THE ROYAL PACCO - ER PARTO DE SHARON

Pubblicato il da boostapazzesca

royalboosta

So' quei momenti che sai che deve succede quarcosa, per esempio Sharon ha scaduto er periodo e er bambino deve nasce.
Dopo tre giorni che 'e doje nun arivavano, amo detto vabbe' famose 'n giro da INSERT COIN a San Giovanni che te distrai. Ovviamente, manco semo entrate che a Sharon j'è preso 'n mar de panza de quelli che nun te sbaji.

Arivamo ar sangiovanni. All'accettazione una ce dice de sedecce da 'na parte e aspetta', semo codice bianco, ‘nzieme a du’ unghie ‘ncarnite e ‘na doppia punta grave.
-        Come bianco?!? Questa é 'ncinta oh. 
-        E CHE SOLO LEI? C'HO N'LISTA DIECIANNOVE PREGNE E TRE STANZE. DIECIANNOVE DIVISO TRE UGUALE SEI, PIÙ UNA DE RESTO
Indica Sharon. - TE SEI ER RESTO
-        Senta –  dice Sharon  – ma pe ave' l'epidurale che devo fa'? 
-        ANNA' DA N'ANTRA PARTE. SEMO CATTOLICI, SI NUN VOLEVI SOFFRI' CE DOVEVI PENZA’ PRIMA. 

Sharon nun vole soffri' pe gnente ar monno, dice che lei ce stava quanno è nata, ha visto su'madre che soffriva 'na cifra e c'è rimasta sotto. C'aveva pure sessant'anni su'madre eh, ma vabbe'.
Pe’ fortuna ce sta LEGGO, er periodico che trovi sempre mezzo stracciato su 'nassedia, e che mentre stai seduta a leggelo t'aiuta a fatte n'idea sur monno.
Vedo Sharon che se illumina tipo torcia ner mezzo der BLEKAUT.

-        MA KEIT D'INGHIRTERA CHE SGRAVA ER ROIAL BEBI E SE FA IPNOTIZZA'? AOH, VOJO ESSE IPNOTIZZATA PUR’IO, CHE OBBIETTATE QUARCOSA?
-        BOH. IO SO' OBBIETTORE - je risponne uno cor camice che s’è perso - MA NUN M'HANNO DETTO GNENTE DELL'IPNOSI.
-        Quindi?
-        NO.
Marusca me pija da 'na parte, co’ Sharon e 'a panza de Sharon.
-        VABBE' QUESTI SO' DE COCCIO. SO IO COME FA'. DOVEMO FA' N'IPNOSI CLANDESTINA.
-        'NA CHE?
Tira fori n'adesivo che ha scrostato 'a sera prima da 'na scala mobile daa metro BI. Ce sta scritto

SGOMBRO CANTINE RIPULISCO SOLAI IPNOTIZZO chiama
EL MAGO RAFAEL
34@@@##€€££02 (censurato pe 'a PRAIVASI)

-        CASCA A FACIOLO VE'? DAJE, CHIAMAMOLO.
-        Certo ciavessimo avuto quarche referenza 'n più...
-        AOH È N'EMERGENZA. CHE CE COSTA CHIAMALLO? GNENTE. C'HO PURE LI MINUTI GRATISE. SÌ PRONTO EL RAFAEL? CIAO, SENTI POI PIOTTA' QUA N'ATOMO AR SAN GIOVANNI? NO NUN DOVEMO SVOTALLO, CE SERVE L'IPNOTIZZATORE. T'ASPETTAMO AR PRONTOSOCCORSO, BELLA.
Sharon deve ringrazia' de ave' amiche come noi.

Cinque minuti dopo EL RAFAEL inchioda davanti ar pronto soccorso caa GIAGUAR ROSSA che c'ha 'no sportello viola e n'antro giallo, più 'na coda de vorpe piazzata sull'antenna daa machina.
Pare FREDDI MERCURI, ma n'atomo più stempiato.
Esce fori, se leva l'occhialetti e co voce ferma dice:

-        Che d'é?
-        DEVI IPNOTIZZA' L'AMICA MIA, STA A SFORNA' E NUN VOLE SENTI' DOLORE – je fa er quadro Marusca.
-        Uhm. Vabbe' qua ce vole 'a tecnica eggizzia. Aspetta che me concentro.
Se siede per tera e legge 'n tomo ‘ntitolato T'ENTRO NAA CAPOCCIA E MANCO TE N'AVVEDI - VOL. I.
-        Ma sei eggizziano te?
-        No, de Tor Tre Teste. Ah stai a di' pe via dell'adesivo? No ce sta n'erore de stampa, doveva esse ER RAFAEL.
Ripassa 'n par de capitoli, poi dice – Vabbe' -, se arza e va da Sharon.
Sharon lo fissa coll’occhi spalancati.

