NUN PO’ PIOVERE PE SEMPRE

Pubblicato il da boostapazzesca

Che sto fine settimana nun ce stava popo n tempo de quelli memorevoli l’avo ‘nteso quanno la mattina de venerdì ho visto mi’padre a casa coll’impermeabbile che stava a fascia’ e finestre colli stracci.
-         DAJE, CHE STAI A ASPETTA’ NA PAGAIA? VIEMME A DA’ NA MANO CHE A FOGNA DE FORI C’HA FATTO DE NOVO CIAO.
De stagno, a finestra dell’area cucina cià solo quello che se sta a fa’ sur pavimento. Me squilla er telefono e risponno co a mano che nun tampona.
-         CHE STAI A FA’?
-         A Maru’, gnente. Che fori è umido e nun me va de bagnamme.
-         MA ANFATTI TE VOLEVO DI’, ANNAMOSE A VEDE ER TITANIC TREDDI’ STASERA! COSI’ SE BAGNANO SOLO LORO E NOI PIAGNEMO COME LE SCEME. ME CARICO SHARON E TE PASSO A PIJA’ A E NOVE, CIA’ CIA’ CIA’.
Er TITANIC pe noi è n MAST. Da pischelle so semo visto tipo venti vorte a capoccia, l’urtima er cassiere der cimena c’ha detto
– AOH, GUARDATE CHE NUN CAMBIA EH, LUI MORE SEMPRE. Io me sarebbi un po’ stuccata de vedello, ma tanto se sta a allaga’ casa, naufraggio pe naufraggio, tanto vale che esco.

Quanno Marusca me viene a pija’, so’ già n tre naa MINI sua. Coll’amiche mie ce sta pure TITOLIVIO, er cuggino primo de Sharon. Noo vedo da mesi ma me pare ieri, che tanto è sempre uguale. Na faccia triste e na voja d’ammazzasse de quelle che te mettono subbito l’allegria.
Sargo ar volo, che nun smette de piove.
- Oh, bella Titoli’.
- A REGA’ SCUSATE EH, dice Sharon, MI’ZIA OGGI S’E’ VENUTA A PIJA’ ER CAFFE’ E CIA’ LASSATO O ZUCCHERINO ‘N REGALO. DICE DAJE OH, FATELO SVAGA’ QUARCHE ORA, ARMENO CIO’ ER TEMPO DE RIFAJE ER LETTO CHE NUN CE SE SCHIODA DA SETTIMANE.
Titolivio è n pischello tranquillo, ‘nfatti nun parla mai. Cià n po’ più dell’anni de cristo ma ha fatto na cifra de cose de meno.
È pure caruccetto, cià er capello lungo effetto fracico e er LUK tutto darchettone ricercato perché è FANZ sfegatato de BRENDON LI.
Er probblema è che Titolivio è arto n metro e du’ SMARTFON, ma messi ‘n orizzontale, e ar Laurentino è noto a tutti come ER CORTO.

