50 SFUMATURE DE SHARON

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

50 SFUMATURE DE SHARON

L'altro giorno io, Sharon e Marusca stavamo 'n metro, direzione HOTEL SCASSLER, bicocca de divi e imperatori. Marusca ha sentito (daa cuggina della sorella de uno che se uozzappano) che sta a facce le interviste un celebbre eroe de tante serie tivvù che mo' manco s'aricorda er nome, ma siccome je fa sangue s'è caricata 'n spalla a me e a Sharon.
- CIOCCA QUAA SCEMA - me dice all'artezza de Garbatella, indicandome Sharon mentre se ritocca er rossetto. - MA SE PO SAPE' CHE CIÀ? GIA' E' NA CROSTA, MO' PARE BAJONI DA RIGAZZETTO.
Sharon in effetti so' qualche giorno che è strana. Nun se capisce se sta bene oppure se è EMO. 'A guardamo mentre sta a scrive' su 'na parete der treno cor pennarello.

NON ODIO LA MIA VITA
ODIO LA MIA REA
LTÀ

- AOH, ANCORA CHE TE RODE ER CULO?, fa er punto con delicatezza Marusca. Poi se arza e je disegna cor rossetto un par de cazzetti vicino alla scritta. ‘Na pischella de cinquanni je fa l’applauso.
Sharon se arza e va a sedesse du’ file più in là, tra ‘na sòra e 'na travella.
- A Maru', però eh – je dico.
- AOH, CHE HO FATTO? UNA SCRIVE I PROBLEMI, IO JE SCRIVO 'A SOLUZIONE NO?

L'hotel SCASSLER è 'na cifra enorme. All'ingresso quella dell'ufficio stampa ce chiede chi sarebbimo, ciancicandoce davanti schifata. Se fingemo giornaliste de LAURENTINO OGGI, lei spizza naa lista, nun ce trova, dice - VABBE' STICAZZI. STANZA 346734890.

Mezz'ora dopo stamo ancora a gira', - AOH ER PIANO ARMENO CIOO POTEVA DI' PORCODDÈNA.
Poi a 'na certa Marusca se ferma e me chiede – MA ERA 346734891, VE'?
- Me pare.
È 'a porta davanti a noi. Bussamo. Apre 'n tizio ‘na cifra ambiguo, cioè elegante, 'n signore eh, solo che de faccia pare uscito da Rebibbia. Ma no pe decorenza dei termini eh, popo pe erore giudizziario.
- EEEEE NOI SEMO QUA PE L'INTERVISTA.
- AH COME NO? PREGO PREGO. MAZZA, QUANTE SIETE.
S'accomodamo naa SUIT, ce fa mette a sede, ce offre 'n prosecchino e du' fusaje de numero.
- ME SCUSI – dice Marusca – MA LEI CHI È? ER BODIGARD?
- CHIAMAME PANTONE CRISTIAN. COLL’ACCA, EH.
- MA L’ACCA 'NDO VA? – pija tempo Marusca.
Capimo de nun sta' dove dovrebbimo da esse. Genie, ve?
- 'NDO TE PARE, SO’ DE LARGHE VEDUTE. DAJE, INIZIAMO. DE SOLITO 'E DOMANDE LE FACCIO IO - se scrocchia le mano, du'palanche enormi - MA OGGI VOJO FA' NA COSA DIVERSA.
Marusca me fa segno de abbozza', pronta a levasse dar quarzo alla prima occasione. Poi passa er blocchetto dee domande a Sharon.
- TEH SHA', NOI SEMO TIMIDE.
Sharon se scalla 'a vosce, poi dice: - Eeee senta mister Pantone, a cosa deve er suo successo?
- ESERCITO ER CONTROLLO SU TUTTO.
- DU'PALLE – dice Sharon – Cioè, chissà a che ora se deve da arza', 'a mattina...
Pantone guarda Sharon intenzamente. Lei abbassa lo sguardo, ma mica pe timidezza: sta a raccoje 'a penna che j'é cascata.
- HAHAHAHAHA TE STO A COJONA’! DEVO TUTTO AI SORDI. SE CIAI I SORDI, ALLORA CIAI PURE 'A FREGNA. SÈGNALO, EH.
Sharon segna 'A FREGNA. Poi fa n'antra domanda: - So' spudorata se je dico che co lei ce farebbi de tutto e infatti so' venuta caa biancheria porca?
- A Maru' – chiedo – ma queste erano 'e domande che avevi scritto pe er divo tuo?
- ECCERTO. IO SO' MODERNA, VADO AR SODO.
Solo che 'a domanda l'ha fatta Sharon, no Marusca. Pantone allora se schiarisce 'a vosce, sputa 'na buccia de fusaja pe' tera, poi dice: - DE CHE COLORE?
Sharon rossa de vergogna dice – Bianca. C'ho solo cose bianche.
- PERCHE' SEI PURA, CARA – dice Pantone. - UN FIORE CHE E' CRESCIUTO NELL'ASFARTO E NER CEMENTO. CARA, CE STA 'N MONNO DE COLORI, TII FARO' CONOSCE IO, DAA PRIMA ALL'URTIMA SFUMATURA. VOI DUE ANNATEVENE, PIJO LEI.
- SCUSA MA TE CHI CAZZO SARESTI? - viene ar punto Marusca.
- COME CHI? GUARA CHE IO C’HO AVUTO N‘INIZZIO DIFFISCILE NAA VITA. SHARON, NUN POSSO STACCAMME DA TE. FIRMA QUA.
Quaa cojona firma senza manco legge, ‘na copia pe lui e l’artra pure. Spizzo tra 'e righe, ce sta scritto:

