NUN E’ L’INFERNO (MA POCO CE MANCA)

Pubblicato il da boostapazzesca

NUN E’ L’INFERNO (MA POCO CE MANCA)

Siccome che i favori so’ sempre a bon rendere, pe ricambia’ quello dell’esame martedì ho accompagnato a Castro Pretorio Marusca, pe l’occasione acchittata in modalità pantera der ribbaltabbile. Ce stava pure Sharon a rimorchio, che nun c’aveva nessun favore da restitui’, ma manco gnent’altro da fa’. 
- Ma ‘nzomma, ‘ndo hai detto che annamo?, je chiedo in metro.
- MA CHE DAVERO NUN CONOSCI A DAJECHESPACCHI ESSE ERRE ELLE?
- No. - QUANTO SEI ANTICA OH. E’ A MEJO AGGENZIA SUR TERITORIO NAZZIONALE. STO A FA’ NA CIFRA DE PROVINI.
- MA PURE QUELLO PE ER CALENDARIO DAA FRUTTA DE STAGGIONE?, chiede Sharon.
- VABBE’ ERA NA COSETTA GIOVANILE QUELLA, M’HANNO PAGATA ‘N COCOMERI, C’HO SVORTATO N’ESTATE.

'A sede daa DAJECHESPACCHI ESSE ERRE ELLE sta a ‘n palazzo de fronte alla bibblioteca nazzionale, se vede che stanno CIC TU CIC caa curtura questi. Curtura arta eh, tipo cinque piani a piedi.
- CHI E’? OH A MARU’, BELLA! ACCOMODATEVE QUI. STANNO TUTTI DELLA’, MO’ TE CHIAMANO.
Se sedemio. Marusca se vede che sta concentratissima, è già ‘a terza passata de GLOS ECSTRALUCIDO che se da su ‘e labbra.
- Ma che devi fa’?
- E’ NA BELLA SCIANZ, A BOO. E’ PER UN MIUSICOL, VONNO GENTE CHE BALLA E CANTA. GERLANDO M’HA SCRITTO ‘N PEZZO CHE SPACCA.
- A MARU’, MA CHE SAI BALLA’ E CANTA’ TE? Chiede Sharon.
- E A CHE ME SERVE? A RITARDATE, VOO SIETE VISTO SANREMO? CHI HA VINTO?
- Emma.
- A PIU’ BONA. LE DU’ CROSTE NVESCE HANNO PERZO. POI NAA CANZONE CE PIAZZI ‘N PAR DE CONTENUTI E FAI ER VOTO.
Chiamano Marusca che entra tipo diva margrado ‘n par de sbandate per via der TACCO DODISCI. Siccome è na cifra democratica, fa entra’ pure noi e dice che semo le GRUPIS sua.
Se mette dietro er microfono a fa’ SASSA PROVA, noi se buttamo in un angolo. Ce stanno tre tizi dietro a n banchetto, pare popo de sta’ a ICS FACTOR e so’ na cifra emozzionata.
- Ciao, come ti chiami?
- MARUSCA. MARONE MARUSCA.
- Marone?
- SI, MARONE CO DU ERE EH.
- Ah! Parente?
- ‘NPOCHETTO ALLA LONTANA.
- Ma che s’è fatta ‘o PSUDOMINO?, me chiede Sharon.
- Ando vai senza, je ribbatto io.
- Cosa ci proponi, Marusca?
- NA CANZONE CHE HA SCRITTO ER RAGAZZO MIO, CHE LO RINGRAZZIO SUBBITO SI NO POI ME DIMENTICO. SE CHIAMA “SI TE VOREBBI ME TE PIJEREBBI”. GRAZZIE GERLA’, TE AMO. TIE’A CI’, PIJA ER CIDDI’.
Parte la base. Er pezzo è orecchiabbile, anfatti Gerlando l’ha fatto ar piccì zottando ando cojo cojo da ‘na ventina de REMICS.
Er testo è na cifra significativo. '
A strofa dice TE MANTIENE PAPA’/IO DEVO LAVORA’/CHE AMORE E’ SE PE FARLO/POI NUN VADO A MONTECARLO, er ritornello invece t’entra subbito ‘n testa: LASSAME PERDE/CHI TE SE PIJA/SENZA BRILLOCCO NUN METTO SU FAMIJA. 
'Na decina de stecche le pija, ma se sa è l’emozzione. Io nun me ne intendo, ma penzo che l’esibbizzione va considerata nell’inzieme, ‘a grinta, er collo der piede, ‘ste cose qua.

