'A BOOSTA DER CORE - VENTISCINQUE LUJO 2014

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

'A BOOSTA DER CORE - VENTISCINQUE LUJO 2014

'a posta nova ve piace tanto e io so' contenta. Mo' però siccome sto a sbaracca' che vado ar mare, eccovela qua senza troppi PREANGOLI.
Er PDF alla fine caa paggina der giornale nun ce sta che c'ho probblemi tecnici che appena li risorvo poi ce la metto.

OCCHIO CHE NUN ME FERMO MANCO AD AGOSTO: ER VENERDI' ESCE LA BOOSTA DER CORE SUR GARANTISTA E POI LA SETTIMANA DOPO LA METTO QUA vabbe' ate capito v'ho fatto 'na capoccia così.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Cara Boo,
tutti me dicheno "Ammazza che ber lavoro che fai, stai sempre in giro". Vorebbi vedelli io a sta' ‘na settimana appresso a me, ariscapperebbero subbito a fa’ pausa pranzo co’ inzalatona ai gamberetti sotto l'ufficio.
Viaggio sempre, un giorno de qua un giorno dellà, e nun me riesco mai a affeziona’ a nessuno. Pure se vedo quarcuno de carino (e comunque nun lo vedo quasi mai) poi quella cosa “oggi 'no sguardo, domani 'n soriso, dopodomani er caffè” nun la posso fa', perché dopodomani chissà ‘ndo sto.
Er uichende quando torno a casa me dedico all'amichi de sempre e mai ‘na faccia nova, mo' se stamo pure a fa' vecchi e molti c’hanno fiji, nun te dico che allegria... lassamo perde facebook, che è ‘na sòla.
A boo, che devo da fa'? Rimango zitella?
Comunque oh te seguo sempre e già sei la mia numera uno, se mo' me risorvi pure 'sto probblema te faccio ‘na statua!
Sempre affezionatissima
VERUCCIA TUA

Veruccia der còre mio, senza lavoro nun se vive, ma senza amore se vive male. Tocca adeguasse ai ritmi moderni: l'amica mia Marusca per esempio sbriga tutto 'a prima sera, sguardo soriso caffè e ammazzacaffè. Può darsi che è poco tempo pe’ fa' nasce quarcosa: domani nun sai 'ndo stai, dopodomani tantomeno, ma intanto er passaggetto pe anna' all'aeroporto la mattina dopo l'arimedi sempre.

Io te volevo raccontà de uno che c'eravamo innamorati, solo che io so’ separata e lui invece se voleva separa’, ma poi invece no perché dice che lei se buttava dar terazzo. Però me pare che se se buttava era mejo pe’ tutti. Io e lui insieme stavamo ‘na crema, e mo’ me manca. Storia vera,

fedelerrima tormarancina

Tormarancina bella, quando te innamori finisce che parti de brocca e perdi de vista er fondamentale: l'omo ideale è quello che abbita ar piantereno. E che de 'sti tempi, tanto pe nun rischia', ha messo pure le inferiate.

È bello, sportivo, simpatico, intelligente, ricco (mettiamolo alla fine per darci un tono e fare finta che non sia importante) e soprattutto mi adora. Però quando scrive fa diversi errori di ortografia. All'inizio erano gli apostrofi, poi gli accenti e ora pure le h… Ma lo posso mollare solo perché la sua prosa lascia un po' a desiderare e soprattutto non è che sto diventando lesbica?
A Boo aiutame te.

Francesca

Amo' prova a fallo parla' coi fiori, che esprimono l'inesprimibboli oltre er significato dee parole stesse: poi se te porta 'n mazzo de scarole ripassale co’ ajo e ojo, ma lui mannalo popo a ripassa' l'italiano.

Commenta il post