A TERZA STAGGIONE – seconna puntata

Pubblicato il da boostapazzesca

RIASSUNTO DAA PUNTATA PRESCEDENTE:

Boosta a n’esame trova quello che j’ha spezzato er core ar liceo. Però detta così fa ride, vattela a legge direttamente qua e poi torna qui e te spizzi la fine.

E mo’ che faccio? O manno affanculo? Nun lo guardo e tiro avanti? Capirai, da mo’ che lo sto a guarda’. Allora lo manno affanculo. Sento che me vibbra quarcosa addosso, è n’eccitazzione strana. Mica che so’ ngrifata eh, è popo er momento.

-         ME SA CHE TE STA A VIBBRA’ ER TELEFONO, me dice Pitergabbriel.

 È Marusca. Ce lo sa che sto all’esame, ma mica riattacca eh.

-         Che d’è? Sto mpicciata.
-         A BOO STO NAMMERDA AIUTAMEEE.
-         Ma che, stai a piagne?
-         M’HA MOLLATA BOO! DAVANTI A TUTTI!
-         Ma chi, Gerlando?
-         MA CHE GERLANDO. QUELLO STA IN NEDERLANDZ A LAVORA’TREDICIORE AR GIORNO PE FASSE NA POSIZZIONE, SI NO COME ME MANTIENE? NO, STO A DI’ CESARE. QUELLO CHE METTE E BASI AR CHITICACA­­­­ DENZ FLOR, ANDO’ VADO A BALLA’ SU LI CUBBI.

Er dramma è scottevole. Er tipo, che Marusca s’alliscia de straforo da tipo ­­­­n mesetto, j’ha detto che c’ha e zinne ma nun c’ha er cervello.

-         ACAPITO? A ME! M’HA MESSO N DUBBIO L’INTELIGGENZA! MA IO L’AVO CAPITO DA PRIMA CHE M’ANVITAVA A CENA.
-         E come?
-         AVA DETTO CHE A STO GIRO ER CONTO SOO STECCAVAMO. E I SORDI LUI CE L’HA, EH.

 Uno che me fa sta’ male così è n po’ che nun me lo trovo davanti o de fianco. Nun l’ho fatto più succede. Dice, tanto poi quanno cresci nun succede più. E nvesce sai che c’è?, a ventiquattranni succedono e stesse cose  de quanno ce n’avevi quattordisci.

-         Vabbe’, senti, t’accanno che c’ho l’esame.
-         NO BOO, NUN ME POI ACCANNA’ COSI’.
-         Vabbe’ te passo er professore allora. Guarda, ce l’ho popo qua davanti.

Cagnalupo me zotta er telefono.

-         AOH! QUA STAMO A FA’ N’ESAME EH? COME QUALE?... Ah, ma lei è quella daa foto sur DISPLEI? Lei se nteressa pure de videogheimz?... eh, sa, signorina, dietro a ste cose ce sta n’anima… HA HA HA si quella de li mortacci loro, HA HA HA lei è davero spiritosa!... D’accordo, a dopo, la saluto.

Me rida’ er telefono.

-         DICE CHE PASSA DOPO ALL’USCITA COR NINTENDO. DAJE MOVETEVE, MANCA MEZZ’ORA. 

Pitergabbriel ner frattempo, siccome tra FLESCBECK e artre cose s’è fatta na certa, sta a mette e croci a caso.

-         FAMO CHE DOPO SE CONFRONTAMO?
-         Boh, noo so, poi vedemio.
-         MA STA BUSTA? PERCHE’ TE COPRI? CO QUELL’OCCHI MICA POI ESSE COSI’ BRUTTA.
-         Dici ve?
-         GAJARDA PERO’. E’ TANTO CHE CELLAI?

Dopo quella giornata ar baretto, io a scola nun ce so’ più annata tipo pe venti giorni. Stavo pure pe perde l’anno, manco alla gita de classe a SUBBIACO so’ ita, ma nun me ne fregava gnente. Volevo solo scompari’. Mi’padre ‘n quer periodo se mostrava na cifra comprenzivo.

-         T’HA SPEZZATO ER CORE? MA TE DEVI REAGGI’A PAPA’, NUN POI STA’ CHIUSA N CASA. DAJE, AFFRONTA A SITUAZZIONE CO QUELLO CHE C’HAI. TEH, PIJATE PURE ST’OMBRELLETTO CELESTE CHE OGGI PIOVE.

