ER NOME DELLA COSA

Pubblicato il da boostapazzesca

Sabbato stavo co’ Sharon e Marusca su li gradini der palazzo de casa.

A BOO, dice Marusca, ROMEO E GIULIANA DE SCECSPIR TOO SEI MAI LETTO TE?

Quello che se amano poi morono? A casa cello’ pure, è na cifra che noo vedo però.

IO NUN HO CAPITO QUANNO DISCE CHE QUELLA CHE CHIAMAMO ROSA ‘A PONNO CHIAMA’ COME JE PARE, SEMPRE ROSA E’.
Embe’, sì. L’amo chiamata rosa noi, mica ce sé chiamata lei.
MA SI VADO DAR FIORAIO E JE CHIEDO ‘NA DOZZINA DE GNOCCHI, QUELLO ME RIDE ‘NFACCIA.
Dije che li gnocchi sanno de rosa, po’ esse che capisce.
PURE MARUSCA NUN VOR DI’ GNENTE, PERO’ ME SERVE PE VORTAMME QUANNO ME CHIAMENO.
A MARU’,
disce Sharon, CO’ QUEE BOCCE FISCHIENO DIRETTAMENTE, CHE TE SERVE ER NOME.

Ariva mi’padre. Cia’ er grembiule sporco de ragù. ‘A novità è er grembiule.
ABBELLA DE PAPA’, AGURI! BON COMPLEANNO!
A pa’, er compleanno mio è a febbraio. Oggi è er compleanno de mi’ fratello.
E CHE ‘NCE O SO? CHI CREDI CHE VA’  MPASTATO TUTTEDDUE? TEH, LEGGI. Me tira  ‘na copia ciancicata de LEGGO. Disce che siccome ciavemo ‘na fiottata de buffi, er governo ha deciso che dovemio da risparmia’ pure su ‘e feste e che le devi da accorpa’.
CIA’ RAGGIONE ER GOVERNO. E SICCOME ME STA A MARCI’ A CARNE ‘NFRIGO, OGGI FAMO ‘A FESTA A TE E TU’ FRATELLO, COSI’ NAA BUTTAMO. CHIAMATE CHI VE PARE, SE VEDEMIO ‘N CUSCINA. 

Mi’ fratello sta ‘n Ispagnia, nun penzo che s’arabbia si festeggio oggi er compleanno dell’anno prossimo. Quello prima, mi’padre manco mà fatto l’aguri.
Je capita de scordasse ‘e cose, ‘na vorta mà scordato all’ATOGRILL, pure si lui disce sempre che nun è vero perché me cià lassato de proposito.

A casa tra costolette e spiedi de pajata, a ggente fa a doccia ner sudore. Marusca ‘nfaccia cià i MURALOS de trucco sciorto. ‘N par de vicini de ‘na certa età stirano e vengheno portati ar sant’euggenio.
Er fumo esce dàa finestra e va diritto ar cartellone dàa ferilli, che tra er giallo dàa nubbe de FUCUSCIMA e er fumè daa pajata, cià ‘na pelle pare er petrojo quanno galleggia su ‘e pozzanghere.

‘NZOMMA, TU’ FRATELLO STA ‘N ISPAGNIA? BEATO LUI CHE SE’ MOSSO DA QUA. E’ POPO ER MEJO, TU’ FRATELLO. IO PURE GUARDA, SI POTEVO MADDAMO’ CHE AVO FATTO ER VENTO. TE ‘NVECE A BOO? L'UNIVERSITA’ BUTTA BENE?
Avoja, so’ tre vorte che me buttano fori, pure ‘nmalo modo.
Mipadre versa da beve, STO VINELLO LO’ FATTO CHEE MANO MIA. ‘A porverina ‘neffetti  ciaa messa lui, mica io.

