ER CAMBIO DE STAGGIONE

Pubblicato il da boostapazzesca

Domani è n’antro giorno, ma io l’artro giorno, come tutti l’artri giorni da ‘n mesetto a sta parte, me so’ arzata cor naso tappato e l’occhi a palla. So’ venti giorni che nun esco de casa e mica me passa, eh.

-         A pa’, ma po esse che sto sempre male così?
-         ARMENO NUN PEGGIORI. A SENTI ST’ARIETTA?
-         No.
-         E BEATA A TE, QUA FORI STANNO A SPURGA’ . O VEDI CHE FAI MALE A LAMENTATTE? FAI NA COSA VA’, ESCI CHE DEVO FA’ ER CAMBIO DE STAGGIONE, POI SI NO ME SBAJO E METTO SOTTO VOTO PURE TE.

Me copro come ar solito, fori però è primavera e so’ tutti sbracciati. Quanno a Roma esce er sole cambiano li colori, è popo n ber vedere. Er resto cambia poco. A gente stavano de fori prima, figurate si stanno ‘n casa cor ber tempo.

-         ‘NAMO, ME FAI PASSA’?? Er SETTE E SETTANTASEI è bloccato a metà de via Sapori, perchè Ermanno er sindacalista s’è sdraiato n’antra vorta ‘n mezzo alla strada. -         AH MO’ VORESTI PASSA’? E’ N’ORA CHE T’ASPETTAMO, CHE CIAI FRETTA? CHE VOI PASSA’? E PASSAME SOPRA. IO NUN SO’ ANONIMUS, SO’ MARAZZOTTI ERMANNO E ME TE BLOCCO PURE PE N’ANNO!
Quanno Ermanno se arzerà è uno de li grandi misteri dell’umanità. Po esse tra n minuto, ma pure tra na settimana. Li scioperi der trasporto so’ così, bisogna che trovano n’accordo.

-         A BOO! VIE’ QUA!
Me vorto e ce sta Marusca all’uscita daa COOP, in mezzo a 'e bancarelle, cor trucco pesante, l’abbitino svolazzone ar ginocchio  e na bottijetta de FERARELLE n mano. -         STO A FA’ NA COSA EPOCALA. A GERLAAAA’, HAI FINITO DE CHIAMA’ CHE ME DEVI RIPRENNE COLL’AIFON?
Gerlando riattacca e ariva.
-         A BOO MA CHE C’HAI A FEBBRE? AMMAZZA MA ‘N SENTI CHE CALLO? -         Boh, se vede che so’ allergica ar glutine dell’aria. Che stai a fa’?
-         HAI LETTO DE MARTINASTELLA? MICA E’ SOLO GNOCCA QUELLA. S’E’ FATTA FOTOGRAFA’ MENTRE CHE ER VENTO SOTTO ‘A GRATA J’ARZAVA A GONNA. MO’ O FACCIO PURIO, POI POSTO ER FIRMATO SUR TUBBO E SCHIZZO A PALLA SU A COLONNINA DE REPUBLICA ONLAIN. -
         E a ferarelle che c’entra?
-         STAI POPO TAPPATA EH? A BOO, E’ A GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA, E’ PE FA VEDE’ CHE SO’ CALATA NER SOSCIALE, NO?
Er piano è gajardo, solo che Marusca su a grata fori dalla COOP ce va, ma er vento nun ce sta.
-         DEVE SEMPRE ANNA’ STORTO QUARCOSA. TE OH, DAA BANCARELLA, QUER VENTILATORINO QUANTO ‘O FAI? GERLA’, DAJE NO SCUDO. A BOO, TE DISPIASCE DE VENIMME SOTTO E GAMBE A FAMME L’ARIA? POI TE LEVAMO CO FOTOSCIOPS.

 Me metto sotto a fa’ l’effetti spesciali. A gonna se arza, anvedi che primavera. Marusca è popo bona, se vede che è stata dall’estetista a fasse coscia e porpaccio. È na scena da firm, possibbile che nisuno cià mai penzato?
Menomale che ce sta quaa scenziata de Martinastella. Er pubblico nun manca, ar baretto vicino se so’ messi tutti co e sedie a favore. Marusca beve daa bottijetta co a NOSCIALANZ dee dive. A sto giro spacca de sicuro.

