LETTERA A 'N PISCHELLO CHE M'HA ACCANNATO

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

LETTERA A 'N PISCHELLO CHE M'HA ACCANNATO

Caro Chevin,

(che te chiami così perché i tua t'hanno concepito dopo che se so' annati a vede' balla coi lupi, e quella sera ce stava 'a luna piena, tutto era romantico e tu'padre disse a tu'madre “vabbe' dai, perché solo i lupi? Famoli pure noi du'zompi”), me sa che tra noi è finita.
Una donna ce lo sente, quando 'na storia finisce. Fiuta l'aria, ciocca l'indizi, avverte 'na strana elettricità, poi vabbe' accende er picci' e scopre che m'hai bloccata ovunque meno che su GUGOL PIU', dove hai scritto 'n post de quelli destinati a mori' ner silenzio:
CHE QUARCUNO SA COME SE BLOCCA QUA?
Allora, siccome che non posso più comunica' con te nell'epoca che tutti comunichiamo pure quando stamo ar cesso, te scrivo pubblicamente. De sicuro nun me leggerai, lo faranno l'altri ma tanto mo' va de moda parla' all'altri delle cose che dovresti di' a 'na persona sola. (Anzi, se c'avevo i sordi me compravo pure 'na paggina der coriere, così l’altri se pensavano che chissà cosa me stavo a spigne).

Caro Chevin, te penso tra 'na pausa e n'antra de 'na canzone su SPOTIFAI, mentre 'na voce in sottofondo me richiama ar presente co grazia: “OH COMUNQUE TE POTRESTI PURE ABBONA', A PURCIARA”.
T'ho conosciuto negli spazi vòti tra 'na storia che finisce e n'antra che comincia. So' spazi piccoli, ce stanno dentro poche persone e ancora meno cose, quindi è difficile che quei spazi diventano storie. Perché a te, pe primo, parono insignificanti. Poi le racconti a n'amico che te risponne “ESTICAZZI” e allora vedi? Non so' io, so' popo insignificanti pe davero.
Però tanti spazi vòti, tutti insieme, ponno fa' na storia. Ce vole soltanto un po' de tempo in più. So' storie che vanno avanti nel corso de secoli, cioè de anni, nun c’entrano tutte dentro 'n pomeriggio, come Marusca quando voleva lavora' da VUITTO'. O Sharon quando quer cojone la sfruttava pe vernicia' l'alberghi. Ma poi, tutti quei pezzetti de storia ne fanno una sola che nun è insignificante, perché c'ha un senso preciso.
Nun se butta via gnente: in natura nulla se crea, e tutto se riciccia.

Caro Chevin, nun hai fatto 'n tempo a diventa' na storia de quelle che racconto er martedì. Hai accannato prima, pe qualcosa che devo ave' scritto, o detto, o non detto e non scritto.
Non me fraintende, nun è che me rode er culo eh. È n'antra cosa.
Te m'avevi popo folgorato. Ma no paa bellezza. E manco pee qualità interiori.
Chevin, parlamose da pari a pari: te facevi rate. Io so' busta, ma te veramente ho visto gente buttasse sotto a 'e maghine pe scanzatte. Nun parlamo dell'inteliggenza, e manco doo studio che c’hai 'a licenza giusto pe anna' all'asilo a ritira’ i nipoti caa delega de tu'sorella.
M'avevi folgorato perché 'n finale eri buono. No bòno eh. BUONO. E quando m'hai offerto er pranzo da mecdonalds ma poi alla cassa te sei frugato e sei diventato viola perché 'nciavevi 'neuro falso, allora te l'ho offerto io e te, che 'n quer momento stavi a fa' a figura demmerda peggiore daa vita tua, m'hai detto “SAI, E' A PRIMA VOLTA CHE 'NA DONNA ME OFFRE ER PRANZO. CHE STRONZI NOI OMINI, SEMPRE A FA' OFFRO QUA OFFRO LA', INVECE E' BELLO PURE FASSE OFFRI' DAE FEMMINE”.
E a me m'hai 'na cifra colpito, sentitte così poco sessista, così democratico. Sai, so' na pischella semplice, a me basta poco e me 'ncarti co tutte l'ova.
Poi er cassiere m'ha detto “OH MANCANO TRE EURI COMUNQUE” e gnente, amo dovuto fa' er giro dei tavoli se ce li prestavano, e la figura demmerda l'amo fatta 'n due. E tre volte più grossa che se la facevi solo te, ma pazienza.
In quel momento io e te avevamo condiviso qualcosa. Era l'inizio de 'na storia.
Che poi, a ripensacce mejo, forse è popo pe 'sta grezza demmerda, che hai deciso de accanna’.

E a me me dispiace, perchè de storie ce campo. Come tutti. O le scrivemo o le leggemo, oppure le vivemo addosso, o de riflesso. Non importa se finiscono bene oppure male. Devono da fini'. Quando restano a metà, me ce sento male.
Io de cose da di' ce n'ho sempre tante, però te quer giorno me 'nterompevi sempre, carezzandome 'n braccio, e me dicevi “SCUSA NUN T'HO CAPITA” perché era passato er culo de 'na cameriera.
E tante cose da di', come li spazi vòti che te dicevo prima, fanno 'na storia. Ma lunga però, 'na cifra più lunga de quelle del martedì. E dentro ce sto io, Sharon, Marusca e er passato mio e daa famija mia, quello che in qualche storiella qua ho accenato e poco altro.
Avevo iniziato a scrivela, poi ho accannato perché boh, dubbi, paura, poi a volte le cose se accannano e basta.
Tutte scuse, a Chevin (sto sempre a parla' co te, ma poi spizza' anche er culo daa cameriera si te va: è er bello de comunica' a distanza).
Pe scrive 'n romanzo bisogna scrive.
Me so' decisa e nun me fermo.
E t'ho scritto 'sta lettera pe due motivi: er primo è che 'sto coraggio 'n pochetto me l'hai dato pure te, quando m'hai defollata. M'hai fatto capi' quant'è importante fini' na storia che è iniziata.
Er secondo è che te volevo di' che te sei scordato qua da me 'a MASTERCARD cor PIN, e se credevi d'esse ar verde, non hai idea de che colore sarai domani dopo che so' annata ar centro commerciale co l'amiche mie.
Ce so' storie che a 'n certo punto se interompono, ma non quando lo voi te.

Te stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

A fanz, ve stimo pure a voi ma stamo ar MIDSISON FAINAL. Boosta vostra tornerà coe storielle der martedì tra 'n par de settimane, forse tre, ancora n'ho deciso bene perché devo scrive 'na cifra. Però se 'nme defollate pure voi, sarete i primi a sapello.

Commenta il post

danslemetro 05/11/2015 10:33

Nooo busta, ste tre settimane so passate. E mo'? Dai domani è martedì!

Boosta Pazzesca 05/11/2015 17:30

ANCORA N'ATOMO DE PAZIENZA AMO

Marina Sciarpetta 03/31/2015 16:18

Io t'aspetto !

ZAZIE 03/31/2015 13:37

te amo bustarella romantichella