IES, UI CHEMP

Pubblicato il da boostapazzesca

L'artra mattina me so' svejata, se, bella ci'. Ciavevo 'na schiena che me pareva d'ave' dormito sui sassi, e 'nfatti c'avevo dormito pe davero. A tenda è piena de robba mia, nun m'è rimasto manco 'n par de mutande sano.

AOH!
Sento grida' Sharon e Marusca da fori,
HAI FINITO DE FA' ER CHEMPING SI?
E me sa de si, nun cio' più mutande.

QUELLE ANNAMO MO' A PIJALLE 'NCENTRO DA TEZZENIS. SCOLLA 'E CHIAPPE. Che m'aiutate a chiude' a tenda?
MA TOO DEVI PORTA' APPRESSO PE FORZA, ST'ACCROCCO?
Maa rubbano, sinnò. Però 'n tre se chiude subbito.

'N metro Sharon e Marusca so' sedute, io cio' a CHECIUA su 'e spalle. A gente me guarda e penza che me so' zottata 'na parabbola de SCAI.
A Termini rimango pure incajata ner tornello, allora m'aiuta 'n pischelletto.
OH! 'NDO' STATE A ANNA'? DOVETE VENI' DE QUA.
Ma noi stamo a anna' a Via der Corzo.
MADDECHE', DE QUA, SEGUITEME.

Ce porta a piedi fino a via Nazionale. Ce sta 'na cifra de ggente caa tenda.
Er tipo fa BRAVE, INDIGNADAS. CIAVETE 'A TENDA. STANOTTE CE DATE ER CAMBIO AR PRESIDIO.
Ch'ha detto?
BOH, dice Sharon.
PERO' CE STA 'NA CIFRA DE BE' REGAZZI, NUN SE SA MAI. FANNO ROBBA I PAPABBOISE, MAGARA PURE L'INDIGNATOS.
A DEFICENTES, fa Marusca,
VE STATE A FA' PERCULA'. IO 'NCE VENGO 'N TENDA, 'STESTATE A CAPOCOTTA HO DATO. VE CANNO E VADO DA TEZZENIS, BELLA CI'.

Me levo 'n attimo a tenda da 'e spalle. Appena tocca tera se apre da sola. Se guardamo come tre cojone.
A SHARON. MA 'A LAMPO L'AVEVI TIRATA? META', POI ME' RIMASTO 'N MANO ER CAZZETTO E L'HO TIRATO VIA. VABBE', AMO CAPITO,  dice Marusca.
CE STA TEZZENIS PURE QUA DAVANTI. VOI 'NDIGNIATEVE CHE IO ME VADO A PROVA' DU' COSE.

Tutti se mettono a canta' e grida', ma nun sapemo le parole. Ariva uno che ce mette 'n faccia a me e a Sharon du' maschere da drago.
MA IO 'N CE STO A CAPI' GNENTE, MA N’ERAVAMO DEFICENTES? MO’ STI DRAGHI CHE C’ENTRA?
Se sente 'na sirena. Quarcuno scappa,
'A POLIZZIA 'A POLIZZIA!
Se vortano tutti verso Marusca che è uscita da TEZZENIS co 'n PUSCIAPPE fucsia tigrato e ha fatto sona' l'allarme.
N’HAI CAPITO GNENTE, SO’ INDIGNATOS CONTRO DRAGOS. DEV'ESSE TIPO N GIOCO DE ROLO TIPO QUELLI CHE 'A DOMENICA SE VANNO A SPARA’ ER CHECIAP NEI BOSCHI, MOO STA A DÌ PURE 'A COMMESSA. VERO SIGNIO'?
NO,  dice 'a commessa, IO STO A DI' CHE ER REGGISENO O DEVI DA PAGA’. SO NOVE E NOVANTA.

A 'na certa me so' nfilata ar palazzo dee sposizzioni. Ce stava 'a mostra der realismo soscialista, che quanno ce stava er socialismo facevano li quadri pe' ditte che tutto annava 'na cifra bene ed erano felisci.
De fori, invece, me sembra che nun so' tanto felisci. Gridano cor megafono, mannano a quer paese. Se vede che er gioco de rolo nun sta a anna' bene.

A sera  Sharon, sarà che er buio fa miracoli, se sta a apparta’ co 'n drago 'NDIGNATOS.
Marusca 'nvesce se rompe npo’ i cojoni, perché lei i giochi de rolo nun li capisce.
IO VADO 'N TENDA. CO' STA GENTE PARE DE STA' AR PIGNIETO, GUARDA SI ME SBRATTANO N'ANTRA VORTA TRA 'E ZINNE EH.
Vabbe' Maru', je dico, tanto er ricambio cellai.

Sharon se sta a bascia co' uno, ma lui je fa presente che prima se deve da leva' a maschera.
SENTI… TE CHE ME PARI UNO 'NA CIFRA IMPEGNIATO, CHE STAVI MICA AR CONCERTO DE LEDIGAGA?
Il gay pride? Sì perché?
NO VABBE’ GNENTE DAI, BACIAMOSE.
Se sente 'na sirena.
Marusca tira fori 'a capoccia daa tenda: OH IO NUN C'ENTRO EH? STO A DORMI’.
E nfatti è n'antra squadra, co ' e tute e le camionette.
Er tipo de Sharon l’accanna e s’arza.
METTETEVE TUTTI 'N TERA E NUN FATE GNENTE, RESISTENZA PASSIVA. CAPIRAI,  dice Marusca, MANCO 'N MATO MATO VE SETE PORTATI? QUESTI VE SE BEVONO.

Se mettemio n tera e cantamo tutti BELLA CI' mentre due energumeni vanno da Marusca.
VENGA, SIGNORINA. PIANO PIANO, SU.
VABBE CIAVETE RAGGIONE, QUI E’ NA PALLA, POI 'STE CANZONI NOSTARGICHE. ME PORTATE A FA’ DU SARTI? IO SO' PAA TECNO MA POTEMIO PURE ANNA’ ALL’ALIBBI.
A posano ‘n malo modo su li gradini der palazzo dee sposizzioni. A Sharon pure. Da me ariva uno magro magro.
Me fa: SPOSTATE DA SOLA TE E QUELL’ACCROCCO CHE CIO’ A SCIATICA, SCUSAME EH.
A tenda da sola naa riesco a chiude, allora maa sposto para para su li gradini der palazzo.
Se mettemio a dormi' n tenda tutte e tre, tanto s'è fatta 'na certa..
MO' QUANNO O RIVEDO A QUELLO , pensa Sharon.
IO CO' VOI NUN C'ESCO PIU' , ce fa Marusca, FINISCE SEMPRE A CAZZO.
A Maru', je dico, da TEZZENIS ce sei annata 'n finale. Potevi da veni' co me ar museo, li quadri erano na cifra gajardi.
Nun me risponne e se vorta dall'artra parte.

Ar mattino dopo, me svejo sola, troncata 'n due che ho dormito popo n mezzo allo scalino.
Caccio 'a capoccia fori daa tenda, e vedo Marusca coll’occhiale 'n incognito e er pusciappe de fori davanti ar palazzo dee sposizzioni.
A sento dì COME CHIUSO? MA IERI STAVA APERTO! MA CHE VE PONNO FA' STI QUATTRO SENZATETTO? MA LI MEJO MORTACCI VOSTRA!
Faccio finta de gnente e se ncontramio dopo per caso.
OH CIAO… STAVO ALLA MOSTRA. È na cifra bella er socialismo reale hai visto? AMMAZZA SI. GAJARDO. ER QUADRO DE CRACSI M'HA POPO MPRESSIONATO. Me da 'na mano a chiude la tenda. Sharon ariva co n cornetto nzieme ar tipo.
A REGA’, CE 'O SAPETE CHE HANNO CHIUSO ER PALAZZO DEE SPOSIZZIONI?

Mo' Sharon sé appassionata ai giochi de rolo.
Sabbato se replica e lei penza de annacce, dice che so' na cifra de più.
Marusca vole anna' 'n bibblioteca: A ME 'STO VERISMO FUTURISTA MA’ PIJATO BENE,  ME VOJO DOCUMENTA'. Faccio 'a strada de casa co' Sharon.
Dove che me metto sempre, trovo 'n bijetto macchiato de pajata: TO’ VISTA AR TIGGI' CHE STAVI A MANIFESTA’ CONTRO ER POTERE DEE BANCHE. QUANNO TORNI SALI SU, CHE ME SO’ ROTTO ER CAZZO DE FA’ ER BUCATO.
A Sharon, ma noi cor drago 'n faccia stavamo a fa’ robba contro er potere dee banche? BOH, IO A 'NA CERTA ME CREDEVO CHE ERA ER COMPLEANNO CINESE.  SABBATO ME 'NFORMO MEJO.
Me torgo la tenda e je la do. Tie’, je dico, po esse' che te torna utile. Oh nun te mette controvento, eh. Manco er tempo de mettesela su 'e spalle che 'na folata saa porta via. SE VEDEMIO SABBATOOOOOO.

Torno a casa. Nun lo diresti mai, che dar caso escono fori 'e situazzioni che te aricchiscono. Io per esempio me dovevo pija' le mutande, e mo’ tra 'e mie e quelle de mi'padre ce n'ho armeno tre, de lavatrici piene.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

i_care 11/06/2011 13:59

tasboro, ti me fa piaxer anca Roma :-)

boostapazzesca 10/24/2011 18:13

De fa' er bucato ha ha ha ha

SydneyBlue120d 10/23/2011 16:33

Si ma er Babbo Tuo quando sei tornata chettaddetto?

boostapazzesca 10/16/2011 11:26

ce stavo, ce stavo. Nantro pochetto e me pijavano pe na UAIT BLOC HA HA

indignatadanacifra 10/15/2011 23:57

aho ma ce stavi pure te oggi??? cor casino che ce stava e' pure capace che t'hanno confuso co li blekblok....aho busta ce stai?

boostapazzesca 10/14/2011 19:57

scusateme eh, a SECOND SISON è nizziata co 'n post lungo na cuaresima, ma me stavate a manca' e ciavevo l'aretrati.
Se vedemio domani a Roma, chi ce sta