E parole de papà so’ state toccanti. Allora ho pijato o zaino e so’ uscita. De spalle sento mi’padre orgojoso che nun vedeva l’ora de dillo ‘n giro:

-         ELIDE? OH, SO’ IO. PASSA PURE QUANNO VOI, S’E’ LEVATA DA LI COJONI FINARMENTE.

A scola e voci se spargono. In venti giorni poi, nun te dico. Busta de qua, busta de là, PORACCIA OH, CERTO E’ NA BUSTA PAZZESCA PE DAVERO. Pure Marusca e Sharon hanno iniziato a chiamamme così.

-         T’HO CHIAMATA BU’? VABBE’ DAI, E’ ER DIMINUTIVO DE BRU’ NO? CHE TE STAI A PENZA’.    

-         Maru’, senti, ma sta storia te che pensi?
-         MA LASSA PERDE, SO’ TUTTI STRONZI A BOO. CERTO MAGARA N POCHETTO TE POTRESTI CURA’ DEPPIU’ ECCO. SI VOI C’HO QUA POPO N PAR DE FARDZ CHE…

-         Se cambiamo de posto, Maru’? 

Me metto dall’altra parte der banco, lontano da Pitergabbriel, co Marusca che me lo impalla de tetta. Mallardoni fa l’appello e nun dice gnente. Che me so’ spostata, che nun ce so’ stata. Gnente. So’ na piccola busta che nisuno s’accorge de lei.

All’uscita piove e apro l’ombrello celeste. Ar cancello ce sta Pitergabbriel e mo trovo davanti. Lui me soride e me viene ncontro. So’ na corda de violino perché ce lo so, che quello che me dirà moo ricorderò tutta a vita. Pitergabbriel me dice

-         MA CHE SEI DAA LAZIE?
-         Eh?
-         CO ST’OMBRELLO CELESTE.

 Io nun rido, allora ride lui. Poi siccome nun sa che fa’, me saluta e se dà. Affronto a situazzione come m’ha detto papà: co quello che c’ho. C’ho quindici centesimi e sto davanti a na bancarella etnica piena de cose stilose.

-         Che me dai quella, per piacere?
-         MA CHE, A BUSTA?

Pe quindisci centesimi è n affarone. Ce faccio du fori e me la metto n faccia. Inizio a pijamme cura de me stessa, e già me sento mejo.

-         DAJE OH, CINQUE MINUTI ANCORA E LI TEST LI VOJO TUTTI QUA AR TAVOLO EH, dice Cagnalupo.
Pitergabbriel è n crisi, se sta a mette le mano nei DRED.

-         Teh, ciocca ar volo, je faccio.
– Da TOMBRAIDERE n poi so’ esatte, prima nun lo so ma po esse che all’orale c’arivamo co  bucio de culo.

-         EH?
-         Co’ ventitre’.
-         SEI LA MEJO AMO’ me fa, mentre ricopia aa velocità de FLESC GORDONE.

 Io quell’anno alla fine m’hanno promosso perché ar conzijo dei professori Mallardoni, che era cecato, disse che a scola c’ero sempre annata, e l’altri nun c’avevano voja de contraddillo.
L’altri quattro anni so’ volati. Marusca ha ripetuto er seconno, a maturità l’ha pijata n’anno dopo de me. Sharon se capiva da come se sedeva ar banco che a scola nun faceva pe lei, ha mollato tutto e s’è messa a fa’ a barista.
Pitergabbriel dopo quer giorno nun l’ho più rivisto.
Er giorno dopo s’era trasferito a n liceo privato de na cosa tipo le SORE ORTOLANE. Là te diplomi pure senza copià.

All’uscita da ROMA TRE ce sta Marusca cor leopardato da passeggio che m’aspetta.

-         AMO’ TUTTAPPOSTO? MA ST’ESAME E’ NA CIFRA NTERESSANTE, STUDIATE PURE ER BABBOL CAZZOL, COME SE CHIAMAVA QUELLO COR DRAGHETTO CHE TIRAVA I PALLONCINI? CE STAVO NA COLLA, OH.

-         Eh, nun me ricordo Maru’. È passata na cifra de tempo. La vedo che sbianca. Me vorto e ce sta Pitergabbriel.

