IMPREVISTI E PROBBABBILITÀ

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

IMPREVISTI E PROBBABBILITÀ

Da 'n par de giorni mi'padre esce de casa all'ore più strane, e fino qua tutto bene perché pe anna' a mignotte n'è che fai popo orario d'ufficio. Solo che invece de torna' a casa 'mbriaco e stramazza' 'n tera, entra co pile intere der gioco de MONOPOLI. Le squarta, ce fruga drento, poi dice PORCODDENA, butta tutto per aria e se ne va n'antra vorta.
In quer momento m'ariva er primo dei soliti dumila messaggetti quotidiani de Marusca:

IMPREVISTI E PROBBABBILITÀ

Alla MESO' de LUI' VUITTO' semo tarmente fori posto che quando varcamo la soja, l'allarme sòna per principio. Marusca è 'na cifra emozionella, è sempre stato er sogno suo de lavora' qua. SE 'NCE PROVI HAI PERSO GIÀ 'N PARTENZA, è er motto suo. E lei mo' grazie ar tizio dee risorse umane, sòcero der cuggino daa fidanzata der TOIBBOI de una che va 'n palestra con lei, sta a vince bene.
Er tizio ce riceve cordialmente. - CIAO MARUSCA, AH TE SEI L'AMICA MORTO LIETO, OH BENE VE SIETE PORTATE PURE L'APPENDINO, MA QUELLO CE L'AVEVAMO EH. VENIMO AR DUNQUE: MARU', L'AMICA TAMARA M'HA 'NTERCESSO PE TE.
Come parla bene. Se vede che ha studiato.
- SEI DE BELLA PRESENZA, PIENA DE QUALITA', MA ZINNE BUSTA E APPENDINO NUN BASTANO. CE VOLE STILE PE LAVORA' QUA.
- Eh, ma quello nun se compra... - dico io.
- COME NO? NOI LO VENNEMO. MARU', VOI LAVORA' DA VUITTO'? QUARCOSA DE VUITTO' CE LA DEVI AVE', SI NO CHE FIGURA CE FAI. PURE 'NA BORZETTA VA BENE. DAJE, CHIAMAME QUANDO HAI FATTO CHE ER CURICULUM TUO GIA' L'HO MESSO DA 'NA PARTE. CIA' CIA' CIA' CIA'.

Tornamo ar Laurentino co Marusca der colore der guano paa rabbia. - MA CHE M'HA DETTO, CHE SO' DOZZINALA? MA VE RENDETE CONTO?
- E mo' che famo?
- E GNENTE. TOCCA FAMME LA BORZA PURE SE COSTA 'N BOATO. AOH, IO DEVO DA EMERGE, 'STO QUARTIERE NUN ME VALORIZZA.
Passa uno cor motorino. - AMMAZZA CHE ZINNE, SE VEDE CHE CIAI STILEEEE.
Marusca c'ha i lucciconi. - RAGAZZE AIUTATEME, VE PREGO. VOI CE LO SAPETE, CHE SE ME PIJANO VE SISTEMO A TUTTE.
Io e Sharon se guardamo. Lo sapemo entrambe, che 'na sistemata ce servirebbe.
Io c'ho le pezze ar quadraro, Sharon ha appena pestato 'na merda de labbrador.

Annamo a casa de Marusca, 'a mettemo a letto e je dimo de sta' tranquilla. Poi iniziamo a senti' l'amichi, Sharon per esempio ce n'ha uno che je deve da' na piotta e mezzo da 'na vita. Lo chiama e se sente lui dall'altra parte 'n mezzo ar traffico: PRONTO? PRONTO? NUN SE SENTE TU TU TU TU.
Io che der gruppo mio so' quella più SOSCIAL esperta de gnomotecnologgie, arzo subbito 'n proggetto de CRADFANDING dar titolo:

'NA BORZA PAA VITA: AIUTA MARUSCA A REALIZZA' ER SOGNO SUO.

Arivano subbito mijaia de entusiastevoli adesioni:
Albertino wrote: SI' GUARDA TAA STO POPO A PAGA' STA BORZA, METTITE COMODA.
Gyadyna wrote: EEE SENTI MA SE 'NVECE LA BORZA TE LA PIJO DE HÈRMESE? MA ANNATE A LAVORA', A COJONE.
E vajelo a spiega', che a Marusca 'a borza de Vuitto' je serve pe lavora'.

