UN CARCETTO AR PASSATO

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

UN CARCETTO AR PASSATO

E gnente, Gerlando de Marusca s'è messo a gioca' ogni lunedì a carcetto co l'amichi de sempre. A 'sto giro hanno invitato pure le fidanzate a vedesse la partita e Marusca, che pe questioni de obbligo sosciale 'n s'è potuta sgancia', c'ha chiamate a raccolta sennò poi s'annoiava.
- DAJE CHE DUE DE LORO SO' PURE SINGOLZ, TANTO A TE TE PIACENO STEMPIATI NO, A SHA'?

Alla POLISPORTIVA PAPPARDELLA - CARCIO CARCETTO E COMPAGNIA BELLA ce sta 'n gelo che se provi solo a pensa', te se fa 'a granita sopra 'a capoccia. Er LIDER indiscusso in campo è ANTONIO detto BANDANAS pe via der fazzoletto 'n testa. È lui che decide le squadre come mejo je arisurta.
- COSI' SO' SQUILIBBRATE. TE ‘NDO VAI? FAI RIDE, VATTENE CO LORO.
Su 'e gradinate ce stamo noi tre cojone più altre quattro cinque, 'na sagra de bomberini lucidissimi e piumotti firmati CHE 'N SAI LA MANDRACATA OH, L'HO COMPRATO DOPO 'A PUNTATA DE REPORT, SCONTATO TIPO DE DU' SCUDI.
Cianno l'aria famijare, e 'nfatti dopo ave' spizzato male a me e riso 'n faccia a Sharon, 'a capetta de loro ciocca Marusca e s'arza 'n piedi tutta soridella.
- AOH! VARCAROLI MARUSCA! MA TE NUN STAVI ALL'ARISTOTELE?
Anvedi chi ce sta. DELLANIMA ISIDE, fija de DELLANIMA BIZIO, titolare unico daa ditta SPURGO DELLANIMA. Sfonnata de mijoni, e fidanzata storica de Bandanas tipo dall'asilo elementare.
- A Maru', ma che so' quelle der liceo?
- TEE RICORDI BOO? VISTO CHE BELLA RIMPATRIATA A SORPRESA?
E mee ricordo sì. Me le so' accollate io tutti i giorni pe’ cinquanni. Mica come Marusca.
- CHE POI MARU' - dice Iside – ME SBAJO O TE NE SEI ANNATA DOPO CHE T'HANNO SEGATA AR PRIMO ANNO?
- ME NE SO' ANNATA PERCHE' L'AMBIENTE ME FACEVA RATE – ingoia Marusca.

- AOH, E DALLA MEJO 'STA PALLA – grida 'ntanto Bandanas a uno dell'altra squadra.
- MA SCUSA, GIOCAMO CONTRO, CHE TE FREGA?
- NUN VORDI', IO SO' PE ER BER GIOCO.
In tribbuna noi UAGS AND BOOSTS seguimo 'o svorgimento daa partita co finta partecipazione e autentica rottura de cojoni. Passa pure 'n cane che ce guarda come a dicce MA CHI VOO FFA FA', poi tira diritto.
- OH 2-1 EH. MA N'ERA FORIGGIOCO SECONDO VOI? dice Sharon, che potrebbe di' qualunque cosa, tanto chi saa copre.
Iside è quella tutta sicura de sé, come Marusca. So' loro le più sorche, le più simpatiche, le più tutto. Poi Iside c’ha pure 'a grana, ma siccome è ‘na signora nun te lo fa pesa’ pe gnente.

- CHE POI LE MARDIVE NUN POTETE CAPI' A VAGONATA DE SORDI CHE AMO SPESO, MA VOI METTE? MARU', SEI STATA A 'E MARDIVE TE?
- CO GERLANDO SEMO ANNATI A SCIARML & SCICS.
- CAPIRAI, LA' L'ITALIANI CIARIVANO COI BARCONI. HA HA HA DAI E' ‘NA BATTUTA, 'N T'ARABBIA'.
L'altre so' lì pe fa' numero, e di' BRAVA ISIDE tutte 'e vorte che respira. Io quarche vorta dico la mia, ma quasi sempre me parlano sopra. Sharon invece dice che er palo daa porta de sinistra, secondo lei, n'è allineato bene.
N'è cambiato gnente, dar liceo.

