ER TEMPO DEE GRANDI DOMANDE

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

ER TEMPO DEE GRANDI DOMANDE

L'altra sera me stavo a prenota’ sur sito dell’università pe er prossimo esame daa sessione natalizia ILLUMINISMO E LUMINARIE – L'ASPETTO SOSCIAL DI UNA STORIA LUNGA ‘NA CIFRA e intanto stavo a ciatta’ co Marusca, che voleva sape’ in quale degli ultimi centodieciannove SELFI pubblicati su feisbuc era venuta mejo. Inserisco er pin, er puk, 'a matricola, er numero de scarpe e 'a circonferenza daa caviglia, mentre me piovono dumila scatti in sequenza de Marusca davanti e dietro ar lungomare de Ostia. Devo solo clicca’ pe conferma’ a prenotazzione e di' GAJARDA a ‘na foto leopardata a caso de Marusca, e eccallà: sarta 'a corente e restamo ar buio.

- A BOO, CHE PURE DA TE È BUIO?
- A pa’, casa so' trenta metriquadri eh.
- MA CHE HAI PAGATO 'A LUCE?
- Sì.
- MA CHE È ER CELLULARE MIO QUESTO?
- No.
Me sta a squilla' er telefono.

Buio, eh?

- Ma chi è er tecnico? - faccio io. - Ammàppalo, sei stato 'n furmine.

- È buio anche qui… ovunque regna l'oscurita'.

- Eh, sarà er caso de chiama’ uno bravo allora, se 'n ce capisci manco te che sei er tecnico.

Ma TECNICO DE CHE? MA CHE NUN ME RICONOSCI?

- Boh. Ma scusa poi che te bofonchi? 'n poi arza' a vosce?

IO SO' ADAM CIALTRON.

- Mai coperto. Aspe', ce stava 'n CIALTRONI LANDO 'n quarta fila ar liceo, ma che sei te?

- Annamo bene. So’ quello der programma EVENTI INSPIEGABBILI.

- Bonasera. Che sto ‘n diretta?

Sei vicina alla verità e brancoli ner buio. Ce lo sai che se scrivi ILLUMINATI su GUGOL er primo risultato che esce è STOCAZZO?

- Daje. Te sto a di' che è schioppata 'a corente, che te cerco?
- CERCA DE NUN ROMPE LI COJONI CHE STO A DORMI' - grida mi'padre dieci metri più n là.
- Scusa Lando, m'ha fatto piacere sentitte, però mo' t'accanno che ce sta mi' padre che dorme eh.

Stolta.

-Eh?

- A COJONA. Hai una possibilità unica. Sono in contatto con gli illuminati. Loro ti hanno scelta. Te faranno 'na domanda. Solo pochi mortali hanno avuto questo privilegio. Se risponderai, sarai anche tu un'illuminata.

- Ma è ‘na cosa lunga? Perché ciò tipo er sette per cento de batteria.

E certo. L'illuminati mo' a domanda taa fanno per telefono. ARZA 'E CHIAPPE ED ESCI.

- Ma mo'?

- E quanno domani? Devi anna' 'n via Giuliotti 27 alle 24 e 24. Manco troppo lontano da casa tua. SOLO 'NA COINCIDENZA? IO NUN LO CREDO.

E riattacca.

Ariva mi'padre co 'na candela che manco lui sa 'ndo l'ha trovata.
- MA CHI ERA? AOH MA 'N TE POI FIDANZA' DE MATTINA COME TUTTI?
- Boh, ma che ne so. Era 'n certo Lando, Cialtro, nun se capiva tanto bene.
- ADAM CIALTRON? MA CHE DAVERO? 'A GRANDE DOMANDA DELL'ILLUMINATI? NUN POÈSSE ‘NA COINCIDENZA.
Mo' no, da chiunque t'aspetteresti de sentitte di' na cosa der genere, dar pizzicarolo, dar barista, ma da mi'padre no. Lo vedo tira' fori da sotto ar letto ‘na pila de giornaletti dall'inquietevoli copertine:

