TU CHIAMALE SE VOI, PERCEZZIONI

Pubblicato il da boostapazzesca

Venerdì nun so’ riuscita a chiude occhio perché era ‘n mese sano che stavo a batte ‘a capoccia contro er manuale de TEORIA E TECNICA DAA DISTRUZZIONE DE MASSA UNO, e ancora nun c’avevo capito na virgola manco daa prefazzione. Er caso però voleva che l’appello ce stava er giorno stesso, che io me c’ero pure iscritta e che si nun me presentavo, poi m’attaccavo fino a st’estate. Mi’padre a colazzione ha usato ‘e parole giuste.
- DAJE OH. MICA TE STARAI A FALLA ADDOSSO? TANTO, PIU’ CHE MANNATTE AFFANCULO NUN PO FA’. A LI TEMPI MIA, DAVANO CERTE PIZZE.
- A pa’, ma te nun ce sei mai annato all’univerzità.
- VABBE’ PERO’ HO FATTO ER SESSANTOTTO LO STESSO.
- Ma ciavevi tredicianni.
- APPUNTO CHE ERA NA COSA SERIA L’EDUCAZZIONE, A DA’ E PIZZE E A PIJALLE ERA MEJO CHE TE ‘MPARAVI SUBBITO. OH COMUNQUE, ALL’ESAME CHI TE PORTA, BABBONATALE?
- In che senso, pa’?

Sto pe strada co Sharon e Marusca che m’avevano promesso de accompagnamme, è er primo esame, ciò na strizza che me se porta e tanto pe nun fasse manca’ gnente, nevica. . - A BOO.
- Eh.
- MORTACCI TUA, QUA CE VOLE ER SAMBERNARDO.
- A BOO.
- Eh.
- MA ARMENO CE STA ER RISCALDAMENTO?
- A Sharon, te pare che nun ce sta?
- BOH, CHI C’E’ MAI ANNATO ALL’UNIVERZITA’. TE, MARU’?
- MAH, NA VORTA HO SEGUITO DE STRAFORO DU’LEZZIONI DE ESTETICA, PE AVE’ DU’ DRITTE SU ‘A RICOSTRUZZIONE DEE UNGHIE SAI, MA SO’ PARTITI DAI PRIMI CASI DER SETTECENTO E ME NE SO’ ANNATA.
Ciò n po’ de brividi, sarà che semo a meno tre. Però l’amiche mie me vonno bene. In tre, a meno tre, so’ meno uno a capoccia, così fa freddo de meno.

Arivamo ‘n aula co’ a neve nell’orecchi, ma er professor Molisano parla chiaro e ce mette subbito a nostro aggio.
- AOH, COMODE EH. TANTO GIA’ AMO FATTO L’APPELLO, TIPO DA N’ORETTA. - Professo’, nevica, ce sta qualche disaggio.
- MA A NEVE DE CHE? A MILANO NEVICA. A BOLOGNA SE MORONO. QUA NUN NEVICA, STAMO A ROMA. VE FATE ‘NFLUENZA’ DA LI MASS MEDIA.
- A PROFESSO’, dice Marusca, E SE VEDE ALLORA CHE CE STA ‘O SCIOPERO DE’ GRATTACHECCARI, M’E’ ENTRATO ER GHIACCIO PURE NEE PARTI URTIME.
Er professore guarda pe n’attimo Sharon che se leva ‘o stivaletto e ce fa usci’ a neve, poi me se rivorge.
- VABBE’. TE DEVI FA’ L’ESAME? SEGNIATE. L’AMICHE TUE MANNALE ‘N PICCIONAIA. TE CHE ME STAVI A DI’? AH SI, NA CAZZATA. BOCCIATO, TE NE POI PURE ANNA’.
Li mortacci de quella che sur forum de TEDONADRITTA PUNTOCOM m’aveva detto che era n’esame facile. Sta a boccia’ tutti a gruppi de tre.
VENITE QUA, VE PENZATE DE SVORTA’, MA IO VE CALO A PEDATE. TE A CASO, LA’. DIMME UN PO’, CHE DICE SCANNALOSKI DER CONCETTO DE COMPRESENZA DAA STRAGGE DE MASSA NE LI MEDIA MODERNI? NOO SAI VE? VATTENE A CASA VA’, MOO VIENI A DI’ A LUJO.
Ammazza come te smonta Molisano. Na cosa è ave’ er dialetto, e n’antra è ave' a DIALETTICA. Se vede che è uno che ha studiato na cifra. Semo ducento, ma dice che ce vo’ fa’ tutti oggi. Io so’ l’urtima, si me dice bene uscimo alle nove.