Io e Sharon passamo da casa mia, sconfortate. Apro la porta e casco faccia pe tera inciampando su 'na scatola de Monopoli. Ce sta er pavimento pieno de tabbelloni, funghetti, candeline, imprevisti, cazzi vari e probbabbilità. Mi'padre è impazzito.
- A PA' PORCODDENA – je dico – MA CHE TE SPENNI I SORDI CHE 'NCIAVEMO?
- TRANQUILLA, SO' I SORDI MIA DER FONNO MIGNOTTE.
Tira fòri n'articolo ciancicato der messaggero. Dice che pe omaggia' er sessantesimo anniversario de quando er monopoli è passato de moda, n'hanno fatto uno COI SORDI VERI DENTRO.
Manco er tempo de fini' er trafiletto che stamo tutti e tre sur pavimento a scarta' scatole, butta' tabbelloni, getta' per aria piotte farse che parono coriandoli, caa sottile differenza che i coriandoli vargono deppiù.
Finché nun resta 'na scatola sola. La pija mi'padre. La scarta lentamente.
Vedemio tutta 'a vita nostra che scòre come un film, poi finisce er primo tempo e ar posto de quello che vende i bruscolini ce sta mi'padre caa scatola aperta che grida PORCODDENA pe nun di' de peggio.
Stamo sotto a 'n sercio. E 'n quer mentre, entra Marusca tutta splendida daa porta de casa rimasta aperta.
- AOH, MA CHE STATE A FA'? ABBELLE HO SVORTATO!!!
Ce spiega che co n'aiutino de qua, uno de là e co quello nostro che comunque na mezza piotta 'n due je l'avemo lassata, s'è riuscita a compra' da VUITTO' un portamonete daa scorsa staggione, iperscontato ma comunque fori portata pe' almeno quattro terzi daa popolazione mondiale.
- QUESTO BASTA E AVANZA, ME L'HANNO DETTO PURE LE COMMESSE: TANTO 'NCIAI N'EURO, PIÙ DE DU MONETE CHE CE VOI METTE.
Ce lo fa vede'. È bello gonfio, pare pieno. - AOH, E 'NCE METTI DENTRO DUE SPICCETTI? SENNÒ PORTA ZELLA – dice saggiamente mi'padre, scaccolannose er naso.
Me casca l'occhio sull'articolo der messaggero. Ce sta scritto che 'a scatola der monopoli coi sordi veri sta a gira' solamente 'n Francia. È 'n iniziativa che fanno là.
La gente nun legge mai, e se legge, legge male. E 'sta cosa, unita ar gonfiore der portamonete, me fa veni' n teribbile sospetto.
Pijo er portamonete e lo apro. È gonfio perché è pieno de carta. - Aspetta - dico a Marusca - too sistemo io bene.
Levo i foji accartocciati, ne apro uno.
So' curicula d'aspiranti commesse de VUITTO'. Due tre, tutti insieme. In mano c'ho quello de Marusca, Co quello che ha fatto finora: dar cubbo in disco, a 'o STEP 'n palestra pe sta' n tiro.
- NISUNO CIA' NO SPICCETTO? ECCERTO, SE SEMO SPESI TUTTO MANNAGGIA.
- Tieni - dico a Marusca. J'allungo 'n centone der monopoli. - È er pensiero che conta.
Marusca me dà n bacio che me sporca 'a busta de rossetto, poi ce guarda e dice: - VADO, ME LI MAGNO E TORNO. ABBELLE, È ARIVATO ER MOMENTO NOSTRO.
La salutamo. Poi, mentre aspettamo che torna, se mettemo a gioca' a monopoli. Tanto, che ciavemo da fa'?
Tempo due turni, mi'padre sta già ar gabbio. Sharon pesca 'na carta probbabbilità e j'esce scritto:

IMPREVISTI E PROBBABBILITÀ

Io c'ho l'imprevisto:

IMPREVISTI E PROBBABBILITÀ

Tutti a aspetta' er turno de Marusca. Magari finisce a parco daa vittoria, se fa due palazzi e ce sistema a tutte. Magari no. Ma se 'n ce provi, hai perso già 'n partenza.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post