ER COFANETTO DE BOB MARLI

Pubblicato il da boostapazzesca

bob boosta  A FANZ, soo ricordano sempre ‘n pochi ma er sei de febbraio è er compleanno de BOB MARLI, er famoso cantante e erborista giamaicano che co ‘a musica sua tanto c’ha lassato nell’immagginario collettivo, e tanto ha levato de neuroni a ‘n par de amichi mia che ce so’ annati de sotto pe davero.

Bob era uno tranquillo.
Er DECAGOLO dell’aneurismi famosi sua che sta qua sotto te rivela er quadro de uno che stava na cifra avanti. A politica, a musica, e droghe, o sport, co lui potevi parla’ de tutto, anche perché de solito iniziavi a parla’ de carcio e finivi nun se sa come a parla’ de Babbilonia, che lui era fatto così, ‘a caciara a chiamava Babbilonia.

Oggetto de stima imperitevole e BAIPARTISAN, ancora oggi arisurta pure a li pariolini malgrado ‘o stile de vita n po’ da zecca, e se erge a punta de riferimento pe l’insoddisfatti che vonno cambia’ stile e te se presentano davanti ‘n giorno co li DREDD.

-       DICE CHE COSI’ SCOPO NA CIFRA.
-       Pe mo’ com’è annata?
-       MAH, UNA M’HA SPUTATO E N’ANTRA M’HA GRIDATO A NANO. MA ER TEMPO E’ DAA PARTE MIA. PURE BOB QUINDICI FIJI CHETTECREDI, CHE L’HA FATTI ‘N UNA SETTIMANA?

 Aguri a BOB. Er DREDD passa de moda ma te vivrai pe sempre.

Ve stimo na cifra, Boosta Pazzesca

 --------------------------------------------------------------------------------------------

1. “Coltiva’ erba nun è legale? Ma se è Dio che ce l'ha data allora n’ho capito, a noi ce se bevono e a lui no?” (1979)

2. “Fino a quando er colore daa pelle sarà più importante der colore dell’occhi, nun coro er rischio de chiude er SOLARIUM.” (1973, ancora n’aveva svortato caa musica)

3. “Più ‘a gente fuma erba, prima Babbilonia cadrà. Ma se dopo tre giorni de ciospe er tramezzo sta ancora là, io chiamo l’operai, too dico eh.” (1976, in merito ar destino der monno e daa seconna casa sur mare)

4. “A vita e Dio so’ a stessa cosa. Dio è er dono daa vita. Cioè, fondamentarmente io so’ eterno perché a me mica me poi duplica’. Semo tutti uno, tutti quanti semo cinquanta, e vedemio si t’aricordi de lassa’ du’ tiri qua ‘n fonno.” (1975)

5. “Si nun ero cantante sarebbi stato ‘n carciatore. Er carcio vor di’ libertà, creatività, da’ via libbera all’immagginazione. Pare facile ve? Immaggina n po’ te de pija’ quattro pere ‘n casa dar Cajari.” (1978, quanno n’artista è n po’ anche ‘n profeta)

6. “Er core mio sa esse duro come la pietra, ma anche morbido come l'acqua. Sto fumo che t’hanno appioppato ‘nvece è ‘n tocco de legno.” (1971)

7. “Ricorda, ce sta solo er bene e er male, non ce so’ vie de mezzo. Se sei rasta sei er bene, se sei Babbilonia sei er male. Se sei daa Lazie famo finta de gnente.” (1974)

8. “Si esprimi ‘n desiderio è perché vedi cade’ na stella, si vedi cade’ na stella è perché stai a ciocca’ er cielo, e se ciocchi er cielo è perché sei annato giù come na pera, e t’avo detto io che me parevi pallido.” (1980)

9. “La musica è l'unica cosa che quando te colpisce nun te fa mai male. No ma rimettilo a palla GIGGIDALESSIO a ‘e quattro de notte, eh. Tranquillo che si nun ce pensa ‘a musica salimo io e er Giamaica a sfasciatte.” (1968, e prime risse coi coatti der circondario)

10. “Io me posso permette’ de fa’ con comodo perché so’ passato attraverso er foco. Nun è lontano dar foco che trovi ‘a calma, ma dentro de lui. Comunque tanto dar Policlinico ‘scimo tipo tra ‘n par de mesi, ‘a prossima vorta spegnila mejo quaa cazzo de canna.” (1981)

Commenta il post