ER VENTO DELL’AVVENTO

Pubblicato il da boostapazzesca

Er natale nun è davero ‘n giorno come l’artri. ‘A ricorenza vole che magni come un bue e bevi come ‘n asinello, che fai je disci de no?. Secondariamente che poi è pure er compleanno de mi’padre, ar pranzo der ventiscinque amo fatto l’ammucchiata naa fraschetta preferita sua, ‘A STALLA DE ROMOLETTO,  entri t’appanzi e poi pure anna’ a letto.

A DUILIO, ERA ORA CHE ‘O FESTEGGIAVI ‘STO COMPLEANNO. SO’ QUINDISCIANNI CHE VIENI A SCROCCA’ DA ME E NORA, CAA SCUSA DE GESU’ BAMBINO.

A SPA’, A TE TE RODE CHE SEI NATO BISESTO. ‘NAMO, DE QUA, COMODATEVE, ‘STA SALA E’ PE NOI, ER CESSO È DE SOPRA, ER GUARDAROBBA È QUER CAZZETTO LI’ SI VOI ATTACCA’ E COSE TUE.

A ‘n cenno de mi’padre, che saa comanna, parte er REMICS DAA CARRA’ che a fa’  l’amore cominci te. Nun manca popo nisuno. Zio Spartaco, zia Nora, l’amiche mie Sharon e Marusca che s’è portata pure er ragazzetto suo novo Gerlando.
Pure Ileana e su’ marito so’ venuti, ponno sta’ pochetto che loro ‘e ferie nun celanno, er tempo de magna’ e poi subbito su ‘a Laurentina che er ventiscinque ce stanno li doppi turni.

A ROMOLE’, PAJATA A PIOGGIA. SIGNIORE NUN VE PROCCUPATE CHE L’HO FATTA FA’ LAIT, ‘NVESCE DAA PANCETTA NER SOFFRITTO CE STA ER LARDO DE COLONNATA.
Mi’padre è tradizzionalista, ner senzo che se magnamo sempre ‘e stesse cose tutto l’anno. Er MENU’ prevede rigatoni caa pajata, pajata n umido, pajata ar forno, costolette d’abbacchio e spiedini de pajata pe’ contorno.
Mi’padre ‘o chiamano ER BON PASTORE, perché er gregge co’ lui trova sempre ‘a via diritta pe anna' 'n pentola..

AOH IO STO A DIETA PERO’. MACCHETTEFREGA MARU’, fa Gerlando, MAGNA CHE TANTO METTI TUTTO SU ‘E ZINNE.
Gerlando cia’ a mentalità ‘mprenditoriale. Apre ‘a palestra, poi ce sta ‘ a crisi e ‘a chiude. Apre l’alimentari e chiude pure quelli. Apre er NAIT CLEB, ariva ‘a finanza e jaa chiude pure quella per via che è na copertura pe spaccia’.
VABBE’ SE SA SO’ TEMPI DURI, UNO NUN SE DEVE ARENDE’. A L’IMPRENDITORI DE ‘STI TEMPI ‘O STATO JE TARPA LE ALI, MA A ME LI DOMISCIGLIARI TANTO M’ARIMBARZENO.

De ‘sti tempi fa’ er bilancio dell’anno passato è nevitabbile. Io vabbe’, dopo quattro vorte de seguito che scajo l’esame de antropofaggia curturale, er proposito mio è de parti’ cor piede bono. 
Pe’ febbraio preparo TEORIA E TECNICA DAA DISTRUZZIONE DE MASSA che pare meno mattone de quell’artro.

Sharon pure nun sta bene.
A BOO, STO N’ANTRA VORTA A SPASSO. ER BISNES DELL’ARBERI DE NATALE NUN DURA. MI’ MADRE M’AVEVA DETTO DE FA’ L’ESTETISTA, CHE CAA BOTANICA ER POSTO FISSO NUN SE TROVA.
Nun ce penzamo, va’. So’ arivate pure ‘e costolette d’abbacchio. See magnamo direttamente chee mano, er cameriere sé portato via ‘e forchette, ma io e l’amiche mia stamo ar passo co li tempi, ce ‘o sappiamo che va de moda er FINGHER FUD.

Mi’padre porta ancora vino.
BONO VE’? STA ROMANELLA E’ SPESCIALE. SEMPRE ‘A STESSA PORVERINA DAR CINQUANTASEI. OH NUN VE STROZZATE, MANCO CHE FOSSE L’URTIMA CENA.

Conto quelli che semo, co’ Remo mio che sé fatto tutte le portate più mezza gamba de tavolino stamo a dieci. Mancheno due pe’ fa’ li DODISCI APOSTATI: l’amica mia Krosta, che ‘n Olanda deve da lavora’ tanto, e poi mamma. Ma lei se sapeva già che nun veniva.

Vedo papà che piagne, soretto da zio Spartaco.
NUN ME SE FILA DE PEZZA CAPITO? MANCO NA RIGA, LI FIJI COME STANNO… SO’ PURE ANNATO ER VENTIQUATTRO AR RADUNO DE LI PADRI SINGOL, QUI CE DEVONO DA TUTELA’.

A DUI’, MA LA’ CE STAVANO LI PADRI CHE J’AVEVANO ZOTTATO LI FIJI.

CAPITO? E SE LAMENTAVENO, PURE. “TUTTI I GENITORI HANNO ER DIRITTO DE VOLE’ BENE A LI FIJI SUA”, ALLORA TAA VOI VENI’ A PIJA’?

