IMPARA L’ARTE E METTITE A FA’ E TORTE

Pubblicato il da boostapazzesca

Mercoledì no questo, quell’artro, mentre che stavo a fa’ er tiro dei sacchi daa monnezza pe tonifica’ i bracci e purga’ casa dar quinto livello de schifo ammassato, sento ‘n TACCITUA che viene dar cassone.
Me ce sporgo e ciocco uno un po’ marmesso, che sta a fruga’ naa monnezza e l’ho centrato preciso su a capoccia.

- Oh scusa eh, nun t’avo visto.
- TE CHE MESTIERE FAI?
- A quarcosista fri lenz a Novo Paese Sera a vosce de Roma.
- IMPARA L’ARTE E METTITE A FA’ E TORTE. Pija e se ne va. Praticamente me sta a di’ de tene’ conto der PIANO BI. Solo che sto a dieta e fa’ a pasticcera me aumenterebbe solo er fattore CU. Chiamo Marusca.
 -       DIMME VELOCE AMO’, STO AR FLESH MOB ARTISTICO. OH LE MANO APPOSTO EH, BIONDO.
-       A Maru’, un soggetto m’ha detto che co l’arte nun se magna, cioè magara sì ma ner dubbio tocca de studia’ er PIANO BI.
-       A GERLA’, CORI VIE QUA. C’HA RAGGIONE BOOSTA! TOCCA DASSE DA FA’! OH LEI STA SUR PEZZO EH, E’ QUARCOSISTA DE PAESESERA! SVORTA ‘N PIANO BI CHE QUA ER FLESH MOB STA A FINI’. A BOO, TE RICHIAMO EH. Manco tre minuti dopo.
-       BELLA BOO. ALLORA SE VEDEMIO A VIA MARGUTTA CENTOQUATTRO, CHE GERLANDO HA SVORTATO COME AIUTOCAMERIERE AGGIUNTO AUSILIARIO VOLONTARIO A N VERNISSASG DE PINTURA. SE MAGNA PURE, SBRIGHETE E MAGARA GERLANDO TE PIAZZA A DA’ LI PASTICCINI.

Ce vado. All’entrata ce sta uno che me chiede:
-       STAMPA?
-       No, piano BI. Entro e ce sta na cifra de gente raffinata de na certa età, er capello cofanato e l’abbituccio a festa. Loro nun cianno piano BI, so’ popo signori, se sente da come parlano.
-       AOH, JE L’HAI FATTA A ARIVA’, N’ANTRO POCO E ANNAVO ‘N MENOPAUSA. Me vorto e ce sta Marusca vestita poco e gnente che se pija n prosecchino dar vassoio de Gerlando vestito da lavoro. Ce sta pure Sharon, pure lei vestita da BURLESCHE. -       Ma che hai portato pure lei ar FLESH MOB?
-       E NO? NA VORTA CHE S’ERA FATTA A CERETTA, FAMOLA VEDE’ STA RASATURA TE PARE?

A mostra se chiama A MENSA DEI POVERI.
Sur depliant ce sta scritto “PERCHE’ SE CHIAMA COSI’? E TE PERCHE’ TE CHIAMI COR NOME TUO?”
A gente guardano le opere e pensano ammazza oh che mano, li mortacci che stile. Se mettemio a vede li quadri pure noi. Uno è na serie de macchie e se ntitola ME AVANZAVA, E QUALA MISI. N’antro è n puntino microbbico su na tela bianca, er titolo è MA CHE VOI CAPI’ CHE TE MANCANO NOVE DECIMI.
Ariva er maestro Caccavale cor capello bianco fluente e tutti vanno a di’ anvedi bravo, me cojoni. È na cifra elegante, ma ar quarto prosecco sta già a sbarella’ e comincia a manna’ a gente ‘n quer posto e quanno che s’è riempito tutto pure a quell’artro.
- AAH, IL MAESTRO CACCAVALE E’ DAVVERO SUI GENESIS.
- Ma ve sta a manna’ affanculo.
- MA CHE VUOI CAPIRE CARA? AOH MICA TOO MAGNI TE L’URTIMO BIGNE’ AA CREMA, MOLLA QUA. Er maestro Caccavale S’APPROPINCUA in zona mia, a me me verebbe de faje ninchino. Me da’ na pizza ‘n faccia affettuosa, ar tipo der bignè invece je dice:
-       SEI TE CHE N’HAI CAPITO N CAZZO. A REGAZZETTA CAA BUSTA ‘NVECE E’ GAJARDA. SE VEDE CHE C’HAI LI VALORI, TE. In quer mentre se vortamo.
A gente applaudono Marusca che sta a entra’ su na scurtura de cristallo a forma de calice che se ‘ntitola PURE QUESTO VE SIETE BEVUTI.
Marusca vorebbe fa’ na PERFORMANZ tipo TIZIA VON TIS, ma er cristallo nun la tiene e se fa n dumila pezzi co lei che va a fini’ ‘n tera de culo.
- PURE L’AMICA TUA CIA’ E DOTI, me dice Caccavale guardanno ‘e zinne sue.
Na matrona va da Marusca e je fa
- CARA, FORSE IL CALICE E’ TROPPO DELICATO, HAI PROVATO COR MASTELLO?
- A MARCHESA, A TE TE RODE CHE CO QUAA COFANA PLATINATA MANCO LI PROVINI PE FA’ ER PUBBLICO A OMINI E DONNE HAI PASSATO.
- E NVECE STAVO NER PUBBLICO DE AMICI! E TE, MIA CARA, POI PURE AVECCE ER TALENTO MA ER COLLO DER PIEDE NUN CELLAI!
- AOH TE RODE EH? GUARDA CHE IO SPACCO DE VOCE MEJO DE CARIMA, QUELLA SI NAA SCOPRIVA BARC BAMBARAC COR CAVOLO CHE SAA FILAVANO. -       A MERDE, se ‘nzerisce Caccavale, MA DE CHE PARLATE? L’ARTE NUN STA A ‘E PARETI, E MANCO A TEATRO.
-       MA MANCO DAA DEFILIPPI? Chiede Sharon.
-       TE COPRITE CO ‘STA TOVAJA CHE ME RIPUGNI. L’ARTE E’ NA COSA CHE C’HAI DENTRO, A VITA STESSA TUA E’ ARTE.
Se leva er silenzio de chi po esse che ha capito, ma pure no.
-       VABBE’ M’AVETE ROTTO. GERLA’ FAI MAGNA’ STI ROTOLI DE COPPA. L’invitati nun fanno manco parla’ Gerlando che o travorgono tipo bufali e se fionnano a fa’ e piramidi de cibbo. Robba seria, ce sta puro na porchetta co’ tanto de muso. A mela saa pija n’inzospettabbile vecchio ‘n FRACK.