- Bene, Marusca. Che grinta.
O vedi?
- Il testo mi sembra molto d’attualità…
- AVOJA
, risponde Marusca cor fiatone, L’AMO SCRITTO STANOTTE. CAPIRAI, CHI SE SPOSA PIU’ CO TUTTI ‘STI MORTI DE FAME ‘N GIRO?
- Ma sai anche ballare, vero? 
- CO ME STAI A PARLA’? SO’ ANNI CHE ALLISCIO CUBBI. A CI’, FAI RIPARTI’ A BASE. 
Marusca sta a fa’ n figurone, so’ pure n pochetto commossa che me pare de sta’ a FLESCDENZ. Ar PLISSE’ finale, er collo der piede tiene. Er tacco dodici no, e lei va a fini’ n tera de faccia come ‘na pera.
- Maru’ oh! Come stai?
- A BOO ME FA MALE 'A GAMBA! NUN LA POSSO MOVE!
Li giudici se arzeno. - MANNAGGIA OH. DAJE, NUN È GNENTE.
- A morgan, questa sta male, deve anna’ ar prontosoccorzo.
- PORTACELA. NOI NUN S’AMMISCHIAMO. SEMO ESSE ERRE ELLE, SOSCIETA’ RESPONZABBILITA’ LIMITATA. CHE VOR DI’ CHE SO’ CAZZI VOSTRA.
- Oh, ma qual è er prontosoccorzo più vicino, armeno?
- L’UMBERTOPRIMO A DIECI MINUTI. CARICATEVE L’AMICA VOSTRA CHE DOVEMO SENTI’ N’ANTRA.
Sharon s’avvicina a Marusca. 
– A MARU’, FORZE E’ MEJO SI NUN TE MOVI. C’HAI QUARCHE POSSIBBILITA’ N PIU’ DE SOPRAVVIVE.
Marusca piagne. – STAVA ANNA’ TUTTO BENEEE! VOJO MORIIII’!
- CHE FAMO? Chiede Sharon.
- Boh, rispondo io. – Ha detto che vole mori’. ‘Namo va’.

All’umbertoprimo so’ na cifra gentili. Ce mostrano ‘n corridoio e ce dicono - PIAZZATEVE LA’, QUANNO SE RICORDAMO, SI CE STATE ANCORA, VE CURAMO.
- Aoh, ma l’amica mia è codice giallo.
- SI’, MA OGGI VA DE MODA ER ROSSO.
Ner mentre che parlamo passa ‘n gatto e ce se struscia a tutti, poi s’addentra naa piazzetta.
- CHE BELLO, dice Sharon, CURANO PURE L’ANIMALI QUA. MA LUI CHE E’, CODICE VISKAS CHE PASSA PRIMA?

Tre ore dopo stamo sempre là n tera a aspetta’. Ner frattempo un codice verde ha sclerato e tre rossi hanno stirato. Marusca è na cifra triste. Sharon no, ma pe’ simpatia se intristisce pure lei. Ognuno 'a tristezza la caccia a modo suo.
Noi de solito, in questi casi, cantamo. Parte Sharon.

