LE COSE CHE SE VEDONO (Canto de Natale de Boosta)

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

LE COSE CHE SE VEDONO (Canto de Natale de Boosta)

L’artra sera me ne torno a casa dopo che so stata undiciore co Marusca da EUROMA DUE a fa’ i regali pe Gerlando suo, e trovo mi’padre sbracato 'n portrona davanti alla tivvù. Spenta. Allora me so' preoccupata che nun stava bene.
- A pa’, tutto bene?
- GN.
- Te preparo quarcosa?
- GNNN.
- Pajata.
In genere la parola PAJATA pe mi’padre è come aggità ‘na scatola de croccantini a un gatto che te vo’ cojona’ giocando a nascondino: sarta fori subbito e te dice vabbe' amo giocato, quannè che se magna? Ma invece stavorta gnente, resta là a guarda’ er televisore spento.
- HAI PROVATO CO 'A PAROLA MAGGICA? - se sincera zio Spartaco al telefono.
- Sì, ma resta sempre in stato CATACOMICO.
- TOCCA PASSA' DA 'E PAROLE AI FATTI. PREPARA 'A PAJATA, STO A PIOTTA'. CLICK.
Zio Spartaco n'è fratello de mi'padre così, per caso. Se scofana du’ porzioni de pajata in tre secondi netti, poi esprime er giudizio mejo de li giudici de MADDECHEF, cor tipico rutto bitonale suo.
Poi s’accenne 'a dianablu e se mette scomodo sulla sedia de legno sbreccato che anfatti trabballa un po’.
- È grave, zi'?
- Ma no, belladezzio, je famo 'n rinforzino co ‘na vite, ‘na scartavetrata, 'n par de mani de trasparente e 'a poi rivenne a monno convenienza.
- Papà, no 'a seggia.
- Ah, papà. Vabbe' Boo, è Natale, 'o sai no?
- GNNN – dice papà. Manco 'a pajata l’ha smosso, ma in quarche modo, a modo suo, è presente.
- A Boo – continua zio - nun poi capi' quello che succede mo' si nun pensi a quello che è successo tipo ventun'anni fa.
- Ma perché popo ventuno?
- Perché magari vent'anni fa n'è successo 'n cazzo, e ventuno invece sì.
Allora chiudo l'occhi e ce penso. Er freshbacks parte n’automatico e n’atomo dopo sto ne

Er Natale passato

Ventun anni fa 'a vita ar laurentino pittrentotto era ‘na vita de momenti belli e brutti, de incertezze esistenzievoli tipo AOH MA QUANNO PASSA ER SETTE E SETTANTASEI? e er conforto de voci amiche che te rispondevano CHIEDIMENE N'ANTRA, QUESTA NAA SO. Insomma più o meno come mo’, però 'nce stava feisbuc.
A casa mia l’unica certezza era che, in un modo o 'n un altro, mejo nun sape' come, mi'padre c'avrebbe fatto magna'. Pure pe la viggilia, eh. Dopo cena mi'fratello Daniele, che ner passato ancora nun se chiamava Pablo, m'avrebbe menata con l'affetto protettivo der fratello più grande, che già era arto 'n metro e ottanta a quattordicianni e portava tipo 45 de piede. Poi era er momento der VUACCAESSE tarocco noleggiato, sempre firm imperdevoli tipo INTERVISTA COO SVAMPITO, tutto smagnetizzato cor sonoro MONO e MONCO e ogni tanto se n'annava er firm e per tre secondi se vedeva ‘na puntata de DOMENICAIN che avevano reggistrato prima.
Poi arivava mi'padre e levava er vuaccaesse.

- VABBE', TANTO 'NSE CAPISCE GNENTE. OGGI SE VEDEMIO GIOCHI SENZA FRONTIERE. 

