CLEOPATRA PIOVUTA DAR CIELO

Pubblicato il da boostapazzesca

 ARIVA CLEOPATRA. COPRITEVE. CHIUDETEVE. BEVETEVE NA COSA CALLA. PIJATE N BER RESPIRO CHE PO ESSE CHE SE STA’ N POCHETTO N’APNEA.
SI TE CAPITA DE TROVA’ N’ANZIANO ALLA DERIVA PIJALO AR VOLO CHE NOI ARIVAMO SUBBITO, ER TEMPO DE GONFIA’ ER CANOTTO. 

-          a protezziona civila 

Capirai, te leggi sta cosa e te preoccupi, anna’ n guera co l’Eggitto è na cosa seria, me ricordo pure quanno c’amo scajato a calcio de recente.
Attacco previsto pe lunedì, e avoja a difendite co tre dadi, te devi popo da’ n ritirata.
Io, Marusca e Sharon invece stamo n mezzo alla strada, davanti aa metro daa stazzione tibburtina, coi mutini aderenti che a me e a Sharon aderiscono poco, mentre Marusca che è fresca de dieta MECOJONICA pare che c’ha n’EIRBEG da passeggio davanti. E s’è messa pure er TACCO 52.

-          BELLE NO? SO’ MANOLO PJANIC, GUARDA CE STA PURE SCRITTO. POZZANGHERA NUN TE TEMO, ME TE GUADO DIRETTAMENTE.

C’avemo le pinne, li SNORKSELZ e li giubbini de salvataggio de terza mano che distribuimo n regalo aa gente che in cambio poi, se je capita de sopravvive, viene a fa’ n sarto da NETTUNO SE LA REGNA, er novo negozzio de articoli sottomarini che Gerlando ha aperto co li spicci che s’è arzato n Olanda, naa speranza che nun lo chiude entro du’mesi come de solito je capita perché sai, a crisi vabbe’.
A gente che j’è toccato usci’ de casa perché se ar lavoro nun ce vai te licenziano, se so’ attrezzate de loro.
Ce stanno pure chi va n giro co li sacchetti de sabbia n mano, pe argina’ quello che ponno. Peccato ce sta n sole che spacca ‘e pietre.
Tutti a capoccia n’arto a vede’ si ariva Cleopatra, daje Cleopa’, movete c’ho da fa’, ecco o sapevo n’antra fregnaccia, pure oggi nun succede gnente, li mortacci loro, Alema’ tanto nun t’eleggo manco si cade la cioccolata, SE PIOVEVA INVECE FORZE FORZE. Pare quasi che je dispiace che n’ariva er tevere a portasseli via co tutti li tronchi.

 -          VABBE’ REGA’ ANNAMOSENE. QUA NUN SE BATTE CHIODO, dice Marusca caa faccia semicoperta dall’EIRBEG.
-          MA GUARDA CHE MO’ PIOVE EH, dice Sharon.
-          AVOJA. CE STA N SOLE A PECORELLE CHE N TE DICO. Poco più n là se sente quarcuno che grida.  

-          ANVEDI, ECCOLA CLEOPATRA! NAMO NI’, MOVETE CHE C’AVEMO DA FA’, AOH FELIXE DOMENICA C’HA MESSO DE MENO, EH.

Su a rampa daa tangenziale ce sta na ragazza africana acchittata come LIZ TEILORE che se sta a butta’ de sotto.

-          MA QUESTA STAVA A DI’ ALEMAGNO? E LI SACCHETTI CHE SI SEMO PIJATI A FA’, PE SARVALLA?
-          QUA CE VONNO L’ELMETTI, METTI CHE TE CADE N TESTA.

Cleopatra pija na bottija de vino, la apre e la versa de sotto. È n’atomo che a gente sta già sotto co li bicchieri de carta der baretto davanti alla stazzione a scroccà.
Ner mucchio se fa strada n tizzio splendido, co li capelli sparati n testa e la camicia attillata de quelle che te fanno la panza bella rotonna.

-          A REGA’, E’ CAMBIATO ER BOLLETTINO. CLEOPATRA E’ BONA, CO CLEOPATRA PIOVE VINO! POI SI VE PIASCE FIONNATEVE A ST’INDIRIZZO, STAMO A APRI’ N’ENOTECA DA PAURA, ER PRIMO ASSAGGIO OFFRIMO NOI.  

A tempesta sa so’ scordata tutti, quarcuno porta pure li salatini. Marusca me mette n mano n bicchiere e va a discute de MARCHETING cor panzetta, mentre Sharon dopo n bicchiere e mezzo sta già a sbanda’ n mezzo alla gente che a spigne via gridando
– MA CHE E’ QUEST’ARTRA, ANUBBI?

-    LASSA PERDE, NUN TOO BEVE. E’ TUTTA PORVERINA.

 Arzo la testa. Cleopatra è scesa daa tangenziale e sta davanti a me. Me soride.

-          CIAO BOO.
-          Bella, Amina.

