SO’ FINITE ‘E FESTE

Pubblicato il da boostapazzesca

SO’ FINITE ‘E FESTE

Domenica mi padre guardava er tiggi’ che parlava daa sirte, mentre che lui ‘mprecava ‘a sorte.
PORACCI, PENZA COME SE MORONO DE FAME PER CORPA DE QUER DELINCUENTE.
A pa’, sei na cifra umanitario. 
A CASA 'NCIAVEMO PIU’ UN CAZZO DA MAGNA’, TOCCA ANNA’ A FA’ A SPESA SI NO FAMO ‘A FINE LORO.
A pa’, ma ‘nciavevi er femore rotto?
ER CHE? CIAI RAGGIONE, AAH CHE MALE. VAI TE, VA’. 

All’IPERCOP di Euroma due stanno ammassati tipo li zombi de GIORGE RUMENO.
‘E feste so’ finite. 
Tra ‘n oretta, quanno arivamo alla cassa, ‘a festa ciaa fanno loro.
Vedo Marusca, me ce accollo così ‘nvece de urtima so' terzurtima.
A Maru’, je chiedo, ma nun dovevi da esse’ a SARZO MAGGIORE?
-MADDECHE’, M'HANNO SCARTATA AR PROVINO DE LADISPOLI. DICE CHE CIAVEVO TROPPI VESTITI ‘NDOSSO E DOVEVO MOSTRA’ ER LATO BI. STAVO ‘N TANGA E REGGISENO, VEDI TU SI JE DOVEVO PORTA’ PURE ‘E LASTRE. 
Davanti a noi parte la faciolata de turno co quello che stava a prova’ a passa’ prima. Allora vado a pija ‘a frutta che m’ero scordata. 

Ar banco dee pesche mapproccia ‘n riccetto anzianotto che me pare pure famijare. 
Nun te move, me fa, nun grida’ che t'ammazzo. 
Ma chissei, er fruttarolo?
Ma come te permetti? Che naa vedi ‘a tivvu? So’ Gheddafi. So’ rifuggiato politico.
- Ar Laurentino te sei rifuggiato? Ammazza hai fatto ‘n affarone oh.
Che te credi, che quanno venivo a magna’ ‘n itaglia la NTELLIGGENZ mia stava a pettina’ e bambole? Qua da voi nun ve se fila nisuno, e quanno me trovano.
-
Vabbè ma tu’moje? A famija?
L’ho ficcati ‘n un monolocale co artri cinque a viale Algeria. Senti me devi fa’ na cosa, si no t'ammazzo. Vai ar reparto cazzi e cazzetti e pijame ‘na tenda.
Ma scusa, te vonno ammazza’ e vai ar campeggio? 
So’ affari mia. T’aspetto fori ar parcheggio. Nun lo di’ a nisuno, io so’ dittatore eh, guarda che t'ammazzo. 

Senza che Marusca me vede, scappo da ATLETZ UORLD e pijo ‘na tenda scrausa, tipo quelle daa CHECIUA. Nun ciò più ‘n centesimo.
Ar parcheggio, me ritrovo Gheddafi ‘n un angoletto ar buio. 
Viè avanti, nun ciave’ paura.
Veramente là ce pisciano i cani, mica pe’ quarcosa.
Che cazzo hai comprato, ‘a CHECIUA? Questa nun se richiude manco si piagni ‘n arabo.
Mo’ mammazza, penzo.
Che guardi? Te penzi che so’ ‘n mostro? E quelli che me vonno ammazza’ e prima co’ me facevano l’affari, che so’ santi? 
Oh, a tivvù dice che sei ‘na merda, mica te sto a attacca’ io. 
Co’ me hanno magnato tutti bene. Nun sta’ a senti’ l'altri, giudica co l’occhi tua. 
E mo’ che farai? 
Boh. Pe me ‘a festa è finita, ma ‘n finale pe’ sta bene basta poco e gnente. Io so’ cresciuto all’aria aperta, ce vojo sta’ più possibile prima che me se bevono. 
Me guarda, cià l’occhi sinceri. 
Grazzie daa tenda. È ‘na merda, ma mejo de gnente. 
Da dietro parte no zoccolo che pija Gheddafi ‘nfronte e ‘o stira lungo pe’ tera.
Me vorto, e vedo Marusca che soo va a ripija’. 
ANFAME NUN TARICORDI DE ME, VE’? QUELLA CHE J'AVEVI PROMESSO DE FA’ A GHEDDAFINA. M'HAI SCROCCATO TRE PIOTTE E HAI FATTO ER VENTO, VA’ A MORI’ AMMAZZATO! MO’ PERCHE’ HAI TROVATO ME CHE SO’ SIGNIORA, ‘NANTRA TAMMAZZAVA!
Me pija pe’n braccio e me porta via de peso, più ncazzata daa NATO.
A BOO’, NUN DEVI DA’ CONFIDENZA A ‘STA GGENTE. MA ER TIGGI’ NOO VEDI CHE CE STA PIENO DE DELINQUENTI?
A Maru’, ma nun chiamamo nisuno? Quello era…
CAFFARELLI ARVARO DETTO ER GHEDDAFI, E CHE ‘N CE O SO? COR FATTO CHE E’ UGUALE SPIACCICATO, HA COJONATO MEZZO QUARTIERE. TANTO TRA NPO’SOO BEVONO.

Co mi padre a casa è difficile parla’ de politica ‘nternazzionale.
FAMME CAPI’. ‘A CARNE NO E ‘A TENDA SI? E MO’ CHE CAZZO CUCINAMO, LI PICCHETTI AR CARTOCCIO? 
- A pa’, me so’ trovata ar centro de ‘n caso diplomatico. 
TORNACE. ANZI RESTACE POPO A DORMI’, PORTATE PURE ‘STO TRABBICCOLO. 
Che me fai dormi’ fori?
EMBE’ SEI GRANDE,DOVEVA ESSE’ PRIMAOPPOI CHE TE LEVAVI DAR CAZZO.

Monto 'a CHECIUA sotto ar pianerottolo, ce faccio ‘n buchetto pe facce veni’ Remo e m’addormento quasi subbito.
‘N fonno ce se sta bene, ‘e feste so’ finite ma ancora nun fa freddo. 

Er Gheddafi ciaveva raggione, naa vita basta poco.
Si te n'accorgi quanno ciai tanto, figurate quanno ciai meno de gnente.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

Dino Giarrusso 09/09/2011 00:52

E cià raggione a Lia, Bù! Me sei piaciuta ncifrone, a sto' ggiro...

trainspotting 09/06/2011 11:18

quella storia delle gheddafine me l'ero scordata, meraviglioso

cladipa 09/02/2011 22:34

li picchetti ar cartoccio! AHAHAHAHAHAH! sei grande booo! (aò io t'ho votato eh:) )

a. 09/02/2011 13:53

Mi hai sgamata. Volevo vedere se stavi attenta. Era falsa anche la prima.
Te stimo una cifra, Bru'.

boostapazzesca 09/02/2011 13:28

ha ha nun te volevo fa sta' male mimo' scusamee

boostapazzesca 09/02/2011 13:25

ha ha a annica, ma te cambi l IMEIL tutte e vorte?

mimosa 09/02/2011 13:23

Boo, c'ho ancora i crampi per quanto ho riso e manco ho smesso. Geniale. Oddio, ricomincio a ridere......
Mimosa

boostapazzesca 09/02/2011 13:04

So' troppo contenta purio Ste'. Lumilissima Boostina tua

a. 09/02/2011 13:02

DICE CHE CIAVEVO TROPPI VESTITI ‘NDOSSO E DOVEVO MOSTRA’ ER LATO BI. STAVO ‘N TANGA E REGGISENO, VEDI TU SI JE DOVEVO PORTA’ PURE ‘E LASTRE.

I dolori della giovane Marusca. Anche le miss si ribellano. E tu fai critica sociale. (Sosciale)

brava, BRU'.

chiara 09/02/2011 11:53

:D spettacolare