QUALCHE NUVOLA - BOOSTA INTERVISTA SAVERIO DI BIAGIO E LUI SE LA FILA PURE, OH

Pubblicato il da boostapazzesca

Gnente, stavo ‘n centro e ar tipo che me camminava davanti j’è cascato quarcosa da o zainetto. Er tempo de chinamme a raccattallo e già nun ce stava più, poi come sempre è arivata na marea de giapponesi e chi o ribbecca.
Dopo che me so’ ripijata dar callo e dar fiatone e da scipione, ho visto che era n divvuddì. Sopra ce stava scritto, cor pennarello, QUALCHE NUVOLA, e basta. Dev’esse er VAIRAL MARCHETING der novo provvedimento anticallo de Alemagno, tipo che cor sale avanzato daa neve de febbraio je spari a e nuvole, e po esse che du’ gocce d’acqua cascano.
- MADDECHE’ E’ N FIRM, HO VISTO LI CARTELLONI, me dice la sera Marusca.
E’ PURE PIENO DE BEI RAGAZZI, TIPO MISCEL AILAIC, RIONDINO DE MONTARBANO, ELIO GERMANIO. VABBE’ SPIZZAMOSELO.
Sto firm è na storia semplisce semplisce de gente semplisce che vive na vita semplisce, ragazzi de quartiere che se vonno sposa’ ma te pare che va tutto liscio? E no, avoja prima che se sposano.
- VABBE OH, STO FIRM E’ DA PAURA. MO’ PERO’ TOCCA RIPORTAJE ER DIVVUDDI’, dice Marusca.
- Che c’hai n mente, Maru’?
- IO? GNENTE OH. PERCHE’? -
No vabbe’, solo che te stai a passa’ er SIRCHEPIL sur porpaccio allora er dubbio te viene, sai.
- VABBE OH, JE LO DEVI RIDA’ ER DIVVUDDI’? T’ACCOMPAGNAMO DAR REGGISTA, TE PARLI CO LUI E IO ME ‘NTRATTENGO ER FRANCESE, MISCEL AILAIC, CHE A DILLA TUTTA ME LAICA POPO ‘N FREGO.
- IO ME NTRATTENGO RIONDINO DE MONTARBANO, se inserisce Sharon.
- VABBE’ HO SGAMATO A CONFERENZA STAMPA, taja corto Marusca spippettanno coo smartfon e rinfrescannose e MESCIES a o stesso tempo.
PUNTA ALLE UNDISCI A VIA DEI PERFETTI E POI S’ANNAMO PURE A PIJA’ ER GELATO DA GIOLITTI.

- A rega’ nun me pare er caso, so’ persone mportanti, va a fini’ pure che se ncazzano.
- DICHI? VABBE VA’, N FINALE C’HAI RAGGIONE TE.
Lunedì mattina io so’ a via dei PERFETTI perché er divvuddi’ c’ho penzato, ar regista je lo vojo rida’. Poi metti che va a fini’ su internet, capace che se la pijano pure co me.
- A FARZA, FAI TUTTA A SPLENDIDA E POI T’APPRESENTI?
Ce sta Marusca cor DECORTE’ dee grandi occasioni. Da dietro l’angolo spunta Sharon cor gelato.
- AVEVAMO DETTO DOPO, COJONA. NUN TE FANNO ENTRA’ COR GELATO. - VABBE’ OH, SE E’ MO METTO N BORZA, SO’ GRANDI OCCASIONI QUESTE.
A me chissà perché, sembra l’occasione solita nostra de fa’ na figura demmerda de dimenzioni rare. Anfatti entramo naa libbreria e Sharon se mette a core gridando
AOH, CE STA RIONDINOOO, come si prima noo sapeva.
Quello che nun sapeva è che vicino a cassa ce sta ncentinaio de libbri appilati tutti a spirale, lei ce passa ner mezzo e n tre secondi sfascia er lavoro de un giorno de na staggista.

Mentre riappilamo i libbri a conferenza è finita da mo’, e so’ tutti ar BAR a pijasse n CORVIALE.
- BELLE, VOI FATE QUELLO CHE VE PARE, dice Marusca. IO SO’ VENUTA PE AILAIC, NO PE GIOCA’ A JENGA CO VOI DUE. MISCEEEEL? GE SUI’ AN TA GRAND AMMIRATER. AH SEI DE ROMA? ANVEDI PURIO, GUARDA ER CASO OH.
Io pure vado ar bar e vorebbi trova’ er reggista, ma nun so com’è fatto.
Ce sta n tizzio tranquillo, n TI SCERT e camiscia, nun me fa pe gnente soggezione, allora vado da lui.
- Ciao senti, che conosci n certo DI BIAGIO SAVERIO?
- Ma che voi?
- No gnente, io c’avrei na cosa… - Ma che voi? N’intervista?
Nun c’avevo penzato. So’ quarcosista, e a sto giro me svorto l’intervista.
- E che domande je voresti fa’, sentiamo? Dev’esse l’aggente suo. Se vede che funziona così. Te je dici le domande, l’aggente risponne pe lui, nzomma, sei l’urtima arivata, mica poi penza’ de parla’ direttamente cor reggista. Gnente, me tocca improvvisa’.

- Vabbe’ io vado n po’ a braccio. A prima domanda è: A SAVE’, HO LETTO CHE C’HAI MESSO OTTO ANNI PE FA’ N FIRM, CHE ER PROSSIMO O FAMO FA’ DIRETTAMENTE A LI MAIA?
Magari in coproduzione con questi Maia, se mi dici che sono forti… si è vero, ci sono voluti 6 anni per iniziare a girare il film e un altro anno per montarlo, portarlo a qualche festival internazionale e per distribuirlo, ma c’è chi non ci riesce affatto e quindi mi reputo fortunato. Per esordire nel cinema italiano c’è bisogno di molta perseveranza o delle solite raccomandazioni. Sono contento di avercela fatta senza calci nel sedere, sono contento di aver portato questo film anche al festival di Venezia che sembrava una cosa impossibile. Quando mi ha chiamato Marco Müller ho pensato: o è uno scherzo o è quello dello yogurt.