-         A STRAPPONAAAAAA, grida uno fori dar baretto.
Gerlando va a raggiona’ cor tipo.
-         SCUSA COSO, M’ARIPETI CHE NUN T’HO CAPITO?
-         A STRAPPONA. CHE VOI PURE ER DISEGNETTO? Raggiona te che me rotolo io, Gerlando e er tipo finischeno abbrancicati 'n mezzo alla strada e bloccano l’artro SETTE E SETTANTASEI che stava a veni’ nell’artro senzo.
Ermanno, all’artra corsia, se arza e decide che è er momento de fa passa' er conducente.
-         VABBE’ OH, ME ARZO SOLO PERCHE’ STAI A LAVORA’ E TE RISPETTO. A REGA’, ANNAMO DE LA’ CHE SE MENANO.
Ner giro de quindici secondi parte na faciolata pazzesca tra corpi de CUNG FU, sedie der baretto che volano, gente incazzata che stava sur busse e vole riparti’, vecchietti che te danno er colletto a tradimento e Marusca che pija a borzettate chi je capita.
Io m’allontano dentro a COOP, che de politica nun me ne intendo, e già che ce sto faccio er pieno de CLINEX che paro er rubbinetto mio de cucina, che na vorta cola e n’antra pure.

-         A BOO!
Davanti a me ‘n cassa ce sta Sharon, co la gonna pure lei. In mano cià na pianta e na bottija de vino.
-         SEMPRE CO STO BOMBERINO. E SCOPRITE N PO’ PURE TE NO? GUARDAME, CIO’ ER QUINDISCI DENARI VELATISSIMO. FATTE BELLA, E’ PRIMAVERA PORCOGGIUDA. E’ ER MOMENTO DE SBOCCIA’, NO DE SGOCCIOLA’. 
-         A Sharon sto troppo abbottata, manco riesco a penza’.
-         E NVESCE DEVI DA PENZA’ POSITIVO! SEI QUELLO CHE MAGNI, MA PURE QUELLO CHE COMPRI! TE CHE SEI, N CLINEX?
-         Vabbe’ ma io so’ raffreddata. E te cor vino, che ce fai?
-         ER VINO E’ PE NA PERZONA SPESCIALE.
-         Hai svortato, oh! Nun m’hai detto gnente.
-         T’HO DETTO, CHE STO A PENZA’ POSITIVO. L’OMO MIO STA PE ARIVA’, O SENTO. E IO INTANTO CIO’ GIA’ ER VINO PE QUANNO ME 'NVITA A CENA.
-         E  'a pianta?... Nun me risponne. S’è 'ncantata. Sta a guarda’ uno dietro de noi. È partita de brutto. Lui è popo ‘n ber ragazzo, e a Sharon je soride splendido.

-         ANVEDI. MA CHE E’? , je chiede.
-         ER… ER VINO? Er ragazzo a guarda e ride.
-         NO, A PIANTA. ER VINO 'O VEDO, CHE E’ VINO.

Li tre secondi dopo so’ quelli che pure si stava a nasce quarcosa, je poi anche fa’ SCIAO, BELLO. Sharon me diventa color sammarzano e paga senza di’ più gnente.
Poi core all’uscita, e me tocca annaje dietro. Della faciolata nisuna traccia, pare che nun è successo gnente.

-         Aoh, vie’ qua Sharon.
-         LASSAME PERDE. NA VORTA CHE NCONTRO UNO GAJARDO, GUARDA CHE GREZZE CHE PIJO.
-         Ma guarda che j’arisurti.
-         MADDECHE’, J’ARISURTA ‘A PIANTA.
-         Ma che stai a di’?
-         ST’ACCOLLO M’HA DETTO MI’MADRE DE COMPRALLA, DISCE CHE SE SENTE SOLA MA L’ANIMALI SPORCANO. È NA VITA CHE STO ‘N MEZZO A E PIANTE. LORO CRESCHENO, E IO STO SEMPRE A O STESSO PUNTO.
-         A Sharon, guarda che te sei na cifra…
-         LEVATE.