Passa er tempo e a quello che se l’è cavata mejo Molisano ja detto VABBE’ DICIOTTO e poi NO VABBE’ SCHERZAVO, CIAO BELLO.
‘E ragazze so’ uscite cinque minuti e so’ tornate co ‘n trancio de pizza e na COCA ZERO. Mentre che salivano a Marusca jè pure squillato er cellulare caa soneria de UMBRELLA de RIANNA.
- AOH, je fa Molisano, VOI DUE POPO COME AR CINEMA EH? - A PROFESSO’ CHE SE CREDE? IO AR CIMENA METTO A VIBBRAZZIONE. QUESTO ERA ER PROMEMORIA PE’ SCANZAMME A NEVE DALLA CAPOCCIA.
- GAJARDO BOO, me dice Sharon seduta de sopra co Marusca, FA’ L’ESAMI E’ POPO NA STRIPPATA. MA E’ TIPO REALITI, CHE ALLA FINE RIMANE UNO SOLO? Je spiego che l’esame, si c’ho capito quarcosa, dovrebbe da parla’ de quelli che fanno la guera ‘n tutto er monno e però sapemo quello che te dicono e nun se sa se so’ fregnacce o no.
- ANVEDI. MA POI VINCI LI SORDI?
- MA CHE TE DEVI VINCE, A SHARON – dice Marusca – O SANNO TUTTI CHE L’UNIVERZITA’ NUN CIA’ SORDI, TE DARANNO N’AGGENDINA AR MASSIMO.
- VABBE’ NZOMMA BOO, ‘O STAI A FA’ PAA GLORIA.
Forze cia’ raggione Sharon.

All’otto e mezza de sera semo rimaste solo noi, Molisano e l’assistente sua che s’è pure abbioccata.
- ALLORA CHI CE STA? AH TE, VIENI VA’ CHE SE N’ANNAMO A CASA. - DAJE BOO, me fa Marusca.
- Nun so’ n cazzo, Maru’.
- DAJE BOO, me fa Sharon.
- Nun so’ n cazzo, Sharon.
- TE PROVA A CHIEDE L’AIUTO DER PUBBLICO, SI ‘A SAPEMO T’AIUTAMO.

Sto davanti a Molisano.
- ALLORA, DIMME NPO’… - VOSCEEEEE, grida Marusca de dietro.
- AOH, MA ‘NDO STAMO AR MERCATO QUA?
- MAGARA, ARMENO DU’ TARALLI SII MAGNAVAMO, CIO’ NA FAME CHE STIRO. VABBE’ SCENNEMO NOI AR PRIMO BANCO, QUA NUN SE SENTE GNENTE.
- MA ‘NDO L’HAI RACCATTATE QUESTE? ‘NCE PONNO TORNA’?, me chiede Molisano.
- Professo’, sa come se dice, er posto fisso tutto er tempo è na noia.
- VABBE’, NAMO DE PRESCIA CHE AMO FATTO NOTTE. VON NAPALM TOO RICORDI?
- No.
- SCANNALOSKI?
- No. - PATTINSON?
- MA CHI QUELLO DE TUAILAIT? Dice Sharon.
- ZITTA, NUN SUGGERI’. PATTINSON O CONOSCI?
- De fama.
- E CERTO! PAGGINA NOVANTA: ER MEDIUM CINETELEVISIVO TE IMPONE ER MODELLO DE PATTINSON, TE L’ASSORBI E TE OMOLOGHI NER NOME DE N’INNAMORAMENTO COLLETTIVO CHE INVECE E’ SOLO RINCOJONIMENTO DE MASSA MENTRE CHE NER DARFUR SE MORONO E VOI NUN SAPETE N CAZZO PERCHE’ A TIVVU’ E LI GIORNALI TE FANNO VEDE’ PATTINSON INVECE DER DARFUR! Silenzio.
- E MO’ CHE JE VOI DI’? Me fa Marusca.
- A PROFESSO’, interviene Sharon, COMUNQUE E’ BONO PATTINZON, CE PO STA’ CHE J’ARISURTA.
- SILENZIOOO. Pijo n ber respiro, tanto ormai è annata.
- A professo’, a me Pattinzon me piace de mio, nun me serve a tivvu’. Io me faccio l’informazzione mia.
- AH SI? E A TIVVU’ NAA GUARDI?
- No, ce sta sempre mi’padre davanti.
- E LI GIORNALI?
- Boh, na vorta se leggevamo l’internazzionale, poi er vicino s’è accorto che je lo zottavamo daa cassetta e nun s’è più abbonato.
- E COME TAA FAI A NFORMAZZIONE TUA? AR DARFUR COME C’ARIVI?
- Professo’, er DARFUR è meno lontano de quanto sembra. Io ce so’ stata. Li probblemi loro ce li so, che se morono de fame, che uno se scanna contro l’artro. Po’ esse che ho letto poco, ma quello che so l’ho visto coll’occhi mia. Er professore me guarda.
- CIOE’, NZOMMA VIAGGI. TE FAI LA CURTURA TUA.
- Beh, si’, anna’ e torna’ da là è n’esperienza.
- DAJE PROFESSO’, fa Marusca, O VEDE CHE E COSE 'E SA?
Molisano me guarda.
– SEI GAJARDA. NUN CE STA LIBBRO CHE TE ‘NZEGNA A VITA VERA, E MANCO QUELLA PERCEPITA. TE VAI SUR CAMPO, STAI SUR PEZZO. E FREGNACCE DELL’ARTRI T’ARIMBARZENO. BENE. DICIANNOVE.