ER TEMPO DEE GRANDI DOMANDEER TEMPO DEE GRANDI DOMANDEER TEMPO DEE GRANDI DOMANDE

- L'ILLUMINATI STANNO A CERCA' ER NOVO DISCEPOLO. L'AVEVANO PREDETTO NER NUMERO SPESCIALE DE AGOSTO: “VERRA' 'N MOMENTO CHE PIOVERA', POI CE SARA' ER SOLE, POI TUTTEDDUE 'NZIEME, E SE SIETE DE COCCIO CHE ANCORA N'AVETE INTESO, LEVAMO LA CORENTE E BONANOTTE”. CHE FAI NUN VAI? DAJE, MOVETE.
- A pa', ma è tardi, dici sempre che poi te faccio proccupa'.
- NO NO, SO' CONTENTO. VAI VAI. VEREBBI PURIO, PECCATO CHE DEVO STA' QUA A VEDE' ER PARAVENTO SE PER CASO SPATAFROLLA LI PAMPINONI.
- Eh?
- LÈVATE DAI COJONI.
Allora siccome mi'padre m'ha dato 'a spinta 'nteriore, so' uscita fori. Er Laurentino a quest'ora dorme, avvorto nel buio e nei ponti come 'n pupo che nessuno fiata pe nun svejallo.

- A ZOZZAAAA!
Me vorto. Er laurentino pupo dorme, ma Marusca e Sharon stanno belle sveje.
- 'NDO VAI, CHE CIAI 'NA PUNTA? MA 'NTE POI FIDANZA' DE MATTINA?
- No che punta, 'n ciavevo sonno...
- CHI VOI PIJA' PE 'R CULO? A TE T'HA CHIAMATO ADAM CIALTRON.
- E voi chennesapete oh?
- CIA' CHIAMATO PURE A NOI. CHETTECREDI CHE SEI TE L'ILLUMINATA? A COCCA, PIJA ER NUMERETTO, E' NA VITA CHE STO 'N FISSA CAA GRANNE DOMANDA - dice tutta ‘na botta Sharon.
- “VERRA' 'N MOMENTO CHE PIOVERANNO COCCI COR SOLE, POI LEVAMO A CORENTE DE NOTTE CHE SE NOTA DE PIÙ”. E TE ANCORA NUN M’HAI DETTO SE TE PIACE A FOTO IMG_72098 FRATTO CINQUE - fa er punto Marusca.
Sharon e Marusca stanno 'n fissa co Cialtron, ma io nun me ne so' mai accorta. N'amo mai parlato de 'ste cose. De solito parlamo de cazzate. De rossetti. Teh, de EMI UAINAUS che piaceva 'na cifra a Marusca.
- QUANDO È MORTA EMI UAINAUS, CIAI FATTO CASO CHE ‘O SMARTO MIO CIAVEVA ER NUMERO DELL’ANNI SUA? OTTANIO BRILLOCCO 27. NO, CAPITO? MICA COTICA. 'O SAI CHE VOR DI’?
- No. Che è, 'na via der Tuscolano?
- SE, CIAO CORE. VOR DI’ CHE È TUTTO 'N COMPLOTTO DEE CASE COSMETICHE CHE AMMAZZANO 'E CELEBBRITÀ PE VENNE DEPPIU', LI MORTACCI LORO OGNI VORTA CHE TROVO 'N AILAINER CHE NUN ME SBAFA POI LO LEVANO DAR COMMERCIO. PURE MERILIN SAA SO’ BEVUTA PE DU’ SPUTI DE SCIANEL, CHE TE CREDI?
Sharon guarda ner voto. Vabbe', è normale che Sharon guarda ner voto. Poi dice:
- A Boo, ma che davero nun te sei mai accorta de tutte 'e cose strane che 'n cianno spiegazione? Perché a me, quando ce 'nterogavano che tiravano a sorte, usciva sempre er nome mio?
- Vabbe', Sha', ma quello perché...
- Ma chennesai te. Adam ce lo sa. Lui moo dirà.
- Ma n'è lui che ce deve fa' na domanda?
- Aoh, 'na cosa jaa potrò chiede purio, no?

Semo ‘na cifra emozionate che tra 'na cifra de gente Adam ha penzato popo a noi.
Marusca me spiega che alle 24 e 24 de solito l'illuminati aprono 'n varco verso l'altra dimenzione pe parla' co l'antichi e chiedije se stanno a fa' bene le cose. Durante quer varco poi parla' pure te co l'illuminati, ma solo fino a 'e 24 e 27, ora 'n cui l'illuminati vanno a dormi' e chiudono tutto, perché cianno 'na certa e se sentono pure 'no spiffero poi er giorno dopo stanno incriccati fino a mezzogiorno, probblema nun da poco pe chi deve sempre sta' a spizza' da dietro le quinte 'a situazione globbala internazionala.
Io mentalmente l’illuminato me l'immaggino fascinoso così, co 'a voce cavernosa pe l'eventi vissuti che solo lui li sa:

illuminati che parlano caa raucedine

illuminati che parlano caa raucedine

Arivamo a via Giuliotti a 'e 24 e 22 pe nun esse cafone, e ar civico 27 ce trovamo mezzo Laurentino. Omini e donne de tutte le fasce ANAGRAFONE, chi cor cappotto, chi cor bomberino, chi grida FACCE 'N SALUTO, ADAM FACCI 'N SALUTOOO.
A modo nostro, semo tutti 'n po' speciali. Magari non specialissimi, ma 'nzomma tutti parecchio sicuri de esse mejo de quello che c'avemo a fianco.
Pe esse ‘na cosa segreta, me sa tanto che quarcuno nun s’è tenuto er cecio 'n bocca.
- Ma 'ndo sta Adam Cialtron? - chiedemo.
- Sta a scenne, j'avemo citofonato – ce rispondono.
Dieci minuti dopo scende uno vestito tutto de nero, co 'n bavajo nero, er vestito nero, li capelli neri co 'a ricrescita bianca, er tipo de quelli cor carisma che te mettono soggezzione dall'arto der loro metro e cinquantaquattro circa.
- MA CHE SEI TE ADAM CIALTRON? Je chiede uno.
- No, me so' messo 'a mascherina antismog. Eccerto che so' io.
- Ma 'ndo sta? Io noo
vedo – dice Marusca.
- Ciocca 'n basso – je risponno.
- Oh, boni 'n po', che gia' n ce sto a capi' piu' gnente. Allora, er richiamo dell'illuminati vedo che e' arivato a destinazione. Ammàppalo quanti siete. Ma v'ho chiamati a mijaia, l'altri 'ndo stanno?
- AA FERMATA DER 776, ADAM. L'HO VISTI IO, TRANQUILLO. SAI, VENGONO DA
FORI.

- ADAM, A ME M'HAI FATTO PURE 'A CHIAMATA A CARICO.
- Avo finito er cr
edito – dice Adam – ma che so' du'lire 'n confronto alla possibbilità de esse n'illuminato?
'a gente nun sta più ner cappotto. FACCE LA DOMANDA ADAM, 'A SO IO HO STUDIATO, IO TE SEGUO SEMPRE DAA PUNTATA DEGLI UFO AR MANDRIONE.

Adam caccia daa tasca 'n bijettino appallottolato, 'o srotola, se schiarisce 'a gola, poi co 'na voce dall'ortretomba dice:
- Vortura.
- Ma nun è manco ‘na domanda, oh - dice quarcuno.
Adam sospira, se vede je girano le cose.
- 'A VORTURA! AOH, MAZZA CHE BELL'ELETTI, EH. COME CAAAZZO SE FA 'A VORTURA DELL'ACEA?
- Ma s
cusa – je fa uno, - guàra che 'a vortura se fa solo cor telefono.
- Aoh maddeché, se fa cor gasse.
- Oh Adame, comunque n'e' questa 'a domanda dell'illuminati. Sur forum de eventi inspiegabbili dicevano che usciva quella su 'e tori gemelle che in realtà so' stati li juvent
ini.
- A CHICCHI – taja corto Adam – O 'A SAPETE O NAA SAPETE, MICA STAMO A 'E TRACCE DE MATURITA'.
Er segreto è 'na domanda che nun sapemo risponne.
Sharon guarda ner voto. Marusca se lima le unghie, poi me dà ‘na spinta e dice – A CIALTRON, L’AMICA MIA CE LO SA, HA LAVORATO PURE AR CALL CENTER DELL’ACEA.
- Li soliti raccomandati! È n’im
brojo! – a folla nun se tiene, e io 'a risposta manco la so.
- DAJE BOO, CHE TE FREGA. JE DICI ‘NA CAZZATA E DIVENTI ILLUMINATA - dice gridandomi nell’orecchio Marusca, mentre Sharon soride guardando ner voto.
- Vabbè, s’è fatta ‘na certa e tra un po’ piove pure. Giovine illuminata, venga a riferirmi la risposta nell’androne der palazzo. L'altri ponno pure annassene, ma 'nciavete 'na casa?
Marusca spigne me e Sharon dentro l’androne.
- AOH, SENTITO ER MAGO OTELMA? SCOLLATE 'E CHIAPPE. PERMESSO PERMESSO, IO SO’ L’AMICA DAA NOVA ILLUMINATA, BIONNO CE SENTI? E SPÒSTATEE.
Intanto 'a folla se dilegua, mossa dar carisma de Adam e pure dar fatto che, hai visto mai, piove davero.

