.
- VABBE' – dice Denis – A MUSICA ALMENO CE L'AVETE?
- EEEEE SI', QUARCOSA AMO PORTATO. BOO ?
Metto er CD fiestamesta. Parte 'n coro de pischelletti che cantano: SCARTA LA CARTA, SCARTA LA CARTA. Ce spizzano schifati. Io già nun so più che 'nventamme. Meno male ce sta Pierdioniggi.
- C'HO I PALLONCINI, ASPE' MO' VE FACCIO ER CANE...
Daa cucina intanto arivano i genitori che stanno a fa' er trenino ar ritmo de A E I O U IPSILON. Fanno er giro der salotto tirando i coriandoli sui fiji, poi se ne vanno. Se sente er padre de Denis che dice OH REGGETEVE EH, CHE MO' METTO I SPANDAU BALLE'.
- Che regazzino mi’padre, eh – dice Denis co lo stesso sguardo che ciaveva all'età sua GIN MORISON, er quale non a caso, popo dopo 'na festa mannata 'n puzza dai genitori, scrisse DE END co l'immortali versi:

TE FAMO 'A FESTA

Ma so' cose che d'artronde, de generazione in generazione, se ripetono uguali:
- MAZZA OH, ME STANNO A RISALI’ I 14 ANNI MIA- dice Pierdioniggi.
- Te divertivi?
- CO STO NOME? LI MORTACCI DE MI'PADRE. SE FAMO 'NA CIOSPA?
Ar secondo trenino dei genitori, Denis ce pija da 'na parte.
- RIGA' TRANQUILLI, METTETEVE SEDUTI CHE TANTO QUA PRIMA DEE SETTE SETTE E MEZZA NUN SCHIODAMO, E' SEMPRE COSI' OGNI VORTA CHE CE ORGANIZZANO 'NA FESTA.
- Ma perché nun je dite che state n quarta ginnasio? Mica ciavete più sett'anni, oh.
- MA SAI CHE C'E'? IN FINALE SE DIVERTONO, STANNO 'NZIEME, SE SENTONO QUAA ROBBA ANNI '80 DE QUANN'ERANO GIOVANI. STANNO BENE COSI', PORELLI.
Poi fa segno a uno appostato alla porta.
- STANNO ANCORA A BALLA'?
- E CHE NO?
Denis tira fòri na bottija de UISCHI STRAVECCHIO che a occhio starà là tipo da trent'anni.
- Aoh ma che stai a fa'? - je dico.
- ZITTA E BEVI, IN FINALE E' A FESTA MIA E DA REGOLAMENTO ME DEVI ASSECONDA'. TE OH, PIERCOSO, CIAI ER FUMO HAI DETTO?
- Eh.
- IO CIO' NA CARTINA. TEH, FAI 'NA CIOSPA.
I genitori gajardi li riconosci subito: so' quelli che quando organizzano le feste pensano agli altri genitori, e portano magna' e beve pure pe loro. Pe li regazzini tanto ce pensa er servizio animazione, no?

Tre ore e sei ciospe dopo, io e Pierdionigi lassamo casa de Denis sfranti come zucchine, coi genitori dietro che s'abbracciano tutti MA CHE BELLA FESTAAAA VERO GIOVANNI? TE SEI DIVERTITO TOMMASOOO? e i fiji "sì sì, come no, avoja, 'namo va' che devo fini' latino" mentre che spippettano coo smartfon.
Tornamo all'aggenzia, riportamo i vestiti e se pijamo 'na miseria e mezza co ritenuta d'acconto e tasse da detrarre, perché l'aggenzia ha deciso che 'na vorta de queste ce mette tutti 'n regola, quindi intanto ce levano i sordi, “poi vedemio eh”.
Pierdioniggi, ancora cor collo incriccato, me da' a mano.
- DAI OH, E' ANNATA BENE NO? SE SEMO DIVERTITI.
- Avoja.
- È ER BELLO DE 'STO MESTIERE. POI OH, PRENDI E ACCANNI QUANDO VOI TE. PRIMA O POI N'ANTRA COSA LA SVORTI, NUN TE PROCCUPA'.
Se salutamo cor bacetto. Sento 'na fitta pazzesca ar collo, ma nun dico gnente.
Pierdioniggi se ne va.
C'ha quarantatre'anni, sta 'n aggenzia da dodici, e ar collo incriccato nun ce fa più caso.
A me m'è appena arivato, ma tanto passa. Adda vede' quando, ma de sicuro passa.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post