Un metro più n là, er marito de Ileana che è dell’EST pure lui parla co’ zia Nora de li tempi moderni.
QUESTO PAESE TROPPO CONSERVATORE. PERSONE SEMPRE CHIUSE SOLITI SCHEMI. SERVE ANDARE OLTRE MIA PROPRIETA’ E MIO INTERESSE PER AVERE FUTURO MIGLIORE.

Mi’ padre se arza.
STATE BENE SI? BRAVI, IO CIO’ N GONFIORE, VADO DE SOPRA AR CESSO. OH NUN SPARITE EH.
Zia Nora ner mentre der dibbattito su li tempi moderni se leva ‘na mano der marito de Ileana da ‘e gambe.
A COSO, ‘A PROPIETA’ MIA MAA TENGO PE ME. ‘E ZAMPE ALLUNGHELE SU TU’ MOJE, PE’ NA VORTA CHE NUN CE STA ‘A FILA.
Ileana nun saa tiene.
TU ROSICARE? MIO MARITO PIACE DONNA VERA, NO CASALINGA BUZZICONA.

BUZZICONA IOO? A COTECHINO, LEVA L’OCCHI DAR MIO DE MARITO E VEDI DA SGOMMARE, CHE A TE E AR PAPPA POLACCO TUO VE BENEDICO A CARCI.

Du’secondi dopo parte la faciolata.
AMMAZZA, NUN SO’ PE GNENTE APPESANTITE, dice Sharon collo spiedino de pajata ‘n bocca.
IO PUNTO SU ‘A STRANIERA, dice Gerlando, CIA’ DU’ MANI CHE SI TE PIJA TE MANNA ‘N PROGNIOSI.
A SPARTACO, E TE NUN FAI GNENTE?, dice Marusca.
E COME NO? DU’ SCUDI SU MI’ MOJE. ANNATA, EH GERLA’?
Ner mentre che zia Nora parte de capoccia a Ileana, quarcosa fori ‘n giardino m’attira l’attenzione. Mi’ padre se sta a cala’ dar finestrino der cesso. Crolla ‘n tera, se leva l’erba da ‘e spalle, poi me vede che lo sto a osserva’.
Me strizza l’occhio. Fa’ er vento è ‘n vizzio che nun te levi, fai prima a perde’ er pelo duscento vorte.

Er METCH finisce pe’ verdetto unanime daa giuria caa vittoria a li punti de zia Nora. Ileana porella, ‘na settimanella a bistecche ‘n faccia nun ja leva nisuno. Zio Spartaco passa a ncassa’ le vincite,
CALA GERLA’, SEI ‘N PISCHELLO ‘N GAMBA MA CIAI DA FA’ DE STRADA ANCORA. A BOO, MA TU’PADRE CHE STA A FA’ AR CESSO, A NONA DE BEETOVE?
Me guarda mejo, e se sta zitto. Mi’padre è su’fratello, ‘o conosce. Se 'nquatta 'a vincita 'n tasca e me da' 'n buffetto.
L’ANIMA DE LI MEJO MORTACCI SUA, CHE POI SO' PURE LI MIA. OH ME DISPIASCE, SO’ SENZA ‘N EURO E MO’ CIO’ PURO ‘NA PUNTA.
A zio, nun te proccupa’. Grazzie che sei venuto, eh.
SEI ‘NA REGAZZETTA GAJARDA. AOH, ER PRANZO E’ FINITO, SCOLLAMO VA’. Tutti s’arzano e se ne vanno, salutano me e er festeggiato,
BACIAMELO QUANNO TORNA EH. Sharon e Marusca so l’urtime.
SI VOI… T’ASPETTAMO FORI MENTRE CHE ASSISTEMI.

Je dico d’anna’ via, che tanto ce vorà ‘npochetto. Tanto se vedemio a capodanno dai NEGRAMARI ar colosseo.

Romoletto conosce me da ‘na vita, e mi’padre da due. ‘O sa bene che mi’ padre, si je levi ‘a pajata e er vento, nun se sente più giovane. Ma stava tranquillo, perché mi’padre je l’aveva detto che ar conto ce penzavo io.
Sto ‘n cuscina co’ n IMALAIA de piatti da lava’ e Remo che me sta vicino a succhia’ ‘n osso avanzato dar piattino. Armeno er ciancicare suo me fa compagnia.

PASSAME ER LIMONELLO, VA’.
Me vorto. Ce sta Sharon in tenuta da sguattera, e Marusca co ‘a parannanza de ghepardo che ja’ regalato Gerlando pe Natale.
VABBE’ OH, GERLANDO APRE ER RISTORANTINO NOVO, ARMENO FACCIO PRATICA. COSI’ FINIMO PRIMA DER TRENTUNO E SE N’ANNAMO AR COLOSSEO, SI NUN HA FINITO DE CROLLA’ PRIMA. A ME SPERAMIO CHE ROMOLETTO ME TIENE PURE DOPO ER TRENTUNO, dice Sharon, ARMENO INIZZIO L’ANNO NOVO CHE CIO’ LAVORO.

Er bilancio de n’anno ‘o vedi pure da ‘e piccole cose. Sto dumiladodisci, magara potrebbe da esse che cambierebbe quarcosa e me piascerebbe davero.
Pe’ mo’ stamo a ‘e solite. Tutti che magnano, e i piatti ‘i lavamo noi.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

A. 01/03/2012 22:24

Molto natalizio, IL REMICS...

boostapazzesca 01/02/2012 10:13

te vojo bene, annica, pure si nun esisti punto it.
Er remics è questo qua, l'ho trovato spippettanno su IUTUBB. bacioni

A. 01/02/2012 07:59

Brava Bru', buon anno.
Vai sempre più verso il "pasoliniano".

Qual è il er REMICS DAA CARRA’?