LACRIME E SANGUE A PONTE MIRVIO

Pubblicato il da boostapazzesca

Nun è che me sentivo popo ‘n formissima. Quanno te arzi così, che nun sai che ciai, però cellai e too devi da porta’ appresso, fai finta che quarcuno v’ha già presentato, e tiri a diritto.

Accenno er PICCI’ e me rileggo tutte ‘e conversazzioni che cio’ avuto su FEISBUC cor ragazzo mio, che mo’ però se semo lassati perché a lui er virtuale je dava poca soddisfazzione. Ciò provato a spiegaje che si se vedevamo se soddisfava pure de meno, ma ‘n finale se semo salutati senza rancorio. Mo’ piango ‘npo’, ma no per lui eh, davero. Solo che oggi so’ così, un NOGNENTE e me metto a piagne’.

Mipadre sta a vede’ ‘a tivvu’ che parlano de manovre, nun devesse’ a FORMULAUNO perché quella ce sta de domenica me pare.
A pa’, oggi me rode.
NUN TE PROCCUPA’, BELLA DE PAPA’. TRA N PO’ SARA’ PURE PEGGIO. ER GOVERNO DE LI PROFESSORI DICE CHE STAMO PE PIJA’ NA BOTTA CHE TE ‘A PENZIONE TAA POI PURE FA’ DIRETTAMENTE AR NERO.
No vabbe’, volevo di' n'antra cosa.
AH LI BRUFOLI STAVI A DI’? FATTE ‘A FRANGIETTA CHE SE VEDONO DE MENO. 

Me vado a fa’ ‘n giro, ciò la testa che me scoppia sotto ‘a frangietta e ‘na cifra de brutti penzieri.
Come quanno sta pe’ succede’ quarcosa.
AOH, MA CE ‘O SAI CHE STA A SUCCEDE? OH BELLA 'STA FRANGIETTA.
Me vorto, ce stanno Sharon e Marusca sur piede de guera. Marusca ortre ar piede cia’ pure er tacco assassino. Pure lei cia’ a frangietta, Sharon su a fronte sé messa a fascia da IPPI che cor LUK sta sempre 'na cifra ndietro.

Si’, faccio io, dicheno ar tiggì che stamo messe male economicamente. Io nun vedo gnente de novo.
MA LASSA STA’ L’INFORMAZZIONE DE REGGIME, me ‘nterompe Sharon, NUN DICHENO ‘E NOTIZZIE CHE HANNO DA ESSE’ DETTE. HAI ‘NTESO DAA TRAGGEDIA DE PONTE MIRVIO, SI?

Ponte Mirvio è er ponte de tutte noi. Quanno eravamo pischellette se passavamo le fotocopie de Moccia che li romanzi sua c’arisurtavano ‘na cifra. Sur lampione der ponte ciavemo lassato tanti de que’ lucchetti che Sharon ancora deve da fini’ de paga’ er feramenta.
Marusca no, er debbito s’é STINTO quanno sé messa cor fijo Aristide.
I VONNO LEVA’, TE RENDI CONTO?
Vabbe’ Maru’, che te frega? Ciai messo quaranta lucchetti, appena te ‘nfrattavi ne mettevi uno, manco sai più chi so’ questi.
CHE VOR DI’, SO’ N RICORDO. ROMA SEMO NOI CHE L’ABBITAMO, CE DEVE DA STA’ N SEGNIO DAA PRESENZA NOSTRA. ANNAMO A PROTESTA’, CE STA PURE MOCCIA CHE CE DIFENNE.

Arivamo a Ponte Mirvio.
AMMAPPETE QUANTI SO’, dice Marusca.
ERA ‘NPOCHETTO CHE NUN VENIVO.
So’ passati l’anni, e mo’ i lucchetti so’ na montagnia.
MA TE, BOO? O METTEVI ER LUCCHETTO QUANNO VENIVAMO QUA? NUN T’HO MAI VISTA CHE ‘O FACEVI.
Faccio finta de nun senti’, che mo’ cio’ pure li crampi a li reni. Ce mancava pure ‘sto scarpinetto.

Sur ponte ce stanno Alemagno e Moccia che discuteno seriamente che fa’ de sta paccottija.
DAJE FEDERI’! L’AMMORE DEVE DA VINCE! dice Sharon.
MO’ GUARDA SI ‘NCE LI MANNANO DA NOI EH, COSI’ DOPO L’ARBERO CIAVEMO PURE I NINNOLI, je risponne Marusca.
Ariva un vecchietto malmesso ma pieno de autorità.
A Moccia vergognate! Io qua ce so’ nato! Hai rovinato er ponte co ‘a penna tua! SE, VABBE’. ‘O VEDI CHE CIA’ ‘N ETA’? TE PARE CHE MO’ SE METTEVA CO L’UNIPOSCA A SCRIVE FEDERICO E GESSICA TUGHEDER FOREVERE?
Ma che stanno a di’?, chiedo a ‘na signiora.
Boh, pare che li sposteno viscino ar tevere ma quarcuno disce pure che vonno fa’ er museo dell’ammore.
Marusca dice SI, E POI DEVO DA PAGA’ PURE ER BIJETTO PE VEDE’ ER LUCCHETTO MIO. ‘NAMO A FRUGA’ RAGAZZE, VA’.