Sta 'nzana passione de mi'padre pe giochi senza frontiere veniva dall'anni settanta, e nun ce stavano santi, toccava vedesselo. Quando l'hanno levato dar palinzesto credo che ha pure firmato 'na petizione, è ito sotto ar cavallo de viale Mazzini coi conduttori, ha protestato, ha gridato, poi è tornato a casa, ha cenato, s'è messo a letto e er giorno dopo s'era messo er core 'n pace.
Europeista daa prima ora, dunque marvisto dalle nove generazzioni future tipo me e mi’fratello, se piazzava su 'a portrona e ce imponeva ‘sta traggica visione. Quanno l’Italia vinceva ‘na puntata, pe’ festeggia’ metteva le canzoni allegre de MIMMOLOCASCIULLI appalla, e davero nun sapevi de che morte mori’.
Poi quanno ce stava l'edizione invernale era ancora più triste dell'altre. E dire che nella mia giovine vita n'avevo viste de cose triste, eh.
Mi' fratello se mette davanti aa tivvu', zitto e muto. Poi se mette a fa' 'n tifo che manco 'n curva sud.
Mi'padre è tutto contento, - DAJE DANIELI', BRAVO A PAPA'! A BRU', GUARA COME SE FA A TIFA'! I-TA-JA! I-TA-JA!
Ce sta 'n testa a testa all'urtima punta de canoa tra er cazzetto itajano e quello francese, 'n momento che ammàppalo, moo dovevo popo ricorda' da tanto che era emozionante. Mi'padre e Daniele stanno a grida' fomentatissimi, chi ce sente ormai lo sa che pe noi 'nce sta più nisuna speranza, allora se sta zitto.
A canoa francese vince de 'n pizzico. Se parlano, s'afferano, poi confermano: vince 'a Francia.
Mi'padre nun dice gnente. Daniele fa 'n sarto fino ar soffitto, poi grida:
- SEEEEEEEEEEEEEEE! EVVAIIIIIIIIIIIIIIIIII!
Mi'padre senza, scomposse, dice: - Danieli', core de papà, amo perso eh.
- TE HAI PERSO! ATTACCATE A 'STA CEPPA E TIRA FORTE! FRANCIA FRANCIA FRANCIA, OH MO' SOO VEDEMO ER FIRM?

Er firm se vedeva male, ma 'a VUACCAESSE tarocca scajata da mi'padre Daniele la vede benissimo. Se scansa, poi scappa popo de casa, co mi' padre che je core dietro e je grida: - NO MA SCUSA POI RIPETE? NUN T'HO 'NTESO BENE.
Io resto da sola co 'na montagna de piatti da lava' della cena, e me metto a lavalli.
Ventun anni fa ho capito che ero mezza francese pe parte de madre, che mi'madre n'era più parte de quella che era 'a famija mia, ma che 'n quarche modo dentro de noi ancora ce stava.

Er Natale presente

Apro l'occhi e dico: - A zi', dici che è pe mamma che papà sta così?
Mi'zio l'occhi ce l'ha chiusi, mentre che raccontavo s'è abbioccato.
Mi'padre continua a esse diversamente viggile, ogni tanto dice GN.
Ce so' momenti che ciai bisogno de 'n sostegno, tipo l'amiche tue.
Le chiamo, je spiego tutto, de mi'padre che manco alla pajata risponde, e loro se precipitano.
De loro me posso fida' sempre. Ar liceo amo fatto pure er patto de sangue, durante 'na gitarella fori porta ar deserto de Manziana: qualunque cosa succederebbe, sarebbimo sempre insieme. Un patto che amo messo subbito 'n pratica, perché mezz'ora dopo eravamo tutt'e tre ar pronto soccorso a ricovera' Sharon, che s'era schioppata 'na vena invece de fasse 'n tajetto.

 