- AOH! AOOOOH! E' RIGORE! MA COME NO? MA COME GIOCA? AOH, NUN ME FATE DIVENTA' CATTIVO EH!
Er gioco continua, Bandanas azzoppa Gerlando entrandoje da dietro assassino. Parte la faciolata, tutti contro Bandanas che casca da 'e nuvole: - VABBE' MA CHIÀMATE ER FALLO NO?
'A situazione trascenne, tutti a gridasse contro, alla fine Bandanas pija e se ne va.
- CIAVETE RAGGIONE VOI, SCUSATE. E' CHE SO' NERVOSO PAA ROMA CHE GIOCA MALE.
L'altri, rimasti 'n nove, dopo 'n minuto se scocciano de gioca' e escono dar campo tra 'n moccolo, 'no scaracchio e un OH A ME NUN ME CHIAMATE PIU' EH.

In tribbuna se minimizza er tutto. - CHE REGAZZINI. - CHE PORACCI.
- RAGAZZE ME SPOSO! - Iside se arza, piena dell'attenzione delle altre. - SIETE TUTTE INVITATE!
- ANVEDI! OH ERA ORA! E MO’ CHE ME METTO ALLA CERIMONIAAAA!
- IN SETTIMANA FESTEGGIAMO EH? MARU' TRANQUILLA, SPENNEMO POCO, HA CHIUSO PURE ER POSTO CHE BALLAVI SUR CUBBO, PORELLA.
Vedo distintevormente l'embolo vola' arto fino ar cervello de Marusca. Che dice:
- VABBE', AROTONDO CO 'E FESTE. HO FATTO PURE N'ADDIO AR CELIBBATO DE RESCENTE. AH SAI DE CHI? DE BANDANELLO TUO.
De colpo fa più freddo de prima. Iside 'nse scompone.
- VABBE' 'O SAPEVO, NOI SE DIMO TUTTO OH. GUÀRA CHE ANTONIO È CAMBIATO, EH.
- È CAMBIATO SI'. AR LICEO DURAVA 'NA CIFRA DEPPIÙ.
Se scatena 'n CATFAIT de altri livelli, co Marusca e Iside che se pijano pe' i capelli e se fanno tutte 'e gradinate fino 'n tera, l'altre che afferano una, poi n'antra, a 'na certa se menano tutte senza 'n perché e due de loro vengono pure verso de me.
Io e Sharon, disarmate senza manco 'na borsetta, optamo pe fa' er fugone.
Me fermo solo quando nun c'ho più fiato. Dietro de me, ferma 'n mezzo ar campo, ce sta Sharon che fissa come 'na cojona er palo daa porta.
Mo' che la vedo bene, ce somija popo, ar palo daa porta.
L'altre ner frattempo dopo essise dette de tutto, se so' chiuse drento 'e maghine dei fidanzati, tipo tonne 'n scatola.
M'accorgo solo mo' che sto davanti a 'o spojatoio. Bandanas esce 'n quer momento, pulito e soridente, abbracciato co Gerlando che parlano der più e der meno:
- POI ARIVA 'STA SPOJARELLISTA, CAPIRAI MAA SO' CARZATA... OH CIAO BOO.
- Ma n'avevate litigato? - chiedo a n'antro.
- VABBE' MA CO' ANTONIO SE SA CHE E' COSI', GRIDA PARLA, SE 'NCAZZA MA POI... OH, SE CONOSCEMO DA QUINDICIANNI, EH.

Tornano tutti a 'e maghine, se salutano, s'abbracciano. Le ragazze cianno er trucco sbaffato, ma se fanno ciao da dietro ar vetro come se gnente fosse.
Sharon ha rimorchiato lo stempiato SINGOL, che je da' 'no strappo. Lui è carinissimo, je dice che dopo tutti i pali che ha pijato n vita sua era destino che prima o poi co 'n palo ce sarebbe uscito 'nzieme.
Marusca me saluta, - AMO' SCUSA, GERLANDO E' VENUTO CAA SMART. VABBE' DICE ROMABBUS CHE CE STA ER 776 TRA CENTODIECIOTTO MINUTI. CIA' CIA' CIA'.
- OH MA 'NA VORTA FAMO ‘NA PIZZA TUTTI 'NZIEME NO?, dicono i ragazzi.
- AVOJA COME NO?!, Dicheno 'e ragazze, ar sicuro nee scatolette.
Poi partono, ognuno paa direzione sua.

N'amicizia vera la riconosci quando te dimentichi de 'no scazzo ner giro de ‘no sciampo.
Purtroppo pe noi donne, er problema è che c’avemo a memoria bona.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post