Che caruccio, penzo. Risponne come se è lui Saverio, da paura così nun me sbajo co e DECIMAZZIONI.

- A seconda domanda è: A SAVE’, STE DONNE DE PERIFERIA DER FIRM TUO PENZANO SOLO AR LETTO VINTASG, A LI RUBBINETTI BELLI, A TIVVU’. ‘NZOMMA, ER MASCHIO MUTO E LORO CHE SAA CANTANO E SAA SONANO. IO NUN ME NE NTENDO DE MUSICA, MA È VERO CHE ER MATRIMONIO È A TROMBA DELL’AMMORE?

Ho voluto rappresentare una generazione di ragazzi che è cresciuta con la tv commerciale, che apparentemente è gratis, ma che invece paghi con il bisogno di acquisto compulsivo che ti fanno crescere dentro con la pubblicità diretta e indiretta. Visto che per comprare ci vogliono i soldi per questa volta l’uomo lavora e la donna spende. Io sono cresciuto in una famiglia classica, mio padre in cantiere e mia madre a casa a fare la casalinga, non saprei dire chi ha faticato di più. In Qualche nuvola i due protagonisti sono fidanzati da più di dieci anni e fino al giorno in cui Cinzia ha deciso che si sarebbe dovuta sposare con Diego le cose sono andate alla grandissima, ma ironia della sorte da quel giorno in poi gli eventi sono iniziati a precipitare. Personalmente credo che non serva un vincolo per fare una famiglia, ma stiamo in Italia e…

- MA SENTI, TE CHE PENZI DER FINALE?

Ho voluto dare un tono melò a questo finale perché credo che la vita, quella vera, è un po’ così si ride si ride, ma a un certo punto paghi dazio. Diego è un protagonista particolare, tutti scelgono per lui e lui li lascia fare, è segnato fin dalla nascita quando orfano di padre o studiava o andava al cantiere. Per un brevissimo periodo Viola (la radical chic) gli apre una porta su un mondo pieno di lustrini e di tempo libero da dedicare alle passioni, ecco, questa porta gli si richiude davanti e lui non ha nemmeno la forza di reagire.

- NO PERCHE’ IO ME SO’ TAJATA, PERÒ CO L’AMICHE MIE SE CREDEVAMO CHE LUI SE METTEVA A GRIDA’ E A SPACCA’ TUTTO.

Se io avessi raccontato nel film un Diego che nel finale diventa così esuberante, così audace, avrei costruito uno stereotipo che poi magari sarebbe passato pure per vero. Il protagonista fa un percorso di allontanamento dal suo mondo per poi doverci tornare definitivamente, si è divertito, è stato bene, ma se poi ci pensa un po’ di malinconia lo assale, come nella vita, esattamente come nella vita. E poi, visto che Diego è pure colpevole di aver tradito la fidanzata di sempre, perché dovrebbe “sbroccare”? Perché a un certo punto si è convinto di essere un figlio della borghesia e che ha bisogno di andare a meditare per un po’ di tempo in qualche paradiso tropicale, ma fammi il piacere… non sei nemmeno la prima che me dice sta cosa, gli altri l’ho mannati affanculo, mo’ co te che dovemo fa’?

Sto a sbianca’. Ariva na tizzia. - Saverio? Siamo pronti per le interviste TV.
Lui me guarda e ride.
A BOO TE STO A COJONA’! SO’ N FAN TUO! ER DIVVUDDI’ TE L’HO CASCATO IO APPOSTA. TE LO REGALO. E’ DA PAURA ‘STA INTERVISTA. MO’ VADO EH? STAMME AR CIOCCO ME RACCOMANNO!
Me da na pizza affettuosa sulla busta e se ne va. Ariva Marusca.
- HAI FATTO? ANNAMO VA.
- Ma non dovevi fa' robba co AILAIC?
- NO.
- E’ fidanzato?
- SI. ER CIMENA E’ N’ILLUSIONE. ANNAMO, ER GELATO NUN MENTE MAI. SHARON MO’ NDO STA?
A vedemo sbuca’ da no stanzino che ce se accoda tutta soridente. Mentre se n’annamo me vorto e vedo Riondino caa bocca zozza de gelato. C’ha raggione Marusca, er gelato nun mente mai.

E’ a prima ntervista che me porto a casa e so’ na cifra felisce, quasi nun sento più er callo. Er ventisette de giugno seddiovole esce QUALCHE NUVOLA.
L’avo detto io che Scipione nun poteva dura’ a lungo.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Un abbraccio e n grazzie de core pe l’amichevola partecipazzione a Saverio Di Biagio e a tutto er cast de QUALCHE NUVOLA, spesciarmente a Michele Alhaique, Michele Riondino, e fidanzate loro che speramo nun me vengono a cerca’, Samantha Suriani paa foto daa conferenza stampa, a staggista daa libbreria, l’aggente de Saverio Di Biagio, er tizzio che s’è fatto casca’ er divvuddi’, tutti li giapponesi in vacanza a Roma e er gelataro de Giolitti che nun mente mai. 

Commenta il post

Daniele G 07/05/2012 16:49

Aho', er gelato de Giolitti sarà sincero, ma se fa pure paga' 'na cifra! Mejo Fatamorgana a Nemorense o Quinto a via daa Pace!
Ad ogni modo... a Boo, te stimo 'na cifra... e me sa che semo in tanti ;)
Grazzie de tutto