momenti artamente generazionali ar deserto de Manziana

momenti artamente generazionali ar deserto de Manziana

Arivano a casa tutte carucce acchittate, Marusca in caloscia verde elfo e trucco SMOCCOLI EYES copiato male da CLIOMECAP, Sharon crosta acqua e sapone de suo.
- AUGURI BOO, AUGURI AMO', MA NZOMMA CHE E' SUCCESSO? ANVEDI TU’PADRE. SOR DUILIO ME SENTI?
- GN –
dice mi' padre.
- SHHHHHHHHHH – dice mi'zio Spartaco, che vole dormi'.
- AOH – dice Marusca.
- eh – dico io.
- MA CHE HAI FATTO 'A PAJATA? MA NUN TE DOVEVI DA DISTURBA’, STAMO TRA NOI. CERTO PERO’ SAI, 'N LANGUORINO CELAVREBBI. VABBE' FAMOLI RIPOSA' SU, 'NAMO A MAGNA'.
Se magnamo la pajata avanzata, ridemo, scherzamo, Marusca se fa li SERFI co zio Spartaco che russa co 'a bollicina ar naso e mentre fa finta de addenta’ a capoccia de mi’padre davanti a televisione spenta. ‘Nzomma, e solite cose che se fanno a sera de natale e che famo noi tre quanno stamo nzieme. Vabbè a Sharon perché ridemo je lo dimo dopo che nun è popo sveja de suo, se sa. Poi citofonano, è Gerlando, me dice Marusca AH SI' SAI J'AVO DETTO CHE STAVO QUA, A BOO CHE TE DISPIACE FALLO SALI'?, allora sale e magna pure lui e parlamo 'n po' de tutto, ner mentre che ce famo du’ giri de tombola e tre de sette e mezzo cor morto. Tipo che Gerlando ha avviato 'na nova palestra, poi forse lui e Marusca vanno a balla' ar vejone che però ce vanno già magnati che OH VONNO DUE PIOTTE A CRANIO EH, SI NO MANCO TE FANNO SEDE', PERO' POI 'A COSA PIU' SCRAUSA E' ER TOTANO TARTUFATO.
Marusca è un po' così, je piace tanto de di' de lei, dee cose sua, nun se ricorda che magari io 'nciò né l'omo né l'euri pe comprammelo e facce quarcosa, ma vabbe', però so' contenta pe lei come tutte 'e feste comannate e comesoannate che 'sta cosa puntuarmente se verifica.
Poi spizzo Sharon che ride, ed è bello vede' che quarcuno apprezza er teribbile limoncello chimico der discaunt che ha portato mi’zio, e pure che quarcuno de 'sti tempi canta 'nzieme a me SINGOL BELL, SINGOL BELL.
Poi citofonano n'antra vorta. Er postino 'n è de sicuro, li conguaji so’ già arivati tutti. E infatti chiedono de Sharon, ma nun capisco bene chi è. Je grido de sali', anzi, de scenne, e apro 'a porta.
Chi te entra? EL MAGO EL RAFAEL.
Sharon ride ride, poi smette de ride e je dice - CIAO.
- Nun t'aricordi de quando te ho detto che nun potevo fatte vive 'na vita de stenti e de miseria?
- NO
– dice Sharon.
- Eh, ma io te l'ho detto però eh.
- MA DEV'ESSE ER CELLULARE MIO CHE PIJA DEMMERDA, EH.

- Vabbe' m'ha detto tu'madre che stavi qua. Te volevo di' ‘na cosa.
Silenzio.
- Ma st'odore che d'è? Pajata?
- AOH SEI POPO UN MAGO, COME HAI FATTO?
, grida Sharon, corpita dar fascino EQUIVOCABILE di El Rafael.
- Vabbe' ho capito, siedete – dico.

Mentre se magna 'a pajata, EL RAFAEL ce spiega che s'è fatto 'na lunga TURNE' internazionale pe fasse conosce e torna' ricco, anfatti è annato fino a Santa Maria de Leuca e Bussoleno. Siccome però nisuno je ne fregava gnente de fasse ipnotizza', ha ripulito tutto l'autunno ‘na cifra de cantine e ripostiji. N'è diventato ricco né famoso, ma ora c'ha quattro mesi d'affitto coperti e 'NZOMMA SHARON TE PREGO PERDONAME, FORSE QUARCOSA TAA POSSO OFFRI', VABBE' 'STI MESI SEMO COPERTI POI VEDEMIO.

