Aspetta primmavera, Giacinto

Pubblicato il da Boosta

Aspetta primmavera, Giacinto

Ce stanno cose de noi donne che voi omini nun potete capi' manco a spiegavvelo cor BIGNAMINO: er piggiama parti co l'amiche, 'a ceretta che una se disbosca l'altra, 'a maschera de bellezza che de bello ce sta solo 'a maschera, sfilate de moda ner coridoio de casa, lezioni de trucco parucco e tacco dodici che cascamo 'n quattordici e se tajamo da 'e risate 'n quindici, svorte segrete 'n cucina der tipo 

ER CARDAMOMO CE DICE SU TUTTO AMO', NUN TE DICO POI CO 'NA PENNELLATA DE STRUTTO GARBANI

le diete de gruppo che iniziano a mezzanotte e finischeno prima de mezzogiorno, 'e gravidanze de gruppo, Marusca che invita a casa sua me e Sharon pe fa' er gruppo d'ascolto a IGS FACTOR che quest'anno è 'na cosa speciale, 'a cuggina conosce n'amica che è fidanzata de uno che stava a 'e medie co noi che 'na vorta ha pijato lezioni de UCULELE da VIOLETTA, poi ha accannato perché quando ce sonava LUCIOBBATTISTI ai falò lo perculava tutto er litorale.
- CIAO ZOKKOLE – ce fa Marusca co 'a parannanza vedo nun vedo maddechè vedo tutto – NUN FATE GNENTE EH, A 'STA BOTTA CUCINO IO, CIO' PURE DA BEVE.
Da beve ce sta 'na peroni calla e na SEVEN AP. Da magna', siccome 'n tivvu' ce sta 'na cifra de programmi a uso e consumo daa donna che nun je va de fa' n cazzo PERO' LO SAI CHE CO L'AVANZI CE POI FA' N CENONE?, ha messo 'n forno 'no SFORMATINO DE BRECCOLE DE NACIOS tarmente appetitoso che quanno lo cala dar forno se spizzamo vicendevormente nell'occhi e optamo pe er PIANO BI: tre pizze e tre nastre azzure a domicilio ordinate da PIZZERIA BRUCLIN, LA PIZZA DER PONTE. ER SESTO.

Passa n'ora, a IGS FACTOR ormai stanno ai rigori e 'a pizza n'ariva. Chiamamo e ce dicono:
- NO CI' SCUSA EH, CE STA ER RAGAZZO CHE E' NOVO, NUN CONOSCE BENE LI SENSI UNICI.
- Ma scusa, so' du'menuti da qua a là cor motorello.
- EH, MA ANFATTI POTEVATE SCENNE PURE VOI EH. 'A CONSEGNA DIMO SEMPRE QUELLE DUE ORETTE E MEZZO MASSIMO D'ATTESA, OH SCUSA CE STA L'ALTRA LINEA CIA'CIA'CIA'CLIC.
N'antra mezzora e alla fine sonano. Vado a apri' io che sennò Marusca parte de ciavatta e Sharon daa fame sta a ciancica' lo sformatino.
Er ragazzo a dilla tutta cia' tipo sessantasette anni, tutto sudato, li baffi bianchi e 'n principio de artrosi galoppevole. Quann'è partito se vede che ce n'aveva ventisette, mo' potrebbe esse mi' socero.
- AOH A BOO! Me fa. - MA TE RICORDI DE ME?
E come nun me ricordo. Sotto quer piggiama de lavoro ce sta uno che poteva esse mi' socero.
E nfatti è FIORI AZALEO detto LEO, er padre de FIORI GIACINTO, che era er fidanzatino mio alla gita de terza media quanno semo annati tre giorni ai MUSEI VATICANI (Sharon quattro perché ce s'è persa).
Ciaveva tredicianni, 'na capoccia che levate e 'na lingua peggio. Ma no che faceva 'e zozzerie, eh. parlava parlaaaava, 'nse stava mai zitto, 'na pentola de facioli. Sempre a parla' de musica, de PENTACOMICHE, scale armoniche, a pioli, mobili e a valanga, discese ardite, risalite, scoji che nun arginano, 'nzomma 'n capoccione. Dopo 'a licenza media ce lassammo perché me disse che RICHI MARTIN faceva rate e io ce rimasi male e diedi foco a tutti li ciddi' che m'aveva fatto, che regazzina. A 'na certa se mise 'n testa che caa musica avrebbe svortato. Così 'a gavetta, i primi gruppetti, quello ar basso, quell'altro aa chitara, uno aa batteria, n'antro che voleva sona' l'uculele ma je risero 'n faccia, e poi Giacinto cantante e LIDER spiritualo. Volevano esse brutti e maledetti, ma dopo ave' visto paa prima vorta sur palco Giacinto caa camicia avaiana aperta sur dorcevita BEIGE diventò chiaro a tutti che erano solo brutti e basta.

