MA ‘NDOVE VAI, BOOSTINA ‘N BICICLETTA

Pubblicato il da boostapazzesca

MA ‘NDOVE VAI, BOOSTINA ‘N BICICLETTA

Sabbato ventotto dopo magnato mi’padre guardava a tivvù come de consueto quanno è pomeriggio, quanno è sera e quanno sta ‘n casa.

-         A pa’, c’avemo na bicicletta?
-         NA CHE?
-         A pa’ ce sta ‘a manifestazzione a li fori imperiali, t’avo pure detto. Er probblema daa mobbilità, che nun sai mai si torni a casa ‘NDENNE.
-         FATE BENE A PROTESTA’. L’INDENNITA’ DE MOBBILITA’ E’ NA COSA SERIA, VA DEVONO GARANTI’. A ME NUN ME L’HANNO MAI DATA.
-         Vabbe’ ma te nun lavori.
-         EMBE’ PURE VOI ANNATE N BICI, MICA STATE A FA’ N CAZZO. -         Vabbe’, c’avemo na bici?
-         BOH. QUANNO ANNAVO A LI MERCATI UNA LA USAVO. VAI AR PALO ALL’ANGOLO E VEDI SI CE STA SEMPRE. 

Ce vado. Ce sta sempre. Gomme a tera, manubbrio storto, sellino pure ma dall’artra parte, a catena per i fatti sua, ma er telaio sotto a ‘n chilo de ruggine o ‘ntendo purio che è da paura. A vado da aggiusta’ da zio Spartaco, che stava a dormi’ ma fa finta che nun importa e pija l’attrezzi.
-           A BOO, MA O VENDI SU IBBEI STO CATORCIO, CHE O TIRI A LUCIDO? MA SCUSA FAI NA FOTO A CAZZO E DAJE ER PACCO, NO?
-         A zi’, devo anna’ alla manifestazzione de li ciclisti.
-         MA PERCHE’ A ROMA SE VA ‘N BICI? MA CHE VOI STIRA’ SOTTO A NA MACHINA? HA HA HA! MA NA BELLA MOTO NO? CHE NA VORTA DAI NO STRAPPO A ZIO TUO E SE N’ANNAMO FINARMENTE NZIEME A MIGN-
-         Bella, zi’.

Meno male che armeno Marusca e Sharon so’ senzibbili alla probblematica, m’hanno detto che se vedemio là che se devono organizza’. Potrebbi pija’ a metro BI, ma voi mette si c’arivo a pedalate. 
Da  Laurentina alla Colombo ce sta na bella pista ciclabbile, che ar contrario daa città eterna però termina. E inizziano i dolori. Quelli mia, che nun ce so’ abbituata e ciò l’ACIDO ITTICO che me se porta. Quelli de l’atomobbilisti, che all’artezza de caracalla me sfrecciano come li razzi.
Da casa me so’ portata n cartello co scritto PRINCIPIANTE, uno me passa a centoquaranta e me grida INIZZIA MO’ AD ANNA’ AFFANCULO CHE A PEDALA’ SAI QUANTO CE METTI.
Arivo a li fori che ho sudato sette buste e faccio più caciara de na giostra. Dev’esse per questo che l’altri ciclisti me se aprono davanti. So’ na marea. E dopo quer mezzo purgatorio pe arivacce, me sento meno sola. Poi guardo mejo, nun è pe me che se stanno a leva’. Marusca è vestita STROZZAFIATO n tenuta da palestra, co Gerlando dietro che je sta a porta’ a spalla n’accrocchio enorme.
-         LARGO CHE CE STAMO TUTTI, SO’ LI FORI EH MICA N BUCHETTO. GERLA’ POGGIA QUA, POI TE CHIAMO QUANNO FINIMO EH. CIA’CIA’CIA’.
-         A Maru’ ma che te sei portata a SICLETT?
-         EMBE’, M’AVEVI DETTO CHE ERA NA COSA STATICA. VOI VE SEDETE E IO INTANTO ME RASSODO ‘E CHIAPPE. Sharon è venuta a piedi, ma daa manata de grasso sur fondoschiena direbbi che sta già n compagnia.
- SE CHIAMA PAOLETTO, FA ER CICLOMECCANICO, RIPARA TUTTA STA FERRAJA E NUN VOLE NA LIRA. DEV’ESSE MIJONARIO, QUESTO NUN MO FACCIO SFUGGI’.
- A Sharon, ma è na questione etica.
- SI, VABBE’ ETICA. IO JE SARTO ADDOSSO, POI ESTICA. 

