IO NUN SO' LEGGENDA

Pubblicato il da boostapazzesca

Sabbatopomeriggio mi padre ancora n’ sera arzato. A na certa pensavo che era morto, ma puzzava come de consueto e allora me so’ rassicurata. Me so’ messa a legge n’ libbro che ho trovato su ‘na bancarella, co’ uno che de giorno va ‘ngiro da solo e de notte se deve da chiude ‘n casa perché de notte ce stanno li vampiri.

Me sento chiama’ daa finestra. Sotto a’ Ferilli, chelartroieri janno strappato ‘na coscia, ce stanno Marusca e Sharon co a cofana e le PAJETZ delle belle occasioni.

AOH, SCHIODA CHE CE STA ER CONCERTO GRATISSE DE LEDIGAGA.

Mentre che su ‘a metro ce guardeno strano, se damo la punta l’indomani pe vota’ ar referenbum.
Un signore davanti a noi, coll’occhi fissi sulle sise de Marusca, ce fa BRAVE, ANDATE A VOTARE, CHE È IMPORTANTE.
E Marusca SI MA SE CONCENTRI, SENNO’ ‘A CROCETTA A FA’ SUR MURO E POI SE PENSANO CHE STA A GIOCA’ A TRISSE.
Io jelodico sempre a Marusca che cia’ e doti pe fa’ politica.  Sharon pure se potrebbe candida’ ar Piddi’, è ‘n citofono raro ma però cià i valori.

Arrivamo ar circomassimo che ce sta ‘na caciara paurosa. Io e Marusca se vortamo verso Sharon, che je sta a casca’ a faccia ‘n terra.
BOH. AVO LETTO DE ‘NA COSA TIPO LEUROPRAID, MA ME CREDEVO CHE ERA ‘NA SPECIE DE MERCATINO.

È NA CIFRA DIVERTENTE. Omini vestiti da donna, donne da omo, omini vestiti da omini e donne da donne però ‘a cosa non è chiara, omini e donne tarmente normali che nun se capisce più tanto bene che cosa vorebbe da di’ normale.
Come quanno ripeti all’infinito ‘na parola, ‘a parola perde de significato e poi ariva tu padre e te molla ‘na pizza sui denti perché dopo mezzora a pappagallo passi pure pe’ scema.

Arivano li cari, pieni de ggente che balla. A Marusca la fanno sali’ sur caro, je mettono na parucca sulla cofana e la fascia de BUZZICONAGHEI.

Er tempo de vortamme e Sharon se sta a bacia’ co’ uno che probabbirmente s’era stancato de sentilla parla’. Resto sola, ma me diverto ‘n sacco. Abballo, sarto, me faccio nsacco d’amici. Quarcuno me passa ‘nfilo de rossetto su e labbra, sa de fragola e me lo lecco tutto ner giro de cinque minuti.

A ‘na certa ariva LEDIGAGA. Se vociferava che se doveva mette’ ‘n vestito de pajata. Menomale che ha lassato perde’ se no l’inzetti ciavrebbero banchettato. Canta poco, dice ‘na cifra de cose, ce vole bene. Ma io continuo a guardamme dietro.

I vampiri escono fori de notte, quanno se lo possono permette. So felici perché se contano, e je pare d’esse’ tanti. Ma so sempre meno de chi dice che nun so normali.
Poi LEDIGAGA, vestita da cotechino,  po’ anna’ pure da messaggerie musicali  e je dicheno brava brava, anzi ce ‘o potevi di’ che passavi, portavamo pure ‘e lenticchie. Io si ce provo ‘e lenticchie mee tireno dietro. Lei è ‘na leggenda, io nun so’ nisuno.

Ricupero Marusca e cercamo Sharon. ‘A trovamo seduta sur marciapiede che piagne. Er tipo suo sta cinquanta metri più nlà che se bacia co ‘n artro omo. L’