A PROFEZZIA DE GAIA

Pubblicato il da boostapazzesca

laurentino_maya2.0

Ce so’ momenti nella vita che te ritrovi a fa’ er bilancio, un CONSUNTINO de quello che sei, ando’ stai, e perché lo fai, disperata pischella mia.
A novità è che quest’anno o fai prima de Natale e subbito dopo er pagamento dell’IMU, perché er ventuno li MAIA ce se bevono e nun è detto che dopo c’hanno tutta sta voja de senti’ li consuntini tua.

Mi’padre è stato veloce a fallo:
-         A GENTE NUN C’HANNO MANCO PIU’ LI SORDI PE USCI’ DE CASA. TE ‘N TASCA QUANTO C’HAI?
-         Boh, diecieuro tipo.
-         ALLORA LEVATE DAR CAZZO VA’, CHE SEI FORTUNATA. 

Esco e dopo manco ‘n chilometro me sento chiama’.
-         A Boo, te ricordi de me?
Me vorto e m’aritrovo SGRULLONI GAIA, a fija secchiona daa prof de quanno stavo a scola. Attaccamo a parla’ che è na cifra che nun se vedemo, e pure quanno se vedevamo er dialogo era difficile perché stava sempre ar primo banco daa fila ‘n mezzo. Pure a sto giro parlamo poco perché arivati davanti ar vecchio liceo se ferma e me fa:

-         Guarda che e’ qui, eh.
-         Che?
-         Er concorsone. O vedi, sempre a scola se ncontramo. Vabbe’ mo’ e’ facile, du quiz ar picci’ e poi er brutto viene dopo all’orali. Ma te brava, che comunque ce provi. 

Io veramente manco ce lo sapevo. Però mi’padre, quanno fa i CONSUNTINI, de solito a casa nun me ce vole pe armeno tre ore. Allora entro co Gaia e me chiedono er codice fiscale che devono verifica’ l’iscrizzione.

-         LASSA PERDE, E’ AMICAMIA, CHE ‘NTE FIDI?, se sente ‘n fonno. Ce sta Marusca che già saa comanna, seduta ar picci’ ‘nsieme a Sharon.
-         VIE’ QUA CHE CE STA NA POSTAZZIONE VOTA. MICA CE DICI CHE VIENI A FA’ ER CONCORSO EH? AMMERDA. QUEST’ALTRA PURE L’HO TROVATA QUA, C’HA LI SEGRETI. A SHARON MA STE ZINNE? E STA PANZA? CHE STAI A FA’ A DIETA DUPORK?

Me siedo vicino a loro. Gaia me fa ciao e va ‘n prima fila... ‘a forza da’ abbitudine.
-         Coraggio, Boo. Me sento che ce la farò, me l’ha detto mi’nonna ‘n sogno stanotte, che pure lei era insegnante. Me sento ‘n sacco ottimista. E poi l’importante e’ provacce eh.

 Mentre s’allontana, Marusca me chiede:
- MA CHI E’ QUER SACCO DE ROBBA?
-         A Maru’, Gaia. T’aricordi?
         NO.
-         Stava ar primo banco.
-         E PO ESSE CHE E’ PE QUELLO. DAJE, PARTONO E DOMANDE.

Su o schermo parte a seguente domanda de loggica: A NIU IORK IN PISCINA CE STA PAMELA CO NA PANZA CHE FA PROVINCIA AUTONOMA, GINA CO E SMAJATURE E SERENA CHE JE STANNO A BATTE LI PEZZI. SE DEDUCE CHE:
a)      Nun ponno esse le diciannove e mezza a roma
b)      nun stamo a roma
c)      nun se po sta’ n pace da na parte che arivano frotte de piacioni
d)      gina cia’ er costume intero

Io clicco BI. Sharon DI.
-         A COJONE, ce dice Marusca, MO’ CHE ORE SO’?
-         E dieci e mezza.
-         E ALLORA E’ A, NO? ‘NAMO AVANTI. 

Alla domanda “UN MAJONE MARONE COSTA 56 EURO. SCONTATO TE LEVANO N TERZO DER VALORE. SE INTUISCE CHE”, amo risposto tutte la DI, “T’HANNO SOLATO, DA ANTINISCA O FANNO DE MENO E POI ER MARONE FA RIDE”.
Ma questa vabbe’ era fascile.

Er bello è che famo na caciara paurosa, ma c’hanno messo ‘n fonno e appena s’avvicina uno, Marusca je soride e quello torna indietro.
Continuamo a fanne n’antra marea usando criteri INCOCCEPIBBOLI, poi ariva l’urtima, sempre de loggica: KATE E’ INCINTA, ELISA PURE, BELEN VABBE’, LASSAMO STA’. IN BASE A STE INFORMAZZIONI, VOI VEDERE CHE…
a)      na cifra de gente fa robba alla fine dell’estate
b)      se so’ messe d’accordo prima ma a FICO c’aveva er telefono spento e nun s’è sincronizzata
c)      è n trucco de signorini pe venne più copie
d)      ma che gnente gnente sei incinta pure te?

