A TERZA STAGGIONE - prima puntata

Pubblicato il da boostapazzesca

Da ‘na settimana sogno sempre ‘a stessa cosa, che devo torna’ ar liceo perché all’univerzità m’hanno detto che si nun faccio ‘n modulo de recupero l’esame nun lo posso da’. Allora ariecchime ar banco coi pischelli più giovani de me de na diecina d’anni.

Er prof de matematica MALLARDONI PINO che è cecato pure ‘n sogno, fa l’appello, poi me guarda, strizza l’occhi, me storpia er cognome come sempre e se fa portavoce dee perplessità mia:

-       PALLOZZA, TE STAI ALL’UNIVERZITA’. TE VOI LEVA’ DAR 

Qui de solito me svejo e vado a fa’ colazzione davanti ar manifesto daa Ferilli che s’affaccia a scacchi daa finestrella con grata de cucina.
Er tempo passa e le staggioni pure, tutto ricomincia ma quarcosetta forse cambia.
Pija a Ferilli. L’attacchino nun l’ha più levata, e mo’ je ce vorebbe n LIPTING de gnente. Tra a pioggia, er callo, Remo che de notte je va a rosicchia’ a rotula, pare ‘a pubblicità dee pompe funebbri.
Ce manca solo o slogan: E FATTELO STO SARCOFAGO.  

In questa staggione de solito piove, de solito cadono i capelli e pure le foje, de solito te piascerebbe scrocchiartele sotto a li piedi, ma ‘nvece de solito a pioggia l’ha ammollate e si nun stai ‘n campana de solito te giochi er menisco.
Poi de solito se avvicina a sessiona autunnala, e me sona er promemoria sur cellulare che oggi ce sta er test de FENOMENOLOGGIA DER PUBBLICO RINCOJONIMENTO e io sto a fa’ a poetessa me cojoni, e invece devo pure fa’ na corza sinnò lo liscio e quanno lo recupero.

In aula semo er solito gregge. Stanno tutti strippati, er manuale è ‘n mattone pauroso che comincia co PACMAN e finisce co ANGRI BERDZ.
Qua ce sta gente che ha mparato a parla’ co FRI CELL, e ancora je manca quarche vocabbolo. Va detto che, co li mezzi grammaticali loro, a sposta’ l’appello tra ‘n mesetto c’avevano provato, ma ‘r professor CAGNALUPO se capisce dar nome che è n’osso duro e j’ha tirato dietro direttamente er MAUS.

-         ER PRIMO CHE COPIA VOO DICO SUBBITO, O BANNO FINO A PRIMAVERA SENZA APPELLO. HA HA HA BONA QUESTA.  

Mentre che tutti ridono pe’ fa cresce l’autostima ar professore, e porte se chiudono e inizzia a mattanza.
‘A gente prova a comunica’ ma Cagnalupo sbuca da ‘ndo meno te l’aspetti. Io nun me ricordo bene che se magnava PACMAN pe batte li nemichi, me sa che a risposta giusta è SPINACI, ma magari a lasso vota e ce ripasso dopo.

In quer mentre ariva uno tutto de corza, arto e magro, co li DRED in testa. Se scusa, se pija le bestemmie de Cagnalupo e poi cerca ‘n posto a sedesse e siccome ce ne sta uno vòto vicino a me, ce se mette e me dice CIAO.
E io resto a guardallo come ‘na cretina. E tutto ricomincia.

E io so’ de novo a o scientifico Aristotele. Mallardoni fa l’appello, poi siccome che è cecato strizza l’occhi, a me me storpia er cognome e fa:

-         VARCAROLI, PALLOZZA, CHE VE SIETE PORTATE A MERENDA? CE STA ER BANCO PIENO DE BORSE.
-         A PROFESSO’, SO ‘E TETTE MIA, DA QUARCHE PARTE ‘E DEVO PURE METTE, je risponne Marusca.
-         CICALA, CHE TE SEI MESSA A CAPOTAVOLA? AR BANCO CE SE SIEDE DAA PARTE LUNGA.

 Sharon, che sta ar banco vicino ar nostro, coje er dettajo e se sposta daa parte lunga, chee spalle ar professore.
Er primo giorno de scola, manco dieci minuti e se semo fatte riconosce subbito. Mallardoni chiama Marusca alla lavagna a fa’ i disegnini mentre spiega li numeri binari, e già capimo che ‘a chiamerà tutto l’anno perché lui è uno che nun c’ha occhio solo pee geometrie piane.
E mentre spiega ariva uno co li DRED in testa, arto e magro, e se siede vicino a Sharon, dalla parte mia però.