IO SO' ER DOMINATORE
TE SEI 'A SOTTOMESSA
SE PARLI PIJI PURE LE BOTTE
VI
E
N
I MAGNATA

Provamo a falla raggiona' ma nce so' storie, ormai ha sbroccato der tutto.
- CO ME SHARON SAPRA' CHE ER PIASCERE VERO SE PO RAGGIUNGE PURE ATTRAVERSO ER DOLORE E 'A SOFFERENZA, dice Pantone pulennose er dente co 'no stecchino. - MO'LEVATEVE DAI COJONI, VOANTRE.
Sharon fa de sì co 'a capoccia. Tocca pija' e annaccene.

Se 'nfrattamo ar cesso che manco in treno senza bijetto, ma 'n s'accorgemo che era quello dell'omini e ce tana 'n cameriere. 'A sa lunga, ce dice che Pantone è 'n realtà noto ai più come CRISTIANO ER PANTERA, coll’acca pure quella 'ndo te pare, un passato romantico naa banda daa MARANA e 'n presente ricicciato ner ramo MAFIA, VERNICI E SOTTOSFRUTTAMENTI ZEROPAGATI.
Se mettemo dietro a 'n ficus in corridoio pe aspettalla che esce. - ME SENTO 'N CORPA – dice Marusca – N'AVREBBI DOVUTO DISEGNAJE I CAZZETTI 'N METRO, HO TOCCATO 'N NERVO SCOPERTO ME SA.
Mezz'ora dopo Sharon esce, vestita come mai l'avemo vista prima.
MAJETTA BIANCA, SALOPETTA E PENNELLO CINGHIALE.
Er Pantera con la acca 'ndo te pare la saluta. - COMINCIA DA QUA, POI ME PITTURI TUTTA L'ALA EST. M'ARICCOMANNO, LI GUSTI MIA SO’ SINGOLARI, NUN SAREBBI ER CEO DAA PANTONE VERNICI ESSE ERE ELLE, D’ARTRONDE. VADO A MAGNA', BELLA PE TE.
Spuntamo fòri dar ficus. Sharon continua a spennella' senza inculacce de pezza.
- MA SCUSA - dice Marusca - TE PIACE ER DOLORE? E TE PIJAVO IO A CARCINCULO, NO?
- SO' SARDOMANICHISTA VABBENE? LUI ME ILLUMINA, VABBENE? NO VOI CHE SIETE DUE STRONZE!!! NUN CE STA DOLORE CHE ER GIUSTO PANTONE NUN PO' COPRI'.
Allora pijo er rossetto de Marusca daa tasca sua e scrivo sur muro

NON ODIO LA MIA VITA ODIO LA MIA REALTÀ.

Sharon se ferma.
- Prova a copri' questo cor pantone se ce riesci – je dico. - Tanto pure se lo copri, 'a vita tua nun cambia.
- E COPRI PURE QUESTO – dice Marusca disegnando 'n cazzo enorme sotto 'a scritta.
- A MARU' ECCHECCAZZO PERO'.
- VABBE' ERA PE RENDE MEJO ER CONCETTO OH.
Aritorna er cameriere dell'albergo: - AOH MA CHE VE SCRIVETE SUR MURO, CHE STATE A SCOLA LI MORTAAAACCI VOSTRI.

Scappamo tutt'e tre come se ciavrebbimo dietro tipo er diavolo, coremo coremo come 'e pazze finché n'arivamo aa metro, se buttamo drento ar vagone e atteramo 'n tre sopra a due sedili.
Se guardamo e ridemo come tre cojone.
Stamo noo stesso vagone dell'andata. Ce sta ancora 'a scritta de Sharon coi cazzetti sotto de Marusca.
Quarcuno ha provato a grattalla via co 'a chiave, ma ce vo'altro pe scancella’ ste cose.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Kinaglia 02/18/2015 06:00

Stai sempre sur pezzo.

alessandro 02/17/2015 16:04

"fa er punto con delicatezza Marusca"...... devo di' che già qua stavo srotolato dae risate....
bel rientro Boo!! soprattutto co' 'n tema che de sti giorni c'è tanto caro a tutti.... frequentatori de cinemi e no.... 'a tinteggiatura dee pareti de casa!!! Approposito, io pure dovrei fa' fa' du' pareti e 'n soffitto... me dai er numero de Sharon??? o è quello della camera de Pantone??