- AMMAZZA, E’ TANTO DICIANNOVE VE? Dice Sharon.
- Come diciannove, professo’?
- ECCERTO. NUN SAI GNENTE, PERO’ ME PIACI, CIAI A CAPOCCIA GIUSTA PE ANNA’ AVANTI.
- A PROFESSO’, dice Marusca, E SIA BONO CHE TRA ‘NA SETTIMANA È ER COMPLEANNO SUO. NUN SE PO FA’, CHE NE SO, ‘N REGALINO… Molisano ce guarda.
- E CHE VOI, N’AGGENDINA?
- VABBE’, C’HO PROVATO PROFESSO’. SCHIODA BOO, CE STA QUASSOTTO ER CHEBBABBARO, SI 'A NEVE NUN SE L’E’ SEPORTO.

Stamo a magna’ er CHEBBAB.
- GAJARDA, BOO. ER PRIMO ESAME! CHE BONA CHE SEI. - IO PERO’ L’AGGENDINA MAA SAREBBI PRESA.
- A SHARON, LASSA PERDE VA’. AMMAZZA CHE FREDDO OH, dice Marusca, STO CHEBBAB S’E’ SURGELATO DU’ VORTE, SPERAMO CHE NUN CE FA MALE.

Er freddo io già nun lo sento più. Po esse allora che nun era freddo prima, ma er freddo o sentivo solo io che c’avevo er CACOTTO?
Questo vor di’ quanno che uno percepisce na cosa. Er freddo mio nun veniva da fori, veniva da dentro ma me penzavo che era quello de fori.
Però vallo a capi’, quanno fa freddo dentro e pure fori.

- MA POI OH, A STRONZA, QUANNO SEI ANNATA A STO DARFUR CHE NUN CIAI DETTO GNENTE?
- Er ventiquattro de dicembre co mi’ padre, che stavamo ‘n zona, na cosa pazzesca. A gente s’arraffava de tutto, pareva che se moriva de fame. Manco la SMA de piazza bologna, pe’ ditte.
- NUN LO CONOSCO, ANNAMOCE 'NZIEME A PROSSIMA VORTA. Anche l’amiche mie vonno vede’ a vita vera. Per noi è na fortuna, a vorte, abbita’ nee zone più dimenticate daa realtà percepita. A prossima vorta, ar SUPERMERCATO DAA DARFUR de Tor Vergata ce vado co loro.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Sélavy 04/23/2012 10:02

- VABBE’ NZOMMA BOO, ‘O STAI A FA’ PAA GLORIA.
Forze cia’ raggione Sharon.

Ma io ti amo!!!

boostapazzesca 02/08/2012 11:18

benvenuta Fedelmaaa, già te vojo bene

Fedelma 02/08/2012 10:59

Per una che ama Roma (e soprattutto i romani) leggerti è manna dal cielo
Mo' t'ho beccato e nun te mollo più!

Fed

smilablomma 02/07/2012 20:42

eh, il darfur è veramente così! daje bustì, brava!

A_iR 02/07/2012 18:03

Grande, Bustina.
Ti penso tutte le volte (quindi: tutti i giorni) che passo per i ponti.
Prima o poi ti incontro.

Tanto sarà il cuore a farmiti riconoscere, no?

boostapazzesca 02/07/2012 16:09

bravo a nadi', le devi da di' ste cose che a stampa su ste cose nun se rafferma

MASSIMO 02/07/2012 16:08

A PROSSIMA VORTA C'E VENGO PURE IO AL DAA DARFUR HAHHAHAHA GRANDE !!!!!!!!

Nadim 02/07/2012 15:16

Bustì, come te capisco... ce so ito ieri ar darfur, aggente aveva arraffato tutto: frutta, verdura, latte, pane... peggio dee cavallette... e quanno stavo pe uscì me sò pure accorto che na vecchietta me voleva fregà er carello co 'n euro dentro. jo dovuto partì de capoccia.

Laura 02/07/2012 12:50

te stimo per il pezzo e perche' hai messo una foto dell'Aula Amaldi di Fisica...dove c'ho sputato il sangue pe 5 anni. In bocca al lupo...