- VABBE’ OH, dice Marusca, ORMAI SO SEMO CARICATO. A TITOLI’ T’AVVERTO, NOI CIAVEMO A SERATA DE CINEMA DESSE’, TE STAI BONO, VIE’ CO NOI CHE ‘N MACCHINA NUN TE POTEMO LASSA’, PIOVE TROPPO E COR FINESTRINO CHIUSO POI CE DENUNCIA L’ENPALS.
Mentre che annamo ar MULTIPLECS foriporta, Titolivio riacquista la parola.
- SONO TUTTI MORTI, SOLO CHE ANCORA NON LO SANNO.
- VABBE’ CHE C’ENTRA, E’ N FIRM D’AMORE ER TITANIC, MICA NA STORIA VERA. CHEPPALLE TITOLI’, ME STAI A FA’ PASSA’ A VOJA.
- ERA GIÀ IN UNA FOSSA: È MORTO UN ANNO FA NEL MOMENTO IN CUI L'HA TOCCATA. Marusca inchioda.
- AOH, E MO’ BASTA. A TITOLI’, A RAGAZZA TUA NUN L’HA TOCCATA NISUNO. E’ LEI CHE T’HA ACCANNATO PERCHE’ CIAVEVI TROPPA GIOI DE VIVR.
- AMMAZZA MARU’ STAI A FA’ PROGRESSO COO SPAGNIOLO, dice Sharon.
- SENTITE IO ME SO’ ROTTA, AR CIMENA NUN CE VOJO PIU’ ANNA’ CHE QUESTO CE FA PURE FA’ BRUTTA FIGURA.
- E ndo annamo?
- A REGA’, C’AVEMO A MACHINA, E’ VENERDI’ SERA…
- VITTIME: NON LO SIAMO TUTTI?, dice er Corto.
- STATTE ZITTO CHE OGGI E’ PURE TREDICI. ‘NZOMMA POTEMO ANNA’ NDO VOLEMO, PURE FORI ROMA. FAMO NA COSA ORIGGINALE.
Decidemo all’UMANIMITA’ de anna’ ar pignieto, che dopo via der corzo è dove se sbattemo sempre ma là po’ esse che Titolivio se camuffa più facirmente co a fauna locale.
A mezzanotte stamo sempre ‘n machina, cor traffico bloccato e sta pioggia che nun se ferma manco pe favore. Er Corto ha smesso de sentenzia’, e questo spiega er fatto che è ancora ‘n vita.
Marusca cià na voja de frullallo de fori ma se trattiene pe rispetto der sangue de Sharon. Trovamo parcheggio in tripla fila e uscimo a pija’ a pioggia.
- VABBE’ SBATTEMOSE DA VINI E OLI, CHE ARMENO SE RIPARAMO.
L’idea è venuta npo’ a tutti, e finisce che rimanemo npiedi sotto a serra a riparacce dall’infrascata. Marusca ce fa largo a borzettate e arrimedia pure na vaschetta de taralli che se steccamo n tre. Se vortamo e vedemio er Corto che sta a sali’ sull’arberello vicino. Stamo de novo sotto l’acqua.  
- ECCHINE N’ANTRA,
dice Sharon.
A TITOLI’ CHE STAI A FA’? RU’ DE ANGHER GHEIMS?
- A CORTO, MA ‘NBASTAVA ‘NO STIVALE RIARZATO NVECE DE FA’ TUTTA STA CARNEVALATA?
Io ‘n pochetto Titolivio lo capisco. Sarà che ER CORVO moo so’ visto tanti anni fa nzieme co mi’fratello. Io credo che lui vorebbe sali’ sopra ar tetto de ‘n palazzo a piagne la sua amata, ma siccome si ce prova qui ar pignieto manco er citofono je aprono, allora s’accontenta dell’arbusto.
- Provo a fallo scenne, conosco na battuta der corvo che o po’ senzibilizza’, dico a e ragazze. Vado de sotto a lui e je dico:
- A corto, daje vie’ giù. Io credo che da quarche parte vagheno le anime irequiete che portano er peso daa disperazzione loro, aspettanno…. Sharon e Marusca me guardano.
- ASPETTANNO CHE? ER SETTE E SETTANTASEI?
- Nun maa ricordo più come va a fini’.
- E MO’ TOO DICO IO COME VA A FINI’, dice Marusca coi capelli ncrespati de umido. A CORTO TE DEVI SCOLLAAAAAA’!
Je scote l’arbero co a grazzia de na fanciulla imberbe e imbervita. Titolivio, che già nun cia’ er FISIC DU ROL, se spatascia pe tera nzieme co quarche foja. Tutti ridono, semo bagnate fraciche e a serata ormai è annata discretamente ‘n vacca.
Io e l’indiano de VINI E OLI annamo a soccorre Titolivio, che è tutto sgraffiato.
L’indiano me dice – POVERETTO. LUI ALBERO PERCHE’ VUOLE DONNA, LUI FELLINI HA HA HA.
Noo capisco bene, sarà che er pignieto è troppo RADICARSCIC pe me.
-         MA LASSALO LA’, MA NOO VEDI CHE E’ PSICODEBBOLE? Me grida Marusca.

