L'OTTO MARZO, ER NOVE ME SIEDO

Pubblicato il da boostapazzesca

L’otto de marzo inizzia sempre co ‘n ber proposito, tipo che noi donne semo le mejo e basta co l’omini che nun ce vedono, ma siccome è n pezzo che purio nun ce vedo tanto bene so’ annata de prima matina da SARMONELLI che cià ‘r negozzio d’occhiali che te fa’ l’esame daa vista gratis.

-         QUESTO CHE E’?
-         Mmm, ‘n sette.
-         QUESTO?
-         ‘N tre.
-         OH, SO’ LETTERE NUN SO’ NUMERI.
-         Ma che davero?
-         VABBE’ NUN CE VEDI. SEI IPERMETRICA. DAMME TRE PIOTTE, CIO’ L’OCCHIALI BONI PE TE.

Torno a casa co sti fonni de bottija che ‘n pochetto me vergognio, a montatura so’ du finestre ma Sarmonelli disce che mo’ tirano questi che so’ IPSTER.
Vabbe’ mettemoseli. Famo sta sorpresa a mi’ padre.

-         ANVEDI CHE FANALI. MO’ CE VEDI? E VEDI DE NUN ROMPE LI COJONI.
-         A pa’, ammazza se sei fine eh. Guarda che è l’otto de marzo.
-         AH SCUSA. TIE’ STA MIMOSA, E’ CIANCICATA MA ARMENO L’HO SARVATA DAA STRADA.
-         A PA’ NUN VOJO LA MIMOSA! SO’ DONNA, VOJO ER RISPETTO!!!!!!
Silenzio.
-         MA O TROVO DAI CINESI O E’ NA COSA CHE SE ORDINA?

Mi’padre è ‘n mostro. Nun capisce gnente daa senzibbilità de noi donne. Stasera l'accanno e esco co Sharon e Marusca che m’apprezzano.

-         A BOO! CHE SEI QUATTROCCHI? MA CE VEDI BENE? E VEDI DE…
-         Aoh, e basta.
So’ nervosa da quanno che me so’ rimessa l’occhiali. Me pareva de vedecce mejo, stamattina.
-         DAJE OH, MANCO SE PO’ SCHERZA’, dice Marusca ar volante daa MINI de su padre. - ACAPITO, MO’ E’ NA CIFRA INTELLETTUALA. VABBE’ ‘NDANNAMO?
-         FAMO L’OTTOMARZO CURTURALE?, dice Sharon. - TANTO LI CENTOSCELLE NAITMERZ L’AMO VISTI DUMILA VORTE, CIANNO A SCIATICA.

Semo tutte d’accordo. A donna se deve MANCIPARE de testa, mica che esse donna vor di’ solo riempi’ na minigonna eh.
E allora vai caa curtura. Se fermamo a n’edicola e pijamo l’inserto cartaceo de SVORTALANOTTEAROMA piena de dritte.
-         CE STANNO LI MUSEI GRATISE STANOTTE. CIOCCA A LISTA, SHARON, CHE JA DAMO NOI A CURTURA A BOOSTINA NOSTRA.
-         CE STA A SERATA RENUA’.
-         E chi è?
-         A VEDI ‘A STUDIOSA? AOH, RENUA’, ER TOP DE LI PITTORI IMPRESSIONANTI, CHE QUANNO VEDI LI QUADRI LORO TE PIJA A SINDROME CHE TE STENDE. CALA L’INDIRIZZO.

Quanno Marusca frena i freni, nun pare popo che stamo davanti a ‘n museo.
-         MA CHE E’ NA DISCOTECA? Dice Sharon.
-         VABBE’ STAI A VEDE’ A TARA, MA CHISSEI ROSSELLA OARA? A BELLO, CE DAI TRE BIJETTI PAA MOSTRA?
Na spece de armadio n PAPIJON ce guarda e nun capisce.
-         A MOSTRA DE CHE? DE LOCNES? STASERA CE STA CENA, CARAOCHE, STRIP MEN E DISCO.
-         MA I QUADRI DE RENUA’?
-         MA QUALI QUADRI? I DISCHI. CE STA DIGGEI RENUA’ IN CONZOL. VABBE’ ENTRATE? SO’ TRENTA EURI A CAPOCCIA.
-         Ma n’era gratise?
-         ER PROSECCHINO. ER RESTO SE PAGA PRIMA.
-         A SOLITA FREGATURA, dice Marusca, ER COMUNE FINANZIA MA  SEMPRE COLLI SORDI NOSTRA CHE PAGAMO LE TASSE.
Je damo i sordi a tamburella e entramo.