Nun se vedemo da na vita co Amina. Nun è egizziana, ma tipo etiope. Stavamo nzieme ar liceo, ma n’è che se semo mai filate troppo.

-          Che ber lavoro che c’hai, gajarda.
-          VABBE’ NA COSA DE IMMAGGINE. STO SUR PEZZO, QUELLO CHE CE STA LO PIJO AR VOLO. IO O CHIAMO MORDI E SCAPPA. TE?
-          Io o chiamo QUALCOSISMO FRI LENZ.
-          STAMO MESSE BENE VE?, ride Amina.
Quanno ride dà du piste pure a LIZ TEILORE, tanto che è bella.
-          Ma che lavori cor panzetta là?
-          CARUCCIO VE? ME DA NA MANO, POI S’E’ NVENTATO STA COSA E M’HA MESSO N MEZZO. CO ME E’ NA CIFRA GENTILE, SEMPRE.

La vedo n po’ strana. Sarà che da lontano se vedono ‘n par de cellerini che stanno a anna’ dar panzetta, che tutto aggitato se mette a gesticola’ de qua e de là, e pure verso Amina.

-          Stai bene, Ami’?
-          AVOJA. CIOE’, LO SAI. E SOLITE COSE. MAGARI… SE BECCAMO NA VORTA DE QUESTE CHE NE PARLAMO MEJO. CIAO BOO.

A scompari’ ce mette n’atomo, a vedo da lontano che se leva er lampadario e torna in mostra la capoccia sua piena de ricci. Poi me volto e me trovo li cellerini dinanzi.

-          NDE’ ANNATA A REGAZZINA?
-          Boh. Mica me l’ha detto.
-          A CONOSCI?
-          Mai coperta.
-          STA A LAVORA’ N NERO, MAGARI E’ PURE SENZA ER PERMESSO DE SOGGIORNO. E MO’ CHE FAMO?
-          Boh. A me mo chiedete? Che volete n sarvaggente?

Me guardano e se ne vanno. Se vede che sanno nota’. A sta a galla devi impara’ presto, da e parti nostra.

Amina ha mparato subbito, perché lei a Roma c’è nata eh, solo che da quanno c’ha diciott’anni è diventata STRACOMUNITARIA e allora chi l’ha vista più. Ormai se po di’ popo che nun esiste.

-          AOH, QUESTO N’E’ VINO, STA A PIOVE PE DAVERO! 

Er cielo se fa nero de colpo. Comincia a veni’ giù a secchiate. È arivata Cleopatra, mentre che stavamo a cazzeggia’. A gente se carpestano pe chi ariva prima alla metro.

-          DAMME STO SCAFANDRO OH. CHE T’AVANZA NO SNORKZ.. STORKL… N BOCCAJO? AOH CHE T’AVANZA N RASTRELLO PE MI’ FIJO?  

Ce saccheggiano tutto, mentre er panzetta ariva de corza e pija Marusca tra e braccia.

- DAJE SCAPPAMO. L’HAI CHIUSO ER GASSE? HAI RINUNCIATO AI BENI MATERIALI?
- AOH MA CHE FAI, BIONNO?
- AOH, TOMMASO ER PROFETA DAA PROTEZZIONECIVILE ME L’HA DETTO. VIE’QUA TE DO NO STRAPPO.
- MA CHI SEI? CHI TE CONOSCE?
- GERVASUTTI LEANDRO, PIASCERE. CIO’ ER SUV PARCHEGGIATO LA’.
- A REGA’, SE BECCAMIO, ce saluta Marusca.

 Io e Sharon se infilamo a maschera e se buttamo a noto verso la metro.

-          CORAGGIO BOO, C’AVEMO A CORENTE A FAVORE! Me dice Sharon.

 In treno c’hanno tutti l’attrezzature nostra che se so’ zottate. Gerlando cor MARCHETING è n genio pe davero, du’ gocce e parte a PISSICOSI.
Arivati a Laurentina se sistemamo li boccaji, pronti pe l’apnea. Uscimo e pare che n’è mai successo gnente.

SETTE MINUTI è durata, Cleopatra. E mo’, come si nun fosse mai esistita.
Tipo er mijone de euri stipati pe prevenilla. Spariti.
E invece Cleopatra esiste, se chiama Amina. L’ho vista lunedì, pe pochi minuti, è stato n’evento. E infatti parla’, n’hanno parlato.
Poi, come tutte le cose, er giorno dopo chi se la fila più, Cleopatra. A Roma è così, oh: dimo dimo, famo famo, se vedemio se beccamio, ma a città è grande e sai quann’è che lo rifamo.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Emma 10/18/2012 10:32

Dalle tempeste invisibili ma eclatanti alle persone invisibili burocraticamente e poco "famose"... Gran bel pezzo!!

Antonio 10/17/2012 20:16

Certo che Alemagno ne regala de perle. Grande Bu' sempre sul pezzo, chi t'affoga a te?