NATALE COR CONO

Pubblicato il da boostapazzesca

Io e l’amiche mia l’artro giorno stavamo a via der corzo a fa’ o SCIOPPING natalizzio, che rispetto a quello normale se differisce perché è natale, pe er resto famo sempre  e stesse cose tipo anna’ da ACCESSORAIZ.
A ‘sto giro dovevamo investi’ er bono acquisto de Marusca che janno fatto i suoi pe er compleanno e nun se semo regolate. Semo uscite ricoperte de anelli, bracciali, mollettine e cerchietti che parevamo tre arberi de natale, speciarmente Sharon co ‘na collana de lucette ‘ntermittenti, presa dar bengalese fori dar negozzio.

Famo pe pija er busse a piazza Venezzia, ma dentro ce stava er campionato de ammucchiata e come se so’ aperte le porte gli eliminati venivano calati de fori dai finalisti.
AOH, MA IO NUN DEVO SCENNE QUA! NUN FA GNENTE, je risponneno da dentro, TANTO SEMO ‘N TROPPI.
Decidemo de apetta’ er prossimo, co’ tutti i ninnoli che ciavemo occupamo ‘o spazzio vitale de sei cristiani e nun ciavemo ‘na SCIANZ de infilacce.
CHE PALLE, MO’ CHE FAMO? PIJAMOSE ‘N GELATO, dice Sharon.
Co ‘sto freddo?
EMBE’, TE VEDI ER CARDAROSTARO ‘NGIRO?
E te er gelataro ‘ndo lo vedi, scusa?
A SCEMA, NOO VEDI CHE STA LA’ N MEZZO ALL’ AJOLE? DAJE, ‘NAMO SU.

S’avvicinamo ar centro daa piazza. Ce sta ‘sto cono de venti metri co ‘e striscette tricolore. Che a me me pareno blu, bianche e rosse.
ANVEDI, ER GELATO FRANCESE. DEV’ESSE ‘NA COSA SPESCIALE, dice Sharon. MA ‘NFRANCIA NUN FACEVANO ‘E BAGHETTS? Chiede Marusca.
SEI POPO DEMADE’, QUESTI FANNO A BRIOSC COR GELATO, PURE MEJO.  POI A PARIGI I RAGAZZI SO’ BONI, CE LI SAI QUELLI DEE BANLIE’?

Arivamo sotto ar catafalco ma nun ce sta nisuno che venne er gelato. Ce sta solo ‘n barbone che se sta a fini’ er tavernello suo.
SCUSA, CHE SAI ‘NDO S’ENTRA PE PIJA’ ER GELATO?
Nun risponne, po’ esse che è francese. Poi sta malmesso, se vede che viene da ‘e BANLIE’.
LEVATEVE CHE ER FRANCESE ‘O MASTICO IO, dice Marusca.
A COSO’, AVE’ VU’ AN CON DE SGELA’ PUR MUA’ E L’AMICHEMI’? MA CHE CAZZO STAI A DI’, risponne quell’artro.
Nun è delle BANLIE’,  a Maru’.
È NATALE DIO C’EEEEEEEEEEEEEE’ se mette a grida’ er tizzio.
Ah vedi? È ‘o strillone, quello che fa a RECLAM daa gelateria.
È NATALE DIO C’EEEEEEEEEEEEEEEE’.
E SE VEDE
, je dice Sharon, GUARDA CHE CONO CHE JE’ CASCATO ‘N TERA.

Sharon va a vede’ se ‘ntorno ar cono ce sta na finestrella tipo TEICHEUEI.
È NA VERGOGNIA, dice ‘na signora che ariva ‘n quer momento.
A SIGNO’, SE METTA ‘N FILA CHE QUA ER GELATO ‘O DOVEMO PIJA’ PURE NOI. MA CHEMMEFREGA DER GELATO. STO COSO A VOI VE PARE N’ARBERO DE NATALE?
Io e Marusca se guardamio.
ANVEEEEEEEEEDI. ACAPITOOO? GAJAAAAAARDO.
A signora se scarda.
MA GAJARDO DE CHE? MA E’ NA ZOZZERIA. NUN LO VOLE ER PIDDI’, NUN LO VOLE L’IDDIVVI’, NUN LO VOLE ER SINDACO, MA ME SPIEGATE PERCHE’ STA ANCORA QUA?
A signo’, si ‘o volevano soo mettevano ‘n salotto je pare?

Ariva er viggile, che ce fa sposta’ a tutti.
CIRCOLATE CHE DOVEMO DA LEVA’ L’ARBERO.
Ah ‘o levate? Perchè?
AR SINDACO NUN JE PIASCE. A MACHINA DA SCRIVE’ PERO’ JE PIASCE SEMPRE, fa ‘a signora polemica indicando l’artare daa patria.
Quanno ciai er salotto, ognuno ce mette quello che je pare. Per esempio ‘na macchina da scrive’, ‘na stufetta e si te va ce metti pure ‘n cono. Er probblema è quanno er salotto è de tutti, e tutti cianno da di’ a loro.

Er viggile parla caa radiolina.
PRONTO PRONTO? ME SENTI? AUANAGANA? DAJE, LEVA ‘STO SARCOFAGO. Ariva ‘na gru e smonta er cono.
S’è fatta ‘na bella folla, pare già natale.
E MO’ CHE CE METTETE? ‘NA COSA PIU’TRADIZZIONALE, ER SINDACO VOLE COSI’.
‘A gru se rimette ‘n movimento e cala dall’arto ‘na cosa minuscola de un metro e ‘na VIGORZOL, tutta sbrilluccicona de anelli, bracciali, mollettine e cerchietti.
E cia’ pure le lucine ‘ntermittenti, tipo quelle che venne er bengalese fori da ACCESSORAIZ.
A SHAROOOOOOOON! MA CHE STAI A FA’ ?
HO TROVATO LAVOROOO! IO CIO’ ER CURICULUM, DA ICHEA FACEVO ‘A PIANTA! FINCHE’ ‘N ARIVA ER PINO DEI CARPAZZI ME METTONO PRECARIA A TEMPO DETERMINATO!

Dopo che hanno piantato Sharon, ‘a folla se disperde.
Tutti contenti che ce sta ‘na cosa più tradizzionale.
CERTO ST’ANNO L’ARBERO E’ BASSETTO EH? DEV’ESSE ER PINO NANO, HO ‘NTESO CHE ESISTE DA QUARCHE PARTE.

A Sharon, bella pe’ te.Io e Marusca se n’annamo. Te serve quarcosa?
VABBE’ STO ‘NCENTRO, NUN VE PROCCUPATE. STA TUTTO A PORTATA DE MANO.
Marusca ariva co ‘n cartoccio de cardarroste e je l’allunga.
TEH, APPANZATE CHE SO’ CARDE, COSI’ NUN T’AMMALI.

Quanno er salotto è de tutti, tutti lo devono da tene’ bene. Io e Marusca ar bene pubblico ce tenemo, su questo semo ecologgiste.
Coi coni è dura da socializza’, ma ‘na pianta, a vorte, po esse’ ‘a migliore dell’amiche tua.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

ArditoEufemismo aka Squid 12/08/2011 09:00

http://arditoeufemismo.jimdo.com/2011/12/01/i-cappelloni/

http://arditoeufemismo.jimdo.com/2011/12/02/la-versione-di-lui/

Me trovi qua :)

ArditoEufemismo aka Squid 12/08/2011 08:54

A me me figa na cifra quer cono bianco... poi oramai li sordi (l'euri no i nonvedenti) ereno belli che usciti, poteveno lasciallo che poi ce tocca da pagallo noi co e murte dei pizzardoni (tutte in medicine....ci loro!).

Vabbè mo c'è sta Sharon che è mejo.

Bella Boosta, er nome è Laurentino er nummero è trentotto!

mimosa 12/07/2011 23:01

infatti all'Eur è lo stile suo, vicino al Gruviera è perfetto...

boostapazzesca 12/07/2011 20:17

e che pijo pe er culo?

Ciccio Russo 12/07/2011 20:01

Aspé, DAVERO hanno spostato il cono all'Eur?

anneriittaciccone 12/07/2011 17:42

e io che il salotto non ce l'ho?..

boostapazzesca 12/07/2011 14:33

ce sta l'URTIMORA che er cono poi l'hanno messo all'eur, da 'e parti nostre. 'N pratica dandoje Sharon amo fatto 'o scambio ecuo solidale ha ha ha ha