- A Titoli’, daje arzate, je dico. Guardo mejo, sta già n piedi. Nun me n’ero accorta. N’è che cambia tanto, nun m’ariva manco ar mento.
- A Titoli’, a vita continua. Te da quanno t’ha lassato a donna hai rimasto er nome, ma nun sei più tu.
- NUN PO’ PIOVERE PE SEMPRE.
Se sente un tuono in quattro tonalità, ripija a piove più de prima. Titolivio cià l’occhi de chi soffre. Te credo, dopo quer volo.
- SCELLI, STO TORNANDO DA TE.
- Aridaje. A Titoli’, Scelli nun torna. T’ha cannato. È na cojona, t’ha lassato perché sei basso. O sanno tutti. Meriti de mejo. Li valori sono ‘mportanti.
- LI VALORI? LI VALORI DE CHE? SI ERO ALTO DU’METRI CE STAVO ANCORA NZIEME, A BOO. LI VALORI CONTANO GNENTE.
Se leva na fedina d’argento e me l’ammolla ‘n mano.
- SCELLI SAREBBE CONTENTA CHE CE L’HAI TU. Poi spalanca l’occhi e guarda in arto, verso er cielo. Cioè, un pochetto più n basso. Verso er metro e ottanta. Senza tacchi.
- TITOOOO. Scelli sta popo dietro de me e me ripara daa pioggia da tanto che è arta e bona. A conosco de vista, se chiama SCELLERONI ANTONELLA, mo’ è inutile che ve spiego perché luila chiama Scelli.
- TITO, IO…. SO’ GIORNI CHE TE VOLEVO DI’ … INSOMMA, SO’ STATE L’AMICHE MIE A DIMME CHE DOVEVO STA’ CO QUARCUNO ALL’ARTEZZA MIA. SO’ STATA SUPERFICIALA, SCUSAME. LI VALORI SO’ MPORTANTI. TORNAMO NZIEME?
- SI, dice Titolivio immediatamente prima der punto de domanda.
Li osservo che se allontanano, che belli che so’, me parono l’articolo IL. Poi lui torna indietro verso de me, core appassionato e con un barzo felino attera su una pozzanghera de fango che ce infracica a tutteddue.
- SO’ TORNATO.
- Eh, ho visto. Che voi, Titoli’?
- CHE ME RIDAI L’ANELLO? A sto giro m’ha detto bene, nun me so’ manco dovuta fidanza’.

Sharon e Marusca me raggiungono, colate de mascara che manco nee grandi occasioni, tipo a scena daa zattera de TITANIC.
- SO’ POPO CARINI, dice Sharon, e tira su cor naso.
- MO’ ANNAMO N QUARCHE POSTO DOVE CE SE PO’ SPARA’ NPOCHETTO D’ARIA CARDA?, dice Marusca. Se n’annamo verso la machina de Marusca. Ha smesso de piove.

Li valori esistono, so’ solo piccoli de statura.  C’è chi li guarda nell’occhi tutti i giorni, e chi deve ricordasse de abbassa’ lo sguardo ogni tanto.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Luca Floridi Celletti Bizzotto 04/21/2012 08:43

Li valori so 'mpegnati nel senso che stanno ar banco de' pegni 'a boobelladecasa!

Marusca te amooooo!

boostapazzesca 04/18/2012 11:51

avoja, da quanno che hanno chiuso er LUNEURE che ce sto fissa co l'amichemie ha ha ha ha ha ha ha ha

Michelangelo 04/18/2012 11:50

Ma te ar centro commmerciaale EuRoma2 nun ce vai mai?
Nun te ce diverti? Ce vanno li carciatori e'n sacco de ggente.
Magari 'na vorta se damo 'na punta, pure lli quanno piove è 'na svorta.
M!!!

Auy 04/18/2012 09:56

teamo pure sur blogghe

maldimaldive 04/18/2012 07:59

Che tenero il Titoli'...me so quasi innamorata..poi velli alti un metro e due smartpon messi per orizzontale me fanno impazzi'!!!!!

robydick 04/17/2012 20:41

a Boo, sei forte! nun te se batte manco cor cinema, 'mmazza se ne sai, ce stanno 'n sacco de citazioni.

barbara spoletini 04/17/2012 20:02

a Boo te ringrazio perchè mai fatto torna de bonumore

Giovanna Libera Nuvoletti 04/17/2012 17:11

io er titanisc non l'ha mai visto, nun zò ner targhett, ma te garantisco 'a mia sempiterna ammirazzione antelligente come a' Rivista mia.

Danilaxter Lazzano Danilo 04/17/2012 16:05

Ciao Boo. Mi è piasciuto popo 'n frego. Er prossimo fijio 'o chiamo Titoli', e speramo che ner frattempo ji smarfon li fanno 'n po' più larghi. Danilaxter tuo.

Stefano 04/17/2012 15:21

Boosta sei stupenda. Io sono siculo e ci divide la lingua. Ma mi piace la tua testa, anche sotto una busta ! tuo Stefano.