-         CIAO, IO SO’ PITERGABBRIEL.
-         E io so’ FIL COLLINZ.
-         NO NO, ME CHIAMO POPO COSI’. PAOLUCCI PITERGABBRIEL, PIASCERE. MI’ PADRE STAVA ‘N FISSA. SENTI, MA STAI A PIJA’ APPUNTI?
-         Boh, prima ha spiegato quarcosa. Poi ha chiamato Marusca e mo’ stamo a vede’ lei che fa i cerchi.

Se fermamo a senti’ Marusca che parla de Archimede Pitagorico che era ‘n bravo geometra e a tempo perso gestiva na specchieria, mentre Mallardoni nun la guarda nell’occhi.
Poi continuamo a parla’ de noi, che er primo giorno se sa nun fai gnente e forse pure l’altri. Pitergabbriel gira ‘n bici, è attivista, naturista, ambientalista, salutista, sandinista, sandalista, fa ‘n sacco de cose e ariva a tutte ‘n ritardo.
E ‘nfatti l’anno scolastico ‘o sta a ripete, se vede che n c’ha popo avuto tempo.

Sharon se prova a ‘nserì, ma nun ce sta FILING. Pitergabbriel è n pischello tanto gentile, e magari è solo ‘na giornata che s’è svejato bene, penzo. Invece pure li giorni dopo parlamo, stamo sempre nzieme. Io je passo l’appunti, comincio pure a sta attenta a scola pe passajeli boni, e poi parlamo.
Se fa pure ‘n pezzetto de strada co’ me. Me dice che c’ho l’occhi belli, de ‘n colore strano tra ‘r marone e ‘r verde.

- SO’ OCCHI PARTICOLARI, CE O SAI? CAMBIANO DE COLORE COLL’UMORE, COR TEMPO. QUANNO SEI CONTENTA SO’ PURE PIU’ LUMINOSI.

E der fatto che so’ piccoletta, coi capelli corti neri sparati, un po’ brufolosa, zero de reggiseno e meno dieci de culo, pare che nun je ne frega gnente ed è a prima vorta che me capita. A parte mi’ padre, che ‘n quer periodo me ‘ncoraggiava sempre:

-         DAJE CHE SEI CARUCCIA. VABBE’, A FACCIA NO, MA DE SOLITO ALL’ETA’ TUA CRESCONO E TETTE, COSI’ ARMENO PONNO GUARDA’ DA N’ANTRA PARTE.

 AOH, me sento a fianco.
È Marusca.

-         MA N’E’ CHE ME ‘NTERROGA SEMPRE PERCHE’ ME VOLE VEDE’ E TETTE VE?
-         No, Maru’, l’hai corpito INTELLETTEVORMENTE.
-         M’ERA PARZO. OH, SENTI, MA QUAA ZECCA CHE CE PARLI SEMPRE, CHE MICA TE PIACE PE’ DAVERO?
-         Boh, noo so. Parlamo tanto, semo amichi.
-         MA VA ‘N BICI, E’ NO SFIGATO. C’HA I CAPELLI ZOZZI IMPICCIATI. ARIVA SEMPRE SUDATO, JE STAI VISCINO TE VEREBBE DA ATTACCAJE ER PINO SIRVESTRE.

 Sharon ce prova parecchio co Pitergabbriel, ariva tutta acchittata e Marusca je presta pure li trucchi. Er risultato è che lui manco la guarda, e lei se mette a gioca’ a tris da sola sui muri cor rossetto e Marusca sencazza e je dice
 – MOO DICEVI TE PRESTAVO DIRETTAMENTE L’UNIPOSCA.

Poi me guarda e fa:
-         PERO’ OH. A SHARON NUN SAA FILA POPO. VABBE’, SE CAPISCE PURE, MA NZOMMA NUN C’HA ER RAPPORTO CHE C’HA CO TE. SE VEDE CHE J’ARISURTI. E’ SFIGATO EH, MA J’ARISURTI. 