Mo’ stamo io, Adam, Marusca e Sharon. Adam sale un paro de gradini, fino a guarda' perfettamente dritto nell'occhi 'e zinne de Marusca.
- Come l’hai capito?, chiede a 'e zinne de Marusca.
- CHE L’ILLUMINATA ERA L’AMICA MIA? MA GNENTE, SEMO AMICHE DA TANTO, IO CE L’HO SEMPRE SAPUTO CHE È SPECIALE. ANCHE IO SA, HO DELLE DOTI...
- Allora 'n hai capito 'n
cazzo.
- NUN PO’ ESSE ‘NA COINCIDENZA!, se ripija Sharon, prima de torna' ACACOFONICA.

Ce so' momenti che tutto er sapere tuo te torna utile. Stai ‘na vita a pensa' che quello che te fanno impara’ a tamburella a scola nun te servirà né mo’ né mai, che le esperienze lavorative nei call center de mezza Roma te aiuteranno quando meno te lo aspetti, che magari oh, hai visto mai, ‘na cosa prima naa sapevi, e poi tuttanabbotta invece ce la sai.
Se hai sempre pensato così continua a pensallo, che c’hai ragione da venne: so’ tutte cose vere.
Mo' però c'ho sei occhi addosso, poco tempo e questi vonno risposte, mica caramelle.
Allora, ner mezzo de 'sta luce che va e viene, m'ariva n'illuminazione:
- Me gioco l'aiuto da casa – dico due vorte, perché Adam è leggermente duro d'orecchia.
Mando 'n sms, sperando che 'a batteria me tiene. Tiene. È tardi, ma ce lo so che me risponnerà. Infatti me ariva subito er messaggetto de risposta

TRE MINUTI E PIOTTO LÀ.

Du' minuti e cinquanta dopo se sente ‘na sgommata familiare.
Dar buio se palesa zio Spartaco, uno che de illuminati e de collegamenti occulti se ne intende: ha allacciato abbusivamente intere palazzine a li tempi che ar Laurentino dovevamo fa' un po' tutto da soli. Tipo mo'.
- Dimme l’interno presciso de dove voresti fa' a vortura – ariva subito ar dunque zio Spartaco.
Adam je lo dice. Zio Spartaco ce pensa, poi legge du' foji, scote 'a capoccia.
'sta vortura naa firma', quelli che stavano qua prima t'hanno accollato li buffi loro. Fatte 'n contratto novo. Ciao Boo, se beccamio. Ma nun te poi fidanza’ de mattina come tutti, eh?
Pija, da' na spizzata a 'e zinne de Marusca e se ne va.
Adam sale 'e scale senza manco dicce ciao.
- A ADAME, MA CE CHIAMI 'N DUMILA PE RISOLVE LI FATTI TUA E POI TE NE VAI COSI'? NO, BRAVO EH - Je dice Marusca.
Adam se vorta, se leva er bavajo. Der carisma e der sintomatico mistero resta poco. Anzi, a spizza' mejo ner buio me ricorda pure un pochetto SPACCIAFOCO ARDO, ex autista atac in penzione da mo'.
- A PISCHELLE' – ce dice co 'a solita voce dell'oltretomba de prima - SO' DODICIANNI CHE NUN ME VIE' A TROVA' NISUNO, MANCO MI' FIJO. SE DEVO CHIEDE 'NA COSA, TOCCA ORGANIZZAMME. BONANOTTE.
Un tuono ce fa trema’ e chiappe, quindi se n’annamo pure noi.

Co Sharon e Marusca se famo 'n pezzo de strada 'nzieme. Nun parlamo granché.
Faccio na ricerchina cor telefono prima che more der tutto. Voi ce lo sapevate che se scrivete su GUGOL “FANZ CLEB SEGRETO ADAM CIALTRON ROMA” escono fori tutti i nomi dell'iscritti co tanto de numero de telefono? È n fan cleb tarmente segreto che sta su FEISBUC, TUITTER, TUMBLER, FORSQUER, PANZADVAISOR e pe fortuna sta pure su GUGOL PIU', almeno là soo dovrebbero fila' poco. Ce sta pure er numero mio, accanto ar nome de mi' padre, che quando se iscrive a 'na cosa è sempre ‘na cifra attento alla PRAIVASI. 'a sua.
Marusca c'ha l'aria pensierosa. Prima d'annassene dice:
- CE CREDEVAMO D'ESSE SPECIALI, 'NVECE SEMO PIÙ COJONI DE LAURANO DE OMINI E DONNE.