Pischelli, anzianotti, viggili. A bici ce l’ha davero chiunque. A dillo pare n’OVVIERIA, ma a Roma te n’accorgi solo er venerdì a e MASSE CRIPTICHE, quanno te bloccano er SUV in mezzo alla via.
Poi c’è a MASSA CRIPTICA de chi saa tiene n cantina perchè cià paura a annacce, è tarmente criptica che naa vedi ma ce sta. Ariva er momento de sdraiasse tutti ‘n minuto, in memoria de quei poracci che ‘n bici c’hanno stirato.
Ner silenzio che se leva, se sente solo na vosce. Quella de Marusca che pedala su a SICLETT co l’AIPOD a palla.
- AOH, CHE STATE A COLLASSA’? AMMAZZA CHE PIPPE, IO STO ALLA TERZA SESCION DE SPIGNING.
Quarche anima pia je sfila n’auricolare e je sussurra na cosa. Marusca, na cifra mortificata, butta ‘n tera la SICLETT e pe n’atomo nun fa n’antro par de vittime.
Quanno applaudimo commossi e parte a palla BAISICOL REIS dei QUIN, c’avemo tutti conzapevolezza che semo n tanti a vole' cambiare 'e cose.
- GAJARDO BOO. C’AVEVI RAGGIONE, SO’ BELLE STORIE, me dice Marusca mentre s’attacca ar telefono.
– AMO’? STAMO A SCHIODA’. PASSA COR PANDAVAN CHE ME STANNO A SUDA’ I NEURONI. A BOO, CHE VOI NO STRAPPO?
- Ma io sto ‘n bici. Mo’ annamo ‘n giro…
- CAA BICI? CO STO CALLO? CO E MACHINE? MA CHE SEI SCEMA? A MANIFESTAZZIONE E’ FINITA, LEGA STO FERO AR PALO E VIETTENE.
Me vede che nun parlo.
- VABBE’, COME TE PARE. A GERLAAAA’ STO QUA MOVETEEE. M’allontano e becco Sharon seduta sur marciapiede ncazzata nera.
- A Sharon, noleggia na bici e vie’ ar circomassimo no?
- MA CHEMMEFREGA A ME. PAOLETTO NUN ME SE FILA DE STRISCIO, PRIMA C’HANNO PURE NTERVISTATO NZIEME. QUESTI CIANNO ER PIGNONE ‘N TESTA. - E che è ‘n pignone?
- MA CHENNESO, TUTTE ‘STE FREGNACCE TECNICHE. IO VADO A PIJA’ A METRO. 

Esco da li fori. So’ de novo sola. Io, na bici e na catena. Che tempo cento metri se sgancia de novo, li mortacci sua. E quasi quasi me vie’ pure da piagne. Se ferma na bici. Poi n’antra. Poi na diecina.
Uno de loro s’avvicina coi guantini der chirurgo, me n’allunga n paio e me fa:
- METTITE QUESTI.
- Ma che so’ grave?
- NO, MA MICA TE VOI NZOZZA’ A BUSTA DE GRASSO?
Me insegna come se ripara a catena, così a prossima vorta so farlo da sola.
- AMMAZZA, BELLA STA BICI, me dice.
- Davero? Ma n’è n catorcio?
- NUN LE FANNO PIU’ COSI’. GUARDA QUA CHE PIGNONE.
Butto n’occhio de sguincio su n’ammasso de rotelle dentate e faccio si caa capoccia, speranno d’avecce preso.
- VABBE’, CHE FAI? VIE’ CO NOI A FATTE N GIRO NO?
Prima stavo anna’ a casa, mo’ nun ce o so, ma a vorte er viaggio conta più daa destinazzione. Passo a serata co na cifra de amichi, e so’ felice in sella a ‘n catorcio che appena o finisco de sistema’ sarà na cifra bello.
E cose belle so’ fatte pe dura’, si continui ad ave’ cura de loro e nun le dimentichi er giorno dopo che le usi.

Ve stimo na cifra,
Boosta (ciclista) Pazzesca

Commenta il post

barbara spoletini 05/04/2012 15:26

.....ammà che bello!m è venuta voja de compramme na bici pe viaggià!ciao Boo^_^

Ilaria 05/03/2012 21:01

Te sto dietro Boo! Me fai taja e nun me fai mai scorda' Roma mia!

N'emigrata che te stima a bestia...!

ebrea errante 05/03/2012 20:54

Bustì, m'hai fatto venì ammente la mia bisci... che malinconia...
Bascio...

dabobabo 05/02/2012 08:27

a Boo..a me me stai sempre ppiù a preoccupà!Marusca e Sharonne sò su aa' strada giusta!Tu n'do vai in bicicletta?? oh mica te sarai 'mmalata de 'cologia ? ndò semo finiti..
ps.:D bella zia..n'tò visto mica..?!

marcopie 05/02/2012 06:49

'Na vorta che se 'ncontramo, però, fai AUTING, così te posso aringrazzià dar vivo. ;-)

boostapazzesca 05/01/2012 19:37

È merito solo vostro, Marco, si ce stanno sti germi per aria. M'avete infettata puramme', cci vostri ha ha ha ha. Te abbacio tanto

marcopie 04/30/2012 17:28

Boosta, te stimo 'na cifra pur'io. So' un quarantenne (abbondante) che gira in bicicletta per Roma da un quarto de secolo e ancora nun se spiega com'ha fatto a nun fasse ammazzà... Comunque 'na vorta eravamo davèro quattro matti, adesso c'è stato un impazzimento collettivo e semo diventati tantissimi. Se vede che la follia, quella sna, è contagiosa. Meno male! :-)

Ciccio Russo 04/30/2012 16:19

E che è ‘n pignone?

Mimosa 04/30/2012 12:26

Io in bici ci andavo anni fa, me ne hanno rubate tre in pieno giorno e in piena folla che aspettava l'autobus del palo di cui ce l'avevo legata. Ho smesso anche per sopravvivere ma mi e' tornata una voglia che forse ci riprovo, ma solo per girare attorno a casa che non voglio morire.

SUPERCELLETS 04/30/2012 10:50

Boo' mo appena me trasferisco a casa nova, me la ricompro puro io 'na bella bicicletta pe anna' a spasseggià in giro pe Roma. Mo che abbito fori dal raccordo (e te ce lo poi sapè chevvordì, perchè stamo vicini de quartiere) rischio solo de famme arotà ogni tre metri sua Pontina. Comunque devo da ribadì che ogni vorta che scrivi un post (!) novo me piace popo na' cifra leggelo!
PS che je poi chiede a' amico tuo cor pandavan si poi m'accompagna da Decathlon a comprà er velocifero novo???