- A RIGA', ER SEGRETO DE 'N GRUPPO E' TUTTO NER NOME. LI NIRVANA ER NOME HANNO AZZECCATO E POI PER ANNI SO' ITI AVANTI A FA' IEEEEE IEEEEE. QUANNO AZZECCHI ER NOME ER PUBBLICO TE VO' BENE, DOPO POI CANTA' PURE E PAGGINE GIALLE.
L'altri, tutti onesti mestieranti che n'arivavano ai grandi livelli cerebbrali sua, dicevano VABBE' SOO DICI TE. E se stavano.
'A prima vorta che annarono a sona' dar vivo, Giacinto tutto fiero pijò er microfono e gridò:

Aspetta primmavera, Giacinto

- Tocca cambia' nome - disse Giacinto.
'A vorta dopo:

Aspetta primmavera, Giacinto

Quella dopo ancora:

Aspetta primmavera, Giacinto

Dopo quindici vorte che er pubblico je troncava er trionfo sur nasce, quelli der gruppo dissero a Giacinto CIAO BELLO e se misero' n popo a fa' chi li turnisti, chi i sessionisti e chi er lavapiatti da CHICCO AR PORTUENSE.

- AOH HAI FINITO COR FRESHBECKS? CHE POI CHE E' NA BIRA? ANNAMO A MAGNA' CHE TRA N PO' CANTA ER SORCAZZARO. OH QUELLA MIA E' 'A DELICATA PICCANTE, BRIE SARCICCIA BIUSTEL FIORI DE ZUCCA E BROCCOLETTI ALL'AGRO.
- A Boo – me fa Azaleo.
- Eh sì, aspe'. A chicche, 'ndo annate? Cacciate li sordi.
- No no, cioè sì, pure li sordi, ma io c'ho bisogno de te. Me devi da' na mano co Giacinto, sta sotto a 'n sercio. Fallo pe lui che ve volevate bene.
- Ma stavamo 'nzieme tipo tredicianni fa.
- Eh, ma n'è cambiato tanto, nun te proccupa'.
- Ma sto coll'amiche mia.
- PORTA PURE LORO TE PREGO E' N'EMERGENZA, MENOMALE CHE T'HO TROVATA.
E menomale sì, facce pure diggiuna'. 'Nzomma, pe falla breve, annamo in 4 sur motorino de Azaleo, co Sharon che 'a sistemamo popo ner portapacchi dee pizze.

Giacinto n'è cambiato granché, c'ha giusto 'a panza. Legge 'na cifra, s'è dato alla divurgazione. S'è aperto su VIMEnO er canale suo GIACINTO FLAUERZ, e c'ha messo tutta 'a musica sua. Ar solito però ha cazzato er nome, e mo' je ntasano la casella dei messaggi co POFFERTE sessuali de vario tipo, perché pare che GIACINTO FLAUERZ è na spece de pratica sessuala der sudest asiatico, mo' nun chiedeteme quale perché er giappocinese 'o mastico poco.
Sur canale Giacinto rippa li vinili, reppa li classici, remixa li smixati, propone li CLASSIC dei sixtis, SETTANTIS OTTANTIS E NOVANTIS, passando dar rock ar regghete forte. 'Nzomma, in due parole, giacinto nun mette er naso fori de casa manco pe vede' che tempo fa.
Se Giacinto sta così è corpa daa società. E se è vero che 'a società semo noi, allora è pure corpa nostra.
- MA IO NUN ME RICORDO MANCO CHI E', dice Sharon. - MA ERI ROSCIO? AMMAZZA QUANTO SEI STEMPIATO. MA SEI SEMPRE STATO COSI'?
- A Sha', sempre l'aiuto paa discesa te eh.
- BOO TE PREGO DIJE QUARCOSA – me dice Azaleo mentre spizza le zinne de Marusca.
- E daje Boo – me dice Marusca - dije quarcosa che a questo je sta a veni' er torcicollo. Prima jaa dici prima se ne tornamo che devo pure fa' a pipì.
Da Giacinto, seduto sur letto che spizza er voto, me ce spingono n tre. Lui nun dice 'na parola.
Io lo guardo e je dico:
- Forza, Giacinto.
'Na spece de lampadario se accende sopra 'a capoccia de Giacinto.
- FORZA GIACINTO. - dice.
- Eh.
- E CERTO! E' QUESTO ER NOME GIUSTO! NUN CE PONNO RISPONNE GNENTE, COSI' CE VERANNO DIETRO! RIFONDAMO LA BEND! BOO COME STAI? OH AMMAZZA 'NSEI CAMBIATA PE GNENTE EH.
- OH IO DEVO ANNA' AR BAG
NO - grida Marusca.
- TIETTELA – risponne Giacinto. - A BOO, ME SERVITE PURE VOI TRE. A 'STO GIRO FAMO ER GRUPPO CO 'E CORISTE. PURE SE FATE RATE A CANTA' L'IMPORTANTE E' A PRESENZA SCEMICA.
- 'A CHE?
- 'E ZINN
E.
- Vabbe' – dice Marusca, che de corpo se sente valorizzata – amo capito. Sor Azale', 'ndo vado 'n fonno a destra?