Me scosta. Dietro de noi ce sta de novo er tipo. Lui in mano cia’ n cocomero, direbbi che le distanze se so’ na cifra spianate.
-         SENTI… IO SICCOME CHE E’ BER TEMPO, COLL’AMICHI MIA STO A FA’ NA COCOMERATA, PENZAVO… N’E’ CHE VOI VENI’? PURE COLL’AMICA TUA EH, SEMO TUTTI PISCHELLI SIMPATISCI.
A cocomerata  a marzo. È popo vero che 'n ce stanno più 'e mezze staggioni. Sharon cia’ du occhi enormi che li vorebbi ave’ io, e nvesce pe corpa der glutine dell’aria so’ du punte de spillo.
Lei apre la bocca e sicuramente nun sarà pe daje fiato. Stamo sopra a grata de prima, mica me n’ero accorta. O capisco perché parte na botta d’aria carda, quella che Marusca ha aspettato pe mezz’ora.
A gonna de Sharon se arza. Le gambe de na donna so’ n monno pieno de segreti che nun sempre voresti che l’artri saprebbero. Tipo A DEPILAZZIONE SETTORIALE.
Perfetta dar ginocchio in giù, ma che sopra l’orlo ce vonno l’esploratori cor MACETE. Sharon prova inutirmente a nasconne e trecce che cià su e coscie.
Poi molla vino e pianta pe tera, e scappa via de corza. Li discorzi li porta via er vento, le seconde SCIANZ pure. Er vino è annato ‘n dumila pezzi, a pianta è ancora là. Cor vento daa grata che se la pettina. Anche er ragazzo è ancora là.
Nun sa che di’. Cià n ber par d’occhi, e le mano occupate da n cocomero fori staggione. Diffiscile che se possa occupa’ de na pianta.
Allora a pijo io e maa porto a casa.

Vado a dormi’ co a pianta viscino, sei pacchetti aperti de CLINEX, mi’padre sur pavimento che s’è addormentato ‘mbriaco sopra i sacchi de plastica pieni de majoni da mette sotto voto, e a sensazzione che er monno è n casino, ma pure casamia ‘n finale nun sta messa peggio.

Però domani è n’antro giorno. E quanno me arzo, sto na cifra più bene. So’ sturata, respiro.
So’ sbocciata? Magara. Ner frattempo è sbocciata a pianta de Sharon. Chiamo subbito Marusca.
-         A BOO, ANDO CASPITO SEI FINITA? NUN POI CAPI’. AMO MESSO ER FIRMATO SUR TUBBO, STA ANNA’ DAPAURA! CE STA UNO CHE M’HA SCRITTO N COMMENTO. SENTI, CHE VOR DI’ MILF?
-         Boh. Senti, uscimo? Me so’ ripijata, sto na crema.
-         EH, CICCIA SCUSA MA DEVO VEDE LI CONTATTI QUA E RISPONNE AI FANZ CRRR FSSSSSS CZZZZZTRRRRR AOH ME SENTI CRRRR FSSSS PRONTO CLIC. Chiamo Sharon.
-         Oh.
-         EH.
-         Ciò a pianta tua, eh.
-         TIETTELA.
-         Senti, sto mejo, se beccamo?
-         STO NAMMERDA. PE ANNA’ NGIRO CAA GONNA ME SO’ PRESA A FEBBRE A TRENTANOVE. E TE PENZI SOLO A USCI’, MICA COME STANNO L’AMICHE TUA. Riattacca.
Pijo la pianta, faccio er giro largo pe nun carpesta’ mi’padre, e 'a metto sur davanzale. Ce sta no spirajo de sole che fa er pelo ar poco che rimane der manifesto daa ferilli.

Ce so’ piante che je basta n po’ de lusce a primavera, e tornano su de botto.
Artre invesce so’ più probblematiche, er cambio de staggione ‘o sentono troppo. Se vede che nun so’ coperte abbastanza pe proteggese.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

A. 04/06/2012 16:56

La depilaZZione settoriale col quindiSci denari velatissimo è un capolavoro.
Sei proprio femminafemmina.
Continuo a stimarti a distanza, brava!

Allison Burne 03/27/2012 22:41

ahahahahaha...fortissima :DD

buongiornotenente 03/27/2012 21:38

Maròòòò...leggere questa "lingua"...da paura. E pensà al cocomero fuori stagione mi prende voglia di uscire e andarlo a cercare...Ahhhhhhh... Me fai tajà...

sumundu 03/27/2012 18:28

A' Boo, mò che t'ho scoperta, nù te lasciu gghiù!:-)

Nishant 03/27/2012 12:00

abooo grazie pe'a risposta! se passi dal prenestino ti offro un cafferino

boostapazzesca 03/27/2012 11:20

dabo so' contentissima! Seguime che se spaccamooo

dabobabo 03/27/2012 11:16

a boo me sa che te follouo che me piace n'casino sto blogghe..ce beccamo

boostapazzesca 03/27/2012 11:10

ciai raggione niscia', devo da falli più corti. Te abbascio tanto

Nishant 03/27/2012 11:08

Mi piacciono i tuoi post e mi piace la descrizione in prima persona delle borgate romane però i post li trovo un po' lunghi. Ciao BOOO

melandroweb 03/27/2012 10:14

Davvero originale.