-         ANVEDI, fa a Marusca, TE RICORDI DE ME? STAVAMO VICINI DE BANCO. -         EEEEH SI, SI COME NO, dice Marusca na cifra a disaggio.
– STAI BENE SI? SEMPRE A PEDALA’?
-         NOO MADDECHE’. A BICI L’HO CANNATA, DU’PALLE. POI ME DICEVI CHE PUZZAVO E TE SCOSTAVI, T’ARICORDI?  

Marusca arisbianca, vabbe’ se sa d’autunno l’abbronzatura se ne va, se vede che vale pure pee lampade.

 -         MO’ C’HO A MACHINA. O VOI NO STRAPPO? 

Le cose nun cambiano davero mai. Anzi, se ripropongono parepare. 

-         NO, T’ARINGRAZZIO. STO COLL’AMICA MIA, dice Marusca.
-         AH LEI? GAJARDA, MI HA AIUTATO. MA SENTI, A BUSTA CHE STAVA A SCOLA CO NOI CHE SE CHIAMAVA MARUSCA, A SENTI SEMPRE?  

Marusca me guarda. Io guardo Marusca. Marusca se sfila a borza rinforzata. Io guardo a borza rinforzata de Marusca che se abbatte sur muso de Pitergabbriel, che sta d’autunno come l’arberi le foje. Cioè A TERA.

-         A BOO SCUSA, NUN TE L’HO MAI DETTO. E’ STATA NA CAZZATA, STAVAMO SEMPRE A PARLA’ E POI GNENTE, ALLA GITA A SUBBIACO SE SEMO BACIATI. NUN E’ CHE ME ODI MO’, VE?
-         Hai sbajato, Maru’.

Je pijo la borza. Pitergabbriel se sta a riarza’. O centro de dietro ar collo che se sdraia e a sto giro se ripija n serata.

-         O devi corpi’ bene si voi che resta ‘n tera.

Se n’annamo mano nella mano, che ‘ste cose nun cambiano mai.

In gita poi ce so’ annata purio l’urtimo anno, a Pariggi. E la notte dopo er test ho sognato che stavamo in PURMAN a torna’ popo da là.
C’avevo la busta n testa, ridevamo tutti come scemi, cantavamo, eravamo felisci.
De fori nun se vedeva gnente, da tanto che pioveva. Allora aprivamo na botola dar tetto e uscivamo da sopra.
Fori ce stava er sole. Er PURMAN era completamente dentro l’acqua, a strada era na spesce de piscina e li marciapiedi erano li bordi.
Da n marciapiede li genitori nostra ce salutavano, e noi se tuffavamo tutti e annavamo da loro a noto. Ar liceo so’ stata bene, felice.
Ho avuto amichi belli, e altri che nun valeva la pena de soffricce. Ma ‘n finale, è pure grazzie a loro se alla fine arivi a esse quello che sei.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

mericler 05/19/2013 20:00

m'hai commossa

dopodilei 10/08/2012 16:19

Ammazza....i Pitergabbriel non mancheno mai---l'unica è avecce 'na riserva de borze pesanti..:)

fusty 09/28/2012 21:55

devo di che non ne esce bene nè Marusca nè er fio dei genesis...

SiRvia 09/28/2012 14:00

Ahò, c'ho na 300 de buste daa spesa, bio, eh! Se nòve stanno a 0,15, varebbero na 45, no? Mbè dateme na 20 e famola finita. A borzettata ar kazzone spezzacuori la offro io. Vabbè? E sinnò, LEVETELA STA BUSTA, A BOO ! ;-))))

maldimaldive 09/27/2012 20:16

Ciao Boosty ogni cosa che scrivi me fa penza. Penza agli anni mia, a quanno se sognava l'amore. Mo c'e' sta a crisi, pure de sentimenti. Mejo allora na borzettata data bene. Voi mette che soddisfazzione?!

barbara spoletini 09/27/2012 15:15

bella a Boostì e poi"che sta d autunno come l arberi le foje.Cioè a terra".....poetica na cifra^_^

annalisa 09/27/2012 15:01

BellaBBù dietro quella boosta quanta sofferenSa eqquanta dorcezza. soprattutto quanno che l'hai spiaccicato attera. te stimo na ciaifra :)

Berenice Terzani 09/27/2012 13:38

Bustina bbella, sei tutte noi! sappi che te stimo na cifra davero :D