Ner giro de 'na settimana, Giacinto se rimette ON THE ROD facendo bene attenzione che nun je passano sopra co' a maghina. A noi ce veste da strappone leopardate e ce dà a COROGRAFIA da studia': Marusca ar centro che move 'e zinne, io e Sharon laterali che se scanzamo pe nun pijalle 'n faccia. Poi va a ricupera' li storichi membri daa formaziona origginala: SCANDRELLA FOSCO, PERNICIANI CRISTIANH ('a mamma voleva 'na femmina pe chiamalla Samantah) e GERLANDO GERLANDO.
- MA CHI GERLANDO MIO? - Chiede Marusca.
DA MO' CHE SE CONOSCEMO, LUI ERA ER QUINTO BITOLZ. L'INVISIBBILE. MA ER QUARTO MO' STA A VITINIA E CE STA SCIOPERO DEI MEZZI, QUINDI PIJAMO LUI. SERVE ARIA NOVA.
Intorno aa magnetica presenza der carismevole Giacinto ce sta tutta l'euforia de li vecchi tempi.
- A GIACI' – je fa Cristianh – MOO POTEVI PURE DI' CHE SERVIVA ARIA NOVA, TE SPARAVO 'N FACCIA 'NA SCOREGGIA CHE STAVI A POSTO PE 'N PEZZO.
- A REGA' A STO GIRO SPACCAMO – dice Giacinto. - CIO' ER NOME.
- A GIACI' 'O DICI SEMPRE E POI CE FANNO 'NA
MERDA – dice Fosco.
- DA OGGI SEMO I FORZA GIACINTO.
Silenzio.
- AOH E' 'N NOME DA PAURA! GAJARDO SEI GRANDE A GIACI', 'MAZZA ME SEI MANCATO OH.
L'unico che nun dice gnente è Gerlando, che vede sempre oltre le cose che ha davanti e infatti sta a pomicia' co Marusca sur divano.

Le prove vanno avanti, io de musica nun ce capisco gnente, poi noi se dovemo solo sbatte, ma 'nzomma me pare che so' tutti contenti. Sharon pure ogni tanto pare che capisce quello che stamo a fa', ride, poi ritorna a pensa' a 'e cose sua.
'N'ora prima de sona' all'unico locale che ce s'è pijati, Giacinto me chiama da 'na parte e me dice:
- No gnente, grazie eh.
- Prego - dico io, che nun so bene che dije.
- Oggi famo 'na cosa rivoluzionevole, ce lo sai sì?
- Avoja.
- Senti, te lo sai no, io me sento cose che voi umani nun ve potete immaggina', e quando le immagginate smorzate er volume. Però è na vita che te volevo di' na cosa.
Me guarda nell'occhi.
- Due tre canzoni de RICHI MARTIN nun so' male, sai?
- A Giaci' – je dico io arossendo – ma che stai a di'? Ciavevi raggione te, era 'n cazzaro.
Forse se cambia così. Ed è n'eterno rincorrese.

'N par d'ore dopo stamo sur palco. Giacinto s'è messo pure er mantelletto tipo ERVISE. è felice. Se vede che sta a fa' quello che vole. Pija er mcrofono, fa n'attimo SASSA PROVOLA, se vorta dietro a noi coriste e ce fa l'occhietto.

Poi mette er microfono sull'asta e grida co tutto er fiato che cià:

Aspetta primmavera, Giacinto
Aspetta primmavera, Giacinto
Aspetta primmavera, Giacinto
Aspetta primmavera, Giacinto

Giacinto resta immobbile mentre 'na sala intera ride. Poi je parte n'embolo e se tuffa tipo STEGG DAIVING sur pubblico gridando PORCODDUEEEEEEEEEEE.
- MO' CHE FAMO? - chiede Sharon.
- CHE GREZZA DEMMERDA – dice Marusca. - IO CE LO SAPEVO. SAI CHE C'E'? CIAO, BELLI.
Pija e se ne va co Gerlando. Dopo 'n po' vanno via tutti. Resta solo Giacinto, er pubblico l'ha 'nghiottito e a 'sto giro me sa che lo risputano direttamente ar Sant'Euggenio.
Ma armeno, finarmente 'na cosa rivoluzionevole l'ha fatta.