Arivo a casa e 'a porta nun se apre. Squillo a mi'padre.
- Oh pa', me sa che nun gira 'a seratura.
- NO, E' CHE... N'E' ANCORA ER MOMENTO.
- Eh?
- DICHENO LI TEMPLARI CHE ER GRANDE CANCELLO SE APRIRA' SOLO DOPO L'URTIMA GRANDE CONGIUNZIONE LUNARE.
- E quindi?
- E QUINDI LÈVATE DAR CAZZO CHE ME STO A CONGIUNGE CO’ LUNA DAA CECCHIGNOLA. TORNA DOMATTINA, È ‘NA COSA LUNGA.
Vabbe'. Tra 'n pochetto se fa l'arba, posso pure aspetta' n po'.
All'artezza der terzo ponte incontro 'n centinaio de persone. Un rigazzetto se stacca e me fa:

- SCUSA, VENIMO DA ROMA NORD, SEMO STATI DU'ORE A ASPETTA' ER 776 MA 'N PASSAVA MAI. CHE PER CASO SAI 'NDO STA CASA DE ADAM CIALTRON?
- Da quella parte. Ma penso che se n'è ito a dormi', eh.
- VABBE' ORMAI CE STAMO, PROVAMO. GRAZIE OH, SEI SPECIALE.
- Speciale?
- AVOJA. SEI L'UNICA 'N GIRO A QUEST'ORA E CE SAI PURE INDICA' A STRADA. SOLO 'NA COINCIDENZA? IO NUN CREDO, SAI?
S'allontanano.

A modo nostro semo tutti 'n po' speciali, perché ce stanno cose che sanno tutti, altre che la sa solo quarcuno e altre che so' misteri perché le sa uno solo.
Se sei fortunato, troverai quello che sa le cose che volevi sape'.
Altrimenti li misteri resteranno misteri.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

ER TEMPO DEE GRANDI DOMANDE

Commenta il post

SASISATTVA 11/29/2013 13:17

a BOO, ma pecche' devi da sempre chiude cor riccioletto daa morale? guarda che nun ne hai bbisogno poi esse libbera de esse te, a morale lassala a chi ncellà

Boosta Pazzesca 11/29/2013 16:12

l'importante è che 'a morale nun sia mai morale.
Te bacio

Laila 11/28/2013 13:04

Come da te richiesto su Facebook, eccoti un commento sul blog: ah Boo, ma che per caso sai anche come s'accenne 'o scaldabagno?
Comunque, lode a te, m'hai fatto ride 'na cifra, e a 'sto ggiro, me so' pure (quasi) emozionata. Bravissima!

Thomas 11/28/2013 11:32

Grande Bu'. Come sempre, m'hai fatto taja'. Però te lo devo di': "Eventi Inspiegabili" nun se tocca. Su certe cose nun se scherza.

Flavia 11/28/2013 11:03

O vojo incontra' pure io a Adam Cialtron, hai visto mai che 'e risposte che vojo io ce'e sa lui...
Bella Boosti', co' sta virata ner paranormale me sei tanto piaciuta (ma tu me piaci sempre, c'oo sai)

Ceska 11/28/2013 09:33

Fantastica come sempre, però m'hai lasciato er dubbio da vortura... ma si la devo fa pure io che faccio chiamo er numero de ACEA o a Spartaco tuo?
So cose 'mportanti da sapè, vedi mai che domani schiatto armeno pozzo dì che 'na cosa illuminata da vita c'ha sapevo pure io!

anna segre 11/28/2013 07:27

eddifatti: a risposta è nana.
Bella Boo, spero che 'eri messa er bomber, perchè fa nfreddo che manco co e motande de cachemire te sarvi...

Isabella Deiana 11/28/2013 04:40

L'ho trovato anche profondo e a suo modo poetico <3

Isabella Deiana 11/28/2013 04:42

scusa so' rinco de' giorno, figurate de' notte l'ho scritto due volte, solo na' coincidenza? Io nun credo, sai...:-D

Isabella Deiana 11/28/2013 04:39

L'ho trovato anche profondo e a suo modo poetico <3

Isabella Deiana 11/28/2013 04:12

Ahahahahahahhahah! Me so' ammazzata dalle risate!! Lo sai che pure io na' vorta dovevo fa' una vortura der gas, m'hanno fatta impazzì per telefono, nun ce capivo na' mazza. Alla fine l'ho fatta tramite un altro gestore, se no facevo come Adam! Grandissima!!!! :-D

Fabio Corvini 11/28/2013 00:15

a Bo'o , mo i volemo vedè pure nnoi sti scatti de Maruska!