Ner giro de venti minuti hanno pulito li piatti che te ce poi specchia’. Artri cinque minuti e naa sala ce sta er voto PREMONDIALE. Se so’ dati tutti, pieni come ova. Caccavale se rolla na sigaretta. 
-       FINARMENTE SE SO’ LEVATI DA ‘E PALLE.
Stacca li quadri da e pareti e li porta fori.
-       A mae’, je faccio, ma ‘n quadro suo quanto viene? A me m’arisurtano, je li comprerebbi ma n c’ho n’euro.
-       MA TE ANCORA QUA STAI?
-       Ma l’arte sua...
-       DIPINGO COR CULO. SPRUZZO ANDO’ COJO, E SE PENZANO CHE HO FATTO CHISSA’ CHE. POI SPARGO N GIRO CHE CE STA DA MAGNA’ OFFERTO DA QUARCHE COJONE, E FACCIO ER PIENO DE AMICI CHE NUN MAGNANO DA NA SETTIMANA.
La mensa dei poveri er maestro Caccavale l’ha chiamata così pe da’n senzo urtimo all’arte sua: siccome nun ce magnava, armeno così magnano l’artri.
Quelli che conosce da na vita, che so’ eleganti ma de facciata, che er vestito bono è l’unica cosa che j’è rimasta e però nun so’ capaci de mette ‘nzieme ‘n pranzo co na cena.
-       E nun ponno anna’ alla CARITAS?
-       TE C’ANDRESTI?
-       Io sì.
-       LORO NO. LORO SE VERGOGNANO.

Marusca e Sharon se stanno a fa’ a DOGGHI BEG co ‘e quattro cose che hanno lassato l’invitati.
-       MAE’, LEI NUN MAGNA?
-       MAGNATE MAGNATE, IO NUN MAGNO MAI MAGNO L’ARTE, dice mentre esce co li quadri sua in spalla. Marusca fomentata dice a Gerlando
AMO’, ER PIANO BI ERA GAJARDO. M’HANNO NOTATA TUTTI. CHE PENZI CHE C’HO ‘N FUTURO NER BURLESCHE?
Gerlando finisce de puli’, poi trova ‘n seconno pe guardalla senza che je riesce de di’ gnente.

Quanno uscimo vedo li quadri der maestro Caccavale buttati a ‘na parete. Poi arivamo alla fermata de Flaminio, e o trovamo dentro a ‘n cassone che sta a  fruga’ naa spazzatura. Ce vede e dice
- ME DEVO ISPIRA’ BELLE, QUA E’ SEMPRE PEGGIO. L’ARTE E’ O SPECCHIO DER PRESENTE, E IO DEVO DA VIVE ER PRESENTE FINTANTO CHE STO PRESENTE.
Torno a casa e me metto a scrive pe Paese Sera. Cià raggione er maestro Caccavale. Nun ce sta piano A o BI.
L’arte, a creatività, so’ cose che tiri fori mentre che vivi ‘a vita tua, quella che è.
De sti tempi poi, pe riusci’ a accocchia’ ‘n pasto completo, ce vole na cifra de creatività.

Ve stimo na cifra, 
Boosta Pazzesca

Commenta il post

boostapazzesca 06/01/2012 11:30

ve?

eFFe 06/01/2012 10:54

mah !

Ad Sidera 06/01/2012 09:45

Reblogged this on and commented:
Brava BOO!!

maldimaldive 05/19/2012 15:08

in fondo ce sta zempre er lato poetico e melanconico che me fa penzà che sei veramente n'cranio, no na busta!!!
amò te vojo bene, anche io me faccio er dogghi beg, ma perché sto a dieta, sto!!! sciao dopo te manno un pivuti

evita zappadu 05/18/2012 08:23

a boo, m'hai trafitta... perché per passare da carima coperta da barc bambarac alla chiusa sulla creatività ci vuole talento, per farlo come lo fai tu ci vuole arte e scusa se te lo dico in titaliano...

marina bianchi 05/17/2012 21:19

Boosta é andata un pochino meglio e dire che sono romana di due generazioni,ma anche er romanesco si é globalizzato, ti rispetto e te stimo anche io sei na cifra simpatica.

dabobabo 05/17/2012 13:06

a boo, n'piano A nooo moo posso permette, si e no posso pensà ar flautio quello dee plastica che te toccava sonà a scola, pensa si se posso passà ar B..

sherylk 05/17/2012 12:26

io e torte de busta mee compro!!!!

anzianotto 05/16/2012 21:31

Io sto ar piano P ma ancora nun vedo 'na lira.

Giuseppe Colaiacomo 05/16/2012 17:00

er maestro Caccavale diventa seduta stante mito mio personale (non proprio come er maestro Sardelli, ma cuasi).