Dopo che Marusca me dice ste cose, che fai nun sarti per aria?
E poi boh, ‘nzomma, a dilla tutta a Pitergabbriel un pochetto ce penzo. A casa me sento pure la cassetta dei GENESIS de mi’ fratello, mi’ padre che nun è popo ISTEROFILO fa ‘a faccia strana e se capisce che avrebbe preferito che se chiamava tipo Mimmolocasciullo.

-         SEI NNAMMORATA EH?... SE VEDE.
-         C’ho l’occhi più luminosi, ve?
-         NO, STAI A CUCINA’ DEMMERDA.

Co Pitergabbriel ormai tornavamo fissi a casa ‘nzieme, Sharon pure s’era fatta ‘na raggione e lei e Marusca me salutavano coll’occhietto e se n’annavano prima quando sonava a campanella.
Quer giorno però lui all’uscita nun ce sta. L’aspetto ‘n pochetto, poi me metto a cercallo e lo vedo che sta a ‘n baretto vicino che parla co’ quarche amico suo. Sento quello che dicheno senza famme vede’.

-         MA ‘NZOMMA, STA PISCHELLA CE FAI ROBBA O NO?
-         MA CHE STAI A SCHERZA’? PE L’APPUNTI E’ BONA, PERRESTO MEJO ER TERMOSIFONE.
-         DAJE OH, CHE SARA’ MAI?
-         E’ NA BUSTA, REGA’.

 O vedo che pija fiato, quii due-tre secondi de quelli che poi spari ‘na sentenza de quelle definitevoli, LAMPADARIE.

-         E’ NA BUSTA PAZZESCA.  

Un attimo, e so’ de novo ar test. Co ‘na busta ‘n testa, davanti ‘na domanda ESISTIZZIALE der tipo QUANTE PALLETTE C’HAI A DISPOSIZZIONE QUANNO GIOCHI A ANGRI BERDZ? e so’ tarmente ‘n palla che ‘e pallette chi see ricorda. Pitergabbriel me tocca co ‘n dito, me guarda e me fa:

-         SENTI, TE VOLEVO DI’… SO’ STATO ‘NCASINATO E NA META’ DE STE COSE NUN LA SO DE SICURO. TANDREBBE DE DAMME ‘NA MANO? GUARDA, TASSICURO CHE ME FACCIO PERDONA’ POI, EH.

Nun è cambiato pe’ gnente. Me guarda nell’occhi e sento er vòto ner petto. Manco l’occhi mia, so’ cambiati. Ma lui nun me riconosce. Dev’esse perché ‘n testa, da quer giorno, c’ho ‘na busta.

Fine daa prima puntata TU BI CONTINUED NECST UIC, Boosta Pazzesca

Commenta il post

Ciccio Russo 09/28/2012 07:05

A Boo, mai fidasse de uno che se chiama come un componente di quer gruppo de mmerda

Valerio 09/27/2012 13:05

A boostarè, sto Pietroilglabbro non c'ha mai capito 'n cazzo!
Il cervello è la mia zona erogena preferita e te sei na cifra stimolante, lassali perde sti fintifricchettoniradicalscicche, dai retta a me.

boostapazzesca 09/21/2012 15:43

dimmelammè.....

Mimosa 09/21/2012 13:49

A me 'sto Pitergabriel me piace...

boostapazzesca 09/21/2012 08:50

Ha ha ha vabbe' che ce piace l'omo che un po' assomija a nostro padre, però ce sta n limite

Antonio 09/21/2012 08:45

Non capite nulla voi donne, noi quando insultiamo qualcuna con i nostri amici è perché ci piace. Dagli una seconda chance, e se scopri che dice in giro che sei un cassonetto, è ancora innamorato.

AB 09/20/2012 10:14

a Boo ma chisseloncula sto sfigato de pitergabbriel, je dovevi sputa' e dije de strozzaccese co' quei dredddemmerda. (e de rifa' l'esame a gennaio, sciao bello!)

ssschiele 09/20/2012 07:53

E visto che nun racconto calle...

http://causticamente.wordpress.com/2012/09/20/n-tempo-de-guera/

‘n tempo de guera… « Caustica-mente. 09/20/2012 07:52

[...] in giro, ho trovato questo, che un po’ m’ha fatto ridere, un po’ m’ha fatto riflettere. Di base, m’è piaciuto. E [...]

boostapazzesca 09/20/2012 07:30

Ha ha ha ha a sto giro era n chilometro, apposta l'ho fatto n due puntate