Ce so' cose de voi omini che noi femmine nun potemo capi': fa' a gara a chi piscia più lontano, accenne 'e scoregge co l'accendino, fa' a tortorate pe fa' esperienza e ricordassela bene co du' lividi tatuati, parla' de carcio, de fantacarcio, de zinne, dee zinne daa moje der carciatore, de cazzate che ve dite nell'orecchio e poi ve date de gomito ridendo quanno state 'n pubblico pe fa vede' che vaa comannate, nun risponne ar telefono, risponne e di' puttanate 'n serie sur perché n'avete risposto prima, scrive su li marciapiedi

GUARDA CUCCIOLA TE GIURO TE AMO

e er giorno dopo

SCUSA ME CREDEVO CHE ABBITAVI AR CIVICO DIECIOTTO.

E poi ce so' cose che capimo tutt'e due, chi prima chi dopo: che ce sta 'n tempo pe sogna', uno pe canta' e sona', e n'antro che t'accorgi che de tempo pe fa' popo tutto quello che voi ce ne sta pochetto.
Allora magari nun smetti de sogna', però sogni 'n un certo modo. Uno diverso.
Giacinto, sarà stata quaa fraccata de pizze che s'è pijato, 'na vorta uscito dar Sant'Euggenio ha iniziato a sogna' n modo diverso.
Come capita da tutte 'e parti, ha ereditato er mestiere de su' padre Azaleo. Che s'è messo a riposo e ha raccomannato er fijo da PIZZA BRUCLIN a fa' e consegne ar posto suo.
Noi der gruppo d'ascorto de IGS FACTOR mo' ordinamo dar cinese, perché Marusca s'è messa a dieta e poi 'a delicata piccante tocca che maa magno io.
Però io ogni tanto da Giacinto ce passo, a salutallo. C'ha na bella capoccia, dee belle idee, dice che 'n giorno PIZZA BRUCLIN sarà sua e quer giorno rinnova tutto, perché serve aria nova.
E poi io nvece ho capito che 'a pizza, se l'aspetti troppo non è più quella bona der giorno prima, manco se 'a scalli.
CARPE DIEM, direbbe quarcuno.
CARPE PIZZAM, direbbi io.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Aspetta primmavera, Giacinto

Commenta il post

Scripty79 11/13/2013 20:30

A boosta miaaaa ti ho nominato al Versatile Blogger Awards :-)

Un saluto e passa a trovarmi sul mio blog per sapere di che si tratta!

Daje!

www.scripty79.wordpress.com

Antonella 11/08/2013 18:49

Doppo na giornata de incazzature, te leggo e me se passa tutto.
Grande Boo.T'ho fatto a pubblicità puro a Firenze :)

PAOLA 11/06/2013 14:56

'ncommensurabbbile amorevolezza de genio da PAURAAAAA

ThéO 11/05/2013 15:23

Pur non essendo di Roma rido comunque sempre come 'no stronzo. Te stimo 'na cifra, Boo!

Carlotta 11/05/2013 14:53

Grande :-))))

Flavia 11/05/2013 14:17

Bella Boosti'!
M'hai fatta spanza' da'e risate (ma m'hai fatta pure commove, che so'senzibile ar tempo che passa e'a pizza sarsiccia e broccoletti).

Boosta 11/05/2013 14:19

io a te te amo popo

annalisa 11/05/2013 13:13

Sei er solito genio, na certezza immezzo a sta vita de incertezzitudini!

Tandoori 11/05/2013 12:10

A stima 'n conta più quanno se va ortre er muretto ndo stavi accoccolato coll'amichi tua a nun dì un cazzo ma a ribartà er monno...
T'aritrovi panza a tera a ride su le prime...
Ma poi te se rimpone lo sghignazzo e cominci a fatte domande...
Senza le parle drento solo punti interogattivi che voleno pell'aria...
Come ami dentr'a' laghetto de trigoria...
Che li pesci abboccheno solo perchè se so rotti li coglioni de girà a voto...
Bella zì!

Fabio Corvini 11/05/2013 11:47

te stimo davvero na cifra :) comprimenti per a nova finestra sur monno

Odradek editore 11/05/2013 11:47

pensavo che con panzadvisor avessi raggiunto il massimo. invece no, più di ieri meno di domani