Io e Marusca mettemo BI.
DAMME ER CINQUE BOO. PERO’ PURE A CI POTEVA ESSE, VE’? A loggica è mportante.
Se risorvi ste cose in un seconno, c’hai tempo pe domandatte perché stai a fa’ sto concorso, che manco c’ho na laurea. Però poi me verebbe da chiede perché pure Marusca e Sharon lo stanno a fa’, che stanno peggio de me e se so’ pure iscritte.

- A SHARON, E’ A CI A RISPOSTA. NO A DI.
- NO, dice lei, è a DI.
- SE VABBE’. RILEGGITE A DOMANDA. QUELLA SGRAVA, QUELL’ALTRA PURE, SE DEDUSCE CHE…

Marusca s’azzittisce e diventa bianca come na morta.
-         A Sharon, ma nun ce dici gnente?
-         E NUN ME VEDETE CHE SO’ NA BALLA DA DU’ MESI?, grida Sharon.
- ME SERVE ‘N POSTO FISSO, PE QUELLO ME SO’ ISCRITTA. MAGARA CE CASCANO.
-         Ma n’hai manco finito er liceo, je dico.
-         SO’ NA SCEMA. SCUSATEME EH.  
Pija e scappa via piangendo, portannose dietro er banco pe cinquanta metri che c’era rimasta incastrata.
-         A SHARON ASPE!, fa Marusca.
- MA SCUSA, MANCO ER PADRE CE DICI?
-         Lassa perde Maru’, je dico io, so’ domande scomode da fa’ a Natale.

E domande so’ finite. Sur terminale escono li verdetti. A Marusca esce MA ‘NDO’ VAI. -         NUN L’HO PASSATO VE?
-         Me sa de no.
-         VABBE’. TE LA’, A MORETTO, L’HAI PASSATO? CHE ME DAI ‘N PASSAGGIO?
Se vorta e me fa:
- AOH, DE STI TEMPI N CAPOCCIONE E’ MEJO TENESSELO STRETTO. HAI VISTO MAI CHE GERLANDO SCAJA CO L’AFFARI SUA. CE VIENI VENERDI’ ALL’APOCALIPS PARTY, BOO? DAJE, PASSO DA TE A FAMME A CERETTA.

 Se ne va.
Er verdetto mio è: AMMAZZA, PE ‘N PELO MA JE L’HAI FATTA. NUN TE CE FACEVO SAI?
Dietro de me ce sta Gaia co n’inedito colore viola ‘n faccia.
-         Ah, sei passata. Complimenti.
-         Grazzie, amo’. Com’è annata? -         DEMMERDA. CINQUE N’HO PRESE. HO ‘NTRUPPATO.
-         Vabbe’ dai…
-         SO’ TRE MESI CHE STO A STUDIA’, CO DU FIJI E ‘N MARITO A CASA, POI ARIVI TE CHE STAI SEMPRE ‘NGIRO A FA’ N CAZZO E VINCI BENE. VAFFANCULO TE E MI’NONNA.
Se ne va, co tutto ‘n carico de cose che se vede era da n po’ che le voleva dì.

Li concorsi servono pure a questo. A tecnologgia batte sempre l’ignoranza e le fregnacce. E ‘nfatti, pure la PROFEZZIA DE GAIA era na fregnaccia.
Mo’ tocca vede’ quella de li maia se è vera. Ce so’ pochi giorni de tempo pe capi’ parecchie cose. Io, pure se nun stiramo, all’orali me fanno ciao che nun c’ho li requisiti pe insegna’.
Ma se ‘nvece stiramo, armeno so che popo cojona der tutto nun ero, pe vive a questo monno.

Ve stimo na cifra,

Boosta Pazzesca

Commenta il post

melvinbgoode 12/28/2012 14:27

Bella Boosta! Questo m'è piaciuto! Io spesso consegno le pizze a domicilio ai ponti... magari 'na sera t'ho pure dato na pizza! Ahahah

Paolo Delicato 12/22/2012 06:44

Bella na cifra, me pari na dea, nun so se sei abboccata o dolce, ma da come te esplichi, devi da esse proprio bona, de carattere mica de carrozzeria. Poi parli che me sembri una che ha puro vennuto le dispense per fa' li testi prima delli orali e se le ma nate giù prima PD' capì. Insomma me piasci un botto!

Lilian 12/21/2012 17:07

A Boo, alla fine è una cazzata pure la profezia di Maia, e ciò mi fa ignorare tutto quello che finisce per -ia.
Pure la noia
Alla fine lo dici te che non c'è niente di scritto e definitivo, tranne le smajature di Gina, e io so d'accordo.
Ti bacio una cifra,
Nera tua.

Cane Quantico 12/21/2012 16:13

Bellissimo. Tra un po' me lo rileggo, per sicurezza. Ma so' quasi sicuro che è bellissimo 'sto pezzo.