L'AMICA DE PENA

Pubblicato il da boostapazzesca

 

Da na cifra de giorni, internet de casa marca visita. Devesse a cenzura dell’AGIPCOM, che prima t’aumenta a benza, poi te SCURA a rete senza che manco poi protesta’.

DAPAURA, COSI’ SCHIODI, CHE DEVE VENI A STUCCATRICE PE LI BUCHI DEE PARETI.
A pa’ce stanno sessantagradi, ndo’ vado?
NUN TE POI SBAJA’, UGUALE ANDO T’HO MANNATO L’URTIMA VORTA.

Apro a porta de casa.
Ciao! Sono Krosta de Guaanow, la tua amica di penna di Olanda!
S’abbracciamo. Maveva scritto che veniva, ma l’AGIPCOM deve ave’  cenzurato a posta. Je presento mipadre, e lui ce presenta l’uscita. Krosta è tanto caruccia, ner senzo de gentile.
Pare n quadro de PICASTRO, ma siccome purio paro ncubbo, amo trovato subbito er TRE' DUGNO’.

Che bel sole che avete! Sono così felice.
Ce stanno ducento gradi all’ombra, a ggente saccascia sull’asfarto. Quarcuno prima de schiatta’ ce grida de fuggi’ ar centro commerciale co l’aria condizzionata.
Er comune a noi der Pittrentotto ce vo’bene, li centri commerciali ce li piazza dietro l’angolo.

Mi piace tanto la tua lingua. Voglio imparare il romano. Andiamo in centro!
Vamme a trova’ n romano ar centro de Roma er sabbatopomeriggio de lujo, co sto crematorio a cielaperto. Finimo sui gradini de na chiesa a parla’ de noi, davanti ar manifesto der concerto der Califfo.

Krosta vive n un paesino tra e foreste e l’atostrada, dove se lavora na cifra. Appena cia’ du’spicci se fa i viaggetti LOUCOST, poi torna a lavora’.
Da noi ce sta a crisi, je spiego.
Marusca vabbe’, lei ・de bella presenza e mo’ sta ncentro a fa a cubbista a n negozzio de bassa moda. Sharon de recente ha risposto all’annuncio pe fa’ a MANNECHE’, e  janno detto MADDECHE’. Stamo messe male, je dico, e npo’ me vergognio.

Krosta soride. Me guarda e dice Tu non sogni mai, Boo?
Chettedevodì a Kro’, da me a sera se magna pesante.
Mica devi dormire, per sognare.
Sharon maveva detto na cosa simile, ma quella dorme npiedi, capirai. Guardo er manifesto der Califfo e dico a Krosta che sarebbe bello annacce, così er romano se lo mpara de sicuro. Se tenemo per mano e se sentimo na cifra amiche.

Tornamo a casa. Dalla camera de mipadre esce na biondina che se sta a riabbottona’ a barconata.
Na stuccatrice PROFESSCIONAL.
CIAO… TU BOOSTA? PIACERE IO ILEANA, FIDANZATA DI TUO PADRE.
Daje. Nce riesce popo a fa’ a SINGOL, questa. Ileana ciocca Krosta e se ferma.
TU NON RICORDA ME? COLLEGA IN OLANDA! COME STAI? TU ORA ANCHE LAVORA QUI?
Sta ‘nvacanza, me inserisco io.
QUANDO TORNA SALUTA PAPA’ EH? LUI MENA TANTO MA PROTEGGE TE.
Pija e se ne va. Er soriso de Krosta è de quelli n filo più tristi.
A Kro’, ma e foreste? L’atostrada? Er lavoro?
A Boo, me soride, na cifra de camionisti e de boscaroli. Avoja a lavora’.
Lai mparato popo bene er romano, a Kro’.

Pija lo zainetto.
Mi piacerebbe vedere il Califfo, ma se non torno sono guai seri.
Me da nbacio sulla boosta. Salutami tuo padre, si vede che è una bella  persona.  

Mipadre sta sdraiato ncamera sua, co a testa sotto ar cuscino. A pa’ stai bene? mmlevmmmatemmmmmkdacossssssssmmmmmmmmmjoni
Scusa, nun to capito.
LEVATE DAI COJONI.

A rete mo’funziona, nun manno censurata. A protesta der VEBB ha vinto, avrebbi protestato purio si ciavevo a connessione.
Na vecchia meil de Krosta dice che nun po’ sta’tanto da me, ma se divertiremo na cifra. Sogna’ ad occhi aperti è gajardo. Certo, manco er tempo de svejatte che devi subbito anna a dormi’.

Ve stimo na cifra,
Boosta Pazzesca

Commenta il post

boostapazzesca 07/13/2011 11:42

anneri' nun se batte mipadre ha ha ha

chiara 07/12/2011 11:16

Krosta de Guaanow e' geniale!
posso fare la sapientona per un momento?
"ho sempre sognato molto. sono stanco di aver sognato, ma non sono stanco di sognare". eeeeh? chettetifuori la ziastra tua? :***

anne riitta 07/12/2011 08:17

...ma l'amica tua dall'olanda non ti ha portato nessun souvenir tipico? tipo da amsterdam? ;) comunque dietro questa patina d'ironia si nasconde un'animo poetico (quasi come quello di tuo padre)