- DIMME COSA DEVO FARE/PE PAGAMME DA MAGNARE…
- CO’ TANTA BELLA TERA/CHE CE STA DA ZAPPARE
, dico io.
Marusca ce guarda. Poi partimo ‘n coro: NOOOOOO, NUN E’ L’INFERNOOOOOOOOooooooo
Ariva n’infermiera de quelle veraci mesciate, tutta rossetto e FARD ASSASSINO.
- AOH! HO CAPITO L’OTTIMISMO, MA NPO’ DE RISPETTO CHE CE STA GENTE CHE MORE.
Ce guarda. Se ‘ntenerisce. - TE CIAI NA BELLA VOSCE PERO’, fa a Marusca. - L’AGGENTE CELLAI SI? SI NO NUN VAI DA NISUNA PARTE.
- ANDO VADO CO STA GAMBA? CELLO’ SI L’AGGENTE, STAVO POPO QUA ‘N ZONA A FA’ N PROVINO.
A signora se nzospettisce. – ASPETTA N’ATOMO. CHE STAI MICA CO A DAJECHESPACCHI SAS?
- VERAMENTE SE CHIAMA ESSE ERRE ELLE.
- ECCERTO, MO’. ASPETTAME QUA.

A vedemo che pija du pezzi de gesso tajato da e mani de uno che se l’era appena levato e li incolla su ‘a gamba de Marusca collo SCOCC da pacchi.
- TOH, ARMENO INTANTO TE DA QUA TE NE VAI. ANCH’IO PENZAVO DE SVORTA’ CO’ A DAJECHESPACCHI, M’HANNO SOLATO NA FIOTTATA DE SORDI E DA QUA NUN SO’ PIU’ USCITA. ANNATEVENE, VOI CHE POTETE.

Se famo dimette da un tizio che passa de là.
- MA TE CHIAMI VARCAROLI MARUSCA? E PERCHE’ NAA SCHEDA C’HAI SCRITTO MARONE?
- E’ ER NOME D’ARTE MIO, DOTTO’. CHE NOO VEDE SANREMO?
- ME VEDO CHE? ANCORA ESISTE SANREMO? TEH, ANNATE VA’.

Uscimo ‘n direzzione metro der policlinico co Marusca a spalla. 
- A MARU’, dice Sharon, MA QUANNO CHE POI GUARISCI E DIVENTI FAMOSA CE SCANZI PURE A NOI DALL’AMONIMATO?
- AVOJA, MICA ME DIMENTICO DELL’AMICHE. CAMBIERA’ TUTTO, NUN LAVOREREMO PIU’.
- AMMAZZA CHE SVORTA, NUN CAMBIA POPO GNENTE ALLORA.

A di’ che stamo senza lavoro ‘o diciamo tutti, mica Emma sola. Semo tarmente tanti a dillo, che pure si ‘o canti, tempo ‘na settimana se lo so’ scordato tutti.
E l’unica cosa che resta è che stamo a spasso, a mantenesse l’una co l’altra.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

lalabl 03/08/2013 17:30

All’umbertoprimo so’ na cifra gentili. Ce mostrano ‘n corridoio e ce dicono - PIAZZATEVE LA’, QUANNO SE RICORDAMO, SI CE STATE ANCORA, VE CURAMO.
- Aoh, ma l’amica mia è codice giallo.
- SI’, MA OGGI VA DE MODA ER ROSSO.

questa me la incornicio. brava! :-)

RaiPol 02/24/2012 14:34

splendidoooo!!!
Ma davanti a la bbbibbblioteca nun nce' sta' er palazzo dell'ENAC???
:-)))

anneriittaciccone 02/24/2012 09:26

ma la canzone di marusca quando la possiamo sentire? :D

SiRvia 02/23/2012 23:39

Sei na spada. E ciavemo avuto pure quarche senzazione simile, me pare, no? Dico cor Codice 29... su Ellèra.
Te bacio. :-)

boostapazzesca 02/23/2012 22:15

Annica ma ndo stavi??? Me sei mancata ma so che ce sei però

A. 02/23/2012 19:41

Sempre più brava. Ti stimo da lontano, e non ti perdo d'occhio.

Gaja 02/23/2012 15:08

aho, abbu', ammazza quanto stai sempre sur pezzo, a ci'! 'st'articolo è de n'attualità da paura!

cielovaniglia 02/23/2012 15:05

Bellissimo boo!!:-)