Se mettemio sotto ar lampione a trova’ li lucchetti nostra. Moccia se vorta ‘n atomo a guardacce, co’ ‘na faccia de chi nun avrebbe mai penzato de pote’ crea’ ‘na cosa simile.
Marusca trova ‘n par de vecchie fiamme e ‘a catena daa moto che aveva legato cor fijo der feramenta, perché quello era davero ‘n grande ammore, allora er lucchetto solo nun bastava. Sharon se sfila er braccialetto suo, fatto tutto de chiavi, e se li apre tutti e se li ripija.
A SHARON, MA NEE BUTTAVI NER TEVERE ‘E CHIAVETTE? E NO, NISUNO M’HA MAI DETTO DE SI ALLORA ASPETTAVO ‘E RISPOSTE E ‘NTANTO ‘E CHIAVETTE MEE TENEVO.
Le guardo che finischeno de ripijasse ‘a robba loro e arivano da me tutte contente.
E TE? L’HAI PRESI LI LUCCHETTI TUA?
Sorido. Je mostro er mio.
AMMAZZA, UNO SOLO E L’HAI TROVATO SUBBITO. CIAI ‘NA MEMORIA DE FERO, GAJARDA!
Me vonno tanto bene, l’amiche mie. Me vedono che sto a piagne’ e m’abbracciano forte.
Nun je dico che er lucchetto l’avo messo tipo ‘na settimana fa, co le inizziali mia e der tipo de FEISBUC. Era ‘a prima vorta che ‘o facevo, e poi se semo lassati ‘a sera stessa. Sotto sotto, mò so’ sempre mmagginato che li lucchetti de Ponte Mirvio portaveno sfiga.

Er vecchietto ce viene a saluta’.
‘nzomma, siete ‘e pischelle de Moccia. Vabbe’ armeno fate taja’. Piascere, menichelli antonio, ma qui tutti me chiamano er marchese.
Pija e se ne va.
ANVEDI CARUCCIO, dice Marusca, ARIVA, SE NE VA, SALUTA. È POPO ‘N SIGNIORE.
A Maru’.
EH.
Er marchese. È arivato er marchese.
E CHE ‘N CE O SO? SE NE’ PURE ANNATO.
NO NO
, fa Sharon, È ARIVATO, ER MARCHESE.
A REGA’, fa Marusca, ME PARETE DU’ COJONE. VE STO A DI’ CHE DA MO’ CHE SE NE’….
Se ‘nterompe. ‘TACCI NOSTRA. ER MARCHESE.
Se pijamo per mano. Sta sincronia nun capitava da quanno che eravamo pischellette.

Er governo cià preso. Ciavevano detto lacrime e sangue, è annata popo così. In momenti brutti der genere, che soffrimo tutti, dovemo da strignese forte.
Piagneremo tutti ‘nzieme, poi passa e magara cominciamo n’antra vorta a ride’.

Ve stimo 'na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Igor Nobile 04/06/2012 08:12

A Boo, il pischello di facebook non sa cosa si è perso. Poetessa. <3

trainspotting 12/16/2011 23:48

ma poi al chioschetto de mojito in piazzetta ce sete annate?

boostapazzesca 12/16/2011 16:12

Andre' so' onoratissima te vojo benee

A_iR 12/16/2011 16:04

La stima è così tanta che mò ti aggiungo al blogroll mio. E' poca cosa, ma stai accanto a molta gente seria.

Arditoeufemismo 12/16/2011 14:32

"Lacrime e sangue" ah ah ah. Sei un mito assoluto!

boostapazzesca 12/16/2011 10:44

eccomenò Anneri'? Quarche vorta me sbusto e vado dar parucchiere, me faccio pure la boosta in piega ha ha ha ha ha ha ha ha

anneriittaciccone 12/16/2011 10:04

voi che andate a cercarvi i lucchetti vostra è una bella idea per un cortometraggio. nota: ma la boosta la frangietta non ce l'ha?!

clara 12/15/2011 21:04

quasi nostalgica, seppur boostiana al solito...te stimo! però i catenacci non li possono levà, è come levà la foto del Che dall'avana (club)

Ciccio Russo 12/15/2011 20:59

capolavoro