Sharon ce pensa su 'n atomo, poi dice:
- MA DAVERO TE N'ERI ANNATO? MA IO IERI CO CHI STAVO A PARLA'?
Silenzio. Sharon spizza ar volo 'a cronologgia recente der cellulare.
- VABBE' GNENTE. RAFAEL, TE AMO. ME PORTI DA ZARA? 
A 'na certa me fanno VABBE' BOO, S'E' FATTA 'NA CERTA e s'arzeno tutti 'n coro, chi deve anna' de qua, chi dellà, chi deve anna' da Zara eccetera.
- A BOO MA VOI VENI' CO NOI A FA' SCIOPPING? CE STA 'A NOTTE BIANCA DE NATALE, TUTTI LI NEGOZZI APERTI, ‘NA FICATA.
- No, vabbe', aspetto de capi' che c'ha mi'padre.
- OH M'ARICCOMANNO FAMME SAPE' EH. CIA'CIA'CIA'CIA'CIA'CIA'. GERLA', 'NAMO CHE SE M'HANNO ZOTTATO ER CJËKAGNYËN SBRECCATO ALL’ANGOLO DELLE SÒLE DA ICHEA ME LA PIJO CO TE.
Me vorto e ce sta zio Spartaco che sta a usci' pure lui, stropicciannose l'occhi.
- Tu'padre s'e' arzato?
-
No.
- È Natale, Boo. È Natale.
-
Eh, ma 'n che senso?
- CHE A NATALE CE SO' COSE CHE NUN SE VEDONO, PURE CO 'E LUCETTE. BELLA CI', GRAZIE PAA PAJATA.
Vado 'n zona cucina. Ce so' na marea de piatti da lava', e me metto a lavalli.
Dopo cinque minuti, sento 'na mano che me tocca 'na spalla.
- CHE CE STA ANCORA PAJATA? - me chiede mi' padre.
- Quer piattino là – je risponno.
A QUER ha già finito de sporveralla.
- A pa', ma che c'hai avuto se po sape'?
- BOH. CHE C'HO AVUTO? ‘NA MAGHINA, ‘NA VORTA, POI J'HANNO DATO FOCO.
- No, oggi. Perché nun me rispondevi?
- AAAAAAAH – dice. Se leva 'n par de cazzetti dall'orecchi.
- AURICOLARI UAIRLES BLUTUT CO FIBBRA OTTICA INTEGRATA. PICCOLI PICCOLI. ROBBA RUSSA, NUN LI VEDI. E' N REGALO DE ZIO SPARTACO, 'N T'AVO DETTO CHE M'HA FATTO L'EMMEPITRE DE TUTTI LI DISCHI MIA?
No. Manco lui. Se vede che era venuto pe n'antro motivo.
- TEH, SENTI QUA CHE ROBBA – dice papà, e me 'nfila l'auricolari nee recchie.
Se sente un butleg de MIMMOLOCASCIULLI.
Papà nun sento più che dice, quarcosa che finisce co JONI CHE VADO A DORMI'.
Visto che me spegne puro tutte 'e luci de casa nun serve manco che chiudo gli occhi, e penso a
 

Er natale futuro

Che è ‘na cosa difficile da immaggina'. Io penso a 'n futuro imprecisevole, chenneso' tra ventun anni, e sento voci, suoni, rumori, 'na gran caciara. Pure er pianto de quarche pischello.
Arcune voci le riconosco, altre invece nun so chi sono, de sicuro so' quelli che non ho ancora conosciuto e che me so' entrati nella vita, chi chiedendo chi no, seconda quanto so' stati educati.
Sento tutto questo e me sento felice de quello che ho.
Sento e nun vedo, perché a Natale ce so' cose che 'n se vedono. È Natale e sto 'n cucina, 'na cucina come tante ma meno peggio de altre, ma in finale chissenefrega, la cosa bella è che nun so' sola.
Sortanto che è buio pure naa cucina der futuro, e allora dico AOH L'ACCENNEMO 'STA LUCE?, e sento n’attimo er vòto cosmico 'ntorno a me e l'altri che piottano tutti dellà. Ridono e scherzano e te credo, visto che ar solito nun se devono preoccupa’ de gnente. Però almeno m'hanno acceso 'a luce, uscendo.
Davanti a me ce sta 'na marea de piatti da lava', come ventuno anni fa, diciannove, quindici, sedici, come quasi sempre naa vita mia. Come oggi, pure se è natale.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Daniele trovato 07/07/2014 18:15

Brava. Bello.

Ceska 12/25/2013 17:12

Boo me so presa er tempo giusto e con calma me so letta e goduta er postarello tuo. Me so scese du' lacrimucce e nun poso che auguratte che er Natale Futuro pe' te arivi presto che me sembra meje de quelli passati, ma damme retta mejo se poi la luce nun l'accenni. Un abbraccio grande e auguri a tutta la famiglia.

Annalisa 12/24/2013 01:13

B r a v a

Annalisa 12/24/2013 01:13

B r a v a

Giuseppe 12/23/2013 23:58

Brava Boo. Pero' Giochi senza frontiere era 'na gran ficata. C'ha fatto 'n disco pure Peter Gabriel, pe' di'.

Odradek 12/23/2013 23:31

te sei messa a viaggia' nel tempo manco che er setteesettantasei fosse n'astronave. non se scherza caa quarta dimensione, va a fini' che poi i piatti ce li ritroviamo noi e tu chissà ndo stai

barbara spoletini 12/23/2013 19:20

......a Boostarè artro che Dicchense!sto Natale o leggerò a li nipoti mia pe faje capì che vordì la vita <3 te stimo na cifra

Cristina 12/23/2013 19:13

grande

Sara 12/23/2013 16:48

Questa se chiama poesia.