Ar BUFFE’ se so’ già spazzolati tutto, meno male che eravamo venute paa curtura che armeno se nutrimo la mente.
Sharon se fionna in sala STRIP, - VABBE’ N CE STA A CURTURA MA ARMENO CE STANNO LI CURTURISTI.
A Marusca l’acchiappa subbito uno sopra a n palco, VIE’ QUA TE CHE STAI BELLA ‘N COSCIA, CANTACE NA COSA. Lei sale e je mettono de base ANNA TETTANGELO. Marusca canta che esse donna nun vor di’ riempi’ na minigonna, ma ce credevo de più prima d’entra’ qua. Poi je gridano de tutto e lei è felice perché è la prima vorta che se esibbisce dopo Sanremo.
Io m’allontano urtando na cifra de gente che co st’occhiali ce vedo male. Me ritrovo ‘n una sala che tutti ballano co DIGGEI RENUA’ a mette i dischi e uno me fa beve na cosa che pare aranciata e nvesce me fa parti’ subbito la brocca.
Er tipo me guarda e dice - DAJE, VIVA LE DONNE! TIE’, PIJA STA MIMOSA.
-         Nun vojo a mimosa, vojo er rispetto.
-         CIAI RAGGIONE, SEI NA DONNA CHE SA ER FATTO SUO. BACIAMOSE.
-         Ma te ne voi anna’?
-         O VEDI? NUN CE STA GNENTE DA FA’. LE ITAGLIANE SAA TIRANO TUTTE. OH IO SO’ STATO A BERLINO, A BUDAPEST, A ERZINKI, A VERONA! LA’ SI CHE E DONNE SO’ DE MENTE APERTA.
Ariva ‘n tizzio arto er doppio de lui, che me mette na mano sulla spalla e a lui je se rivorge co’ finezza.
-         CIOÈ, STAI A ROMA. INTORNO A TE CE STANNO QUARANTA RAGAZZE. TRENTANOVE SO’ GNOCCHE E UNA E’ TU’ SORELLA. CIOÈ, SI POPO TAA VOI PIJA’ CO QUARCUNO, PIJATELA COR DESTINO CHE T’HA FATTO N’CITOFONO.
Quell’artro pija e se ne va.
-         Oh, grazzie eh.
-         NO E’ CHE IO STA GENTE NAA SOPPORTO. E’ A FESTA TUA CHE SEI DONNA, MA CHE VIENI A SCOCCIA’? POI VABBE’, PECCATO CHE DE FESTE CE N’AVETE UNA SOLA, DOVRESTE AVECCENE UNA AR MESE, COSI’ VOI DONNE VE VALORIZZANO DEPPIU’. ER RISPETTO E’ N DIRITTO, FIDATE OH CHE STUDIO LEGGE.
Lo vedo popo male co sti occhiali, però a sentillo se capisce che è na cifra PROGRESSIVO.
-         STAI NA CIFRA BENE CO ‘STI OCCHIALI EH, me dice.
-         Sei popo…
-         OH STO DE QUA, EH.
-         Sei popo gentile.
Mo’ me piascerebbe da esse na segretaria. Prima cosa avrebbi svortato ‘n mestiere, e poi lui magara me leverebbe l’occhiali e me sciojerebbe li capelli e tac, da che ero na busta, so’ bella che manco si veniva a fata ZUCCHINA.
A quer punto, er tempo de capi’ come fanno ‘e segretarie coll’occhiali a fasse sposa’ dall’avvocati, e svorto der tutto.
Ma siccome che er tipo nun lo vedo tanto pieno d’inizziativa, anzi noo vedo popo, l’occhiali me li levo, che ner ventunesimo secolo alli miracoli je devi da ‘na spinta, sinnò nun partono.
E quanno me li levo vedo lui, e pure quella che je sta sotto ar braccio.
- SEI POPO IPSTER CO STI OCCHIALI, dice lei.
Poi nun dicheno più gnente e se ne vanno.

N’ora dopo recupero Sharon che batte i pezzi ai curturisti, mentre li culturisti co l’orologgio je fanno nota’ che è passata a mezzanotte e mo’ se ne po pure anna’.
Marusca sta ancora sul palco co ‘e luci spente. Nun ce sta più nisuno. Dice che ha fatto er voto, noi se guardamo ‘ntorno e nun ciavemo dubbi.

Quanno torno a casa, mi’padre lo trovo sdraiato pe’tera nzieme a otto cartoni de tavernello voti. Gnente de novo, a parte ‘na cosa: ‘n par de occhiali tali e quali ai mia.
Me li provo e ce vedo bene. Sarmonelli deve popo avecce na partita sana de occhiali IPSTER da smarti’, a quanto pare.
Butto na coperta sopra mi’ padre e me ce siedo vicino.
Porello, nun me l’ha mai detto che è cecato. Da quanno che mi’ madre se n’è annata, poi, a voja de guardasse ‘ntorno jè passata der tutto.
E io, stasera, per un giorno all’anno, ‘n pochetto fija sua finarmente me ce sento.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

fenice9 03/08/2013 09:58

L'ha ribloggato su QUESTO BLOG NON (R)ESISTE.

A. 03/14/2012 13:21

Sa di vita vissuta. Rido e piango con te.
Brava!

boostapazzesca 03/10/2012 15:15

Ame' me sdraio ha ha ha ha

ameliozoro 03/10/2012 08:12

ahahahahahaha fantastico pezzo!!!!!! cara boosta pazzesca, sei troppo troppo! mentre leggevo il post, mi sganasciavo ad immaginare le scene descritte e in testa era come se ti ascoltassi! complimenti, davvero! ma dopo esserti alzata il 9, oggi che fai? :)

Michè 03/10/2012 05:09

Si t'encontravo quanno stavo a Roma, te sposavo io, altro che l'ottico.. Bella Boo.

Andrea 03/09/2012 19:02

Ti ho appena scoperta, adesso finisci nei miei siti.
Bellerrima.
A presto.
A.

amixxx 03/09/2012 15:46

A Bo'...M'hai fatto taja' come al solito! Bella pe' te! :-*
Amanda

ellaneivicolipersa 03/09/2012 15:22

Vabbè lo mandiamo dall'ottico mio: mio padre s'è fatto 3 pari d'occhiali e l'ha fatti pagà alla moglie nuova, 20 anni più piccola buona come il pane, chè io glielo dissi pure "Patrì,meglio che te li spendevi a scarpe quei soldi....o quanto meno ti sposavi l'ottico!"