-        AOH MA CHE TE GUARDI? CHE TE FACCIO RIDE?
-        Ma scusa, nun me devi ipnotizza'?
-        Ah già, no nun ce fa' caso eh, oggi so' nervoso, è a prima vorta che ipnotizzo, de solito sgombro solai.
-        Io pure è 'a prima vorta che partorisco – dice Sharon.
Er destino nun ce fa mai fa' quello che volemo pe’ davero, penso io.
El Rafael se fa serio.
-        Guardame bene nelle palle dell'occhi. DELL'OCCHI, oh. Ecco. Guarda, guarda. Senti 'na spece de sensazione, tipo che stai a fluttua' ner voto esistenziale pneumatico?
-        No.
-        E ASPEEEEE. Daje n'atomo no? Ecco, mo'?
-        Gnente.
-        No, scusa, ma famme capi' n'atomo 'na cosa, oh.
Pija e je tira 'na pizza 'n faccia.
-        AOH! - grido io.
-        E SE VEDE CHE NUN CE STA GNENTE DA FA', DEVE PARTORI' CO DOLORE - dice Marusca.
-        Aoh, ma che me state a cojona'? - ce dice El Rafael. - Questa è già ipnotizzata.
-        Ma da quando?
-        Boh. Daa nascita, me sa.
Sentimo 'n tonfo e se giramo. Sharon sta per tera che se tiene 'a panza tra 'e mano, e per tera vicino a’ 'e gambe è pure tutto bagnato.
-        LE ACQUE REGA', SE SO' ROTTE LE ACQUE.
-        A Sha', t'è cascata 'a cedrata per tera.
Ariva uno 'n camice.
-        MBE' CHE È STO BORDELLO? AOH, MA QUESTA STA MALE. MA CHE DEVI PARTORI'? POTEVATE DILLO SUBBITO NO? L'HAI DATI L'ESAMI AA SIGNORA DOO SPORTELLO? ESAME DAA GRAVIDANZA UNO E DUE, ANDOCENTESI, TRASLUCENZA LOCALE, IRIDESCENZA DEE PALPEBBRE, URTIMA VORTA CHE SEI ITA A CONFESSATTE?
-        No.
-        MA CHE SEI SCEMA? PORTATELA A FA' LI CONTROLLI, QUESTA SGRAVA A RISCHIO. CHIAMATE ER PRETE CONFESSORE. CODICE ROZZO. LEI È ER PADRE?
-        No, io so' er mago.
-        ALLORA FAI 'NA COSA, SPARISCI N'ATOMO DELLA' CHE STAMO ‘MPICCIATI. PERMESSO PERMESSO.
Tocca aspetta'. So' momenti strani. Pare tutto fermo, invece l'amica tua de sempre uscirà e sarà diversa, sarà 'na mamma. Nun me potevo popo immaggina' 'sta cosa.
Ho sempre pensato che 'a prima che ce cascava era Marusca. È n'aria bella e strana, e la stamo a respira' n tre: io, Marusca e Rafael.

-        Ma te che stai a fa' ancora qua? T'amo pagato no? - je dico.
-        Eh sì 'o so, ma volevo vede' come stava...
-        ECCO N'ANTRO ACCOLLO, me dice Marusca a arta voce nell'orecchio.

Dopo ‘n tempo che pare immemore, e infatti so’ passate sei ore, du’ cedrate e un kebbab fratto tre, se palesa 'n infermiere giovane e carino e basso, ma ‘na cifra carino.   - CICALAAAAAAA! CICALAAAAAA!
Nun è n fan de ETERPARISI, eh. Cicala sarebbe er cognome de Sharon. Cerco lo sguardo de Marusca, ma ce sta EL mago ner mezzo. Lo scanso co ‘na manata. So’ emozzionata.
-        Ecchime – je dico, e so' pure commossa come 'na cojona.
- Sta bene l'amica mia, sì?

-        Avoja. Ma te stavi a proccupa'? Guàra che n'era gnente de che, eh.
Mo' vabbe' ce sta a fa' li discorsi tecnici, chisselofila.
Io e Marusca je passamo davanti e je piombamo ‘n stanza che in verità è ‘na branda ner coridoio e gridamo AOOOH.

Solo che però l'AOH ce more 'n gola.
Sharon sta sdraiata, co 'na faccia de legno che nun te so spiega', e co 'na panza che è tale e quale quella de quanno è entrata.
L'infermiere diversamente alto je dà ‘n pizzicotto su 'a panza.

-                  Tocca sta' attenti cor magna', a Sharon. Poi co 'a prova costume come fai? HA HA HA HA. Daje, portatevela pure, era solo 'na piccola indiggestione.
-                  MA INDIGGESTIONE DE CHE OH? ER PUPO 'NDO STA?
-                  Quale pupo? Mica famo entra' i minori qua, eh. Daje, schiodate che me serve 'a corsia sgombra. Bella Sha', magara s’annamo a magna’ ‘na pizza ‘nzieme, ‘na sera de queste. HA HA HA.

So' momenti che nun ve li so descrive, perché te cambiano. Esci e sei diversa. Sharon invece esce ed è 'a stessa cojona de prima.

-              A SHA', DA OGGI STAMME POPO A TRE PARMI DAR CULO FOREVERE – je dice Marusca mentre chiama Gerlando pe fasse veni' a pija'. - BOO, CHE VOI 'N PASSAGGIO?
-              No, faccio compagnia a Sharon.
-              A 'STA CAZZARA? VABBE' CIAO, SE SENTIMIO.
Restamo sole io e Sharon.
-        A Sharon, come t'ha pijato de dicce 'na fregnaccia simile?
-        A Boo, nun l'ho fatto apposta. Io nun sapevo de nun esse incinta, c'hai presente er programma?
-        Ma de che oh? Ma 'sta panza? Ce dicevi che era 'n pupo, invece magnavi?
-        Embe', noo dicono tutti che quando stai incinta devi magna' pe due? Mejo parti' da 'e basi.
-        A Sha', ma ce lo sai che devi fa' pe resta' 'ncinta?
-        AVOJA. PE CHI M'HAI PRESA OH? I MIEI ME L'HANNO DETTO CHE ERO PISCHELLETTA.
Me pija pe’ mano, co 'na cifra de intensità. 
-        T'ABBRACCI CO UNO, 'O STRINGI FORTE, E POI ER SEMINO TE ENTRA DENTRO
-        Eh... a grandi linee ce stamo. Ma poi nun ne avete più parlato, ve’? 
-        No, perché? 

Li genitori de Sharon so' anziani e de vecchio stampo. Sempre stati. Pe loro è stato difficile ave' 'na fija. Nun te dico avecce a che fa'. Forse co 'n nipotino se sarebbero trovati mejo, ha pensato Sharon.

All'entrata der pronto soccorso sentimo strombazzacce dietro.
Se vortamo. È El Rafael, ar volante daa GIAGUAR multicolor.
-        Aoh – dice a Sharon – scusa m'hanno cacciato. So’ obbiettori de incoscienza, se sa. Senti, ma te sei sola ve'?
-        Eh?
-        Sì, cioè... 'nzomma er padre nun ce sta ve'?
-        Manco er fijo - dico io, ma m'ariva 'na gomitata de Sharon prima che riesco a fini'. -        No perché sai – continua lui – io a ipnotizza' so' 'na pippa, ma te invece je l'ammolli pe’ davero.
Co 'n gesto je apre 'o sportello viola, paa verità messo nun troppo bene. Sharon me da' 'n bacio e va via co lui.

L'amore te ipnotizza quanno meno te l'aspetti, nun importa l'età o quanta esperienza ciai.
Hai visto KEIT D'INGHIRTERA? Daje oh, Pippa je da' du' piste.

Er resto che c'è da sape', magari in due lo impari prima che da solo.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

boostapazzesca 07/28/2013 18:15

nun te se po da' torto

Supercellets 07/27/2013 08:37

aho... potevo pure tornà prima da Valencia! Ho aspettato troppo pe' legge st'altro pezzo.... Però come se dice: "l'attesa del piacere è essa stessa il piacere". Prova a dillo a Sharon, lei d'attese se n'intende!

boostapazzesca 07/25/2013 16:18

ha ha ha ha ha te amo patri'

Patrizia Scara 07/25/2013 12:02

Boosta sei uno spettacolo....nun se pò ride davanti a na scatola griggia ahahahhaah te possino. Già al "TE SEI IL RESTO" me stavo a strabaltà :)

Andrew samoan 07/19/2013 07:44

Grosso pisello Der pupo.

boostapazzesca 07/18/2013 12:20

'n teoria tutteddue, 'n pratica no

zac 07/18/2013 12:15

Mo nun me sovviene... ma, in finale, Sciaro è l'amica tua quella cozza, o quella pregna?

boostapazzesca 07/18/2013 10:31

eh... vedemio se per caso era er FISC END CIPS

Arte De Borgata 07/18/2013 10:29

ma dichi che pure Keit denghirtèra, aa fine... tipo Sciaro?

Folla di curiosiOlivia Giorgetti 07/18/2013 09:29

In ufficio a ridere sguaiatamente con le lacrime. Vabbè. Ciao.