Poi mipadre ariva cor pezzo forte. ‘A TORTA ALLA VACCINARA. Nisuno l’aveva vista peranni, è una de quee riscette che nun se tramandano, quanno stiri tàa porti direttamente ar camposanto.
È  guarnita càa glassa e decorata co ‘na coda ‘ncima. ‘A mette sur tavolo e se mette co’ le mano a dirige’ lorchestra tipo CLAUDIOABBACCHIO:
NAMO, DAJE DE UGOLA! TANTI AGURI BOOSTAREEELLAAA… TANTAGUUUUURI AAAAAA TEEEEEEEEEEEE.
A mipadre avanzava ‘a robba, oggi nun è er compleanno mio, mi’fratello nun ce sta, ce sta ‘a crisi ma bisogna soride’. E io oggi so’ na cifra felisce.

Poi mipadre sappoggia ar tavolino e quello crolla de corpo. Ner giro de ‘n atomo, ‘a torta se sfracica pe tera e lui dritto ar seguito.
LI MORTACCI VOSTRA, CHI CAZZO ‘A LEVATO ER LIBBRO CHE FACEVA ‘A ZEPPA AR TAVOLO? ME SO’SCASSATO ER FEMORE E PURE NANTRA COSA, PORTATEME AR SANT’EUGGENIO E LEVATEVE DARCAAA’.
Soo caricano e se ne vanno tutti zittizitti.
Lurtima è Sharon, che pija ‘na manata de panna dar pavimento.
A BOO’ AGURI EH.

Resto sola co’ Remo er sorcio, che sbuca daa tana sua e se mette a fa’ pulizzia der bendiddio ‘n tera.
Pure si dovemio da risparmia’ decido de chiama’ mi fratello ‘n Ispagna, ‘n finale è pure er compleanno suo.
OLA, BRU’.
CHIAMAME PABLO!

Te chiami Daniele, perché te devo da chiama’ Pablo?
È FREGNO. A TE NUN TE CHIAMENO BOO? TANTO MICA CONTA ER NOME, CONTA ‘A SOSTANZA.
Disce che ‘n Ispagnia nun move foja. Nun ce sta lavoro. ‘Na vorta tutti annaveno nispagna e te cojonavano che restavi nitaglia, cè annato lui e mo’ o cojonano perché cè annato.
SI CIAVEVO I SORDI PE L’AEREO, DA MO’ CHE ERO TORNATO. VABBE’, GRAZZIE DELL’AGURI, MANCO ME RICORDAVO. CHE VOI, ORMAI E’ ‘NGIORNO COME A ‘N ANTRO.

Riattacco. Me ritrovo Marusca co Romeo e Giuliana ‘n mano. ‘O piazza sotto ‘a zampa der tavolo.
OH NUN DI’ A TU’PADRE CHE CE LAVEVO IO EH, CHE QUELLO MAMMAZZA. MANNAGGIA A ME,MANCO CIO’ CAPITO GNENTE.

Pe capi’ che ‘na cosa è geniale, ce vole er tempo suo. SCECSPIR a li tempi sua nun lanno capito, ce so’ voluti nun so quanti secoli pe’capi’ che faceva dee zeppe da paura. Poi Romeo e Giuliana se poteva pure chiama’ Katia e Oscare.
Mica conta er nome, conta ‘a sostanza.

Ve stimo ‘na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

pajatello ar sugo 08/31/2011 19:36

grazzie zi', mo o so che facce co tutti li libbri. cor treccani tiro su n ber tavolino. daje
te stimo n'botto pur'io.
cia

Adry 08/29/2011 13:58

Aaaa miticaaaaa

boostapazzesca 08/27/2011 18:42

Ha ha ha a a. te si che ciai locchio

a. 08/27/2011 16:33

"OLA, BRU’. CHIAMAME PABLO!"

Bru'???????????

chiara 08/25/2011 14:58

non posso che concordare, e non sai quanto! :D

anne riitta 08/25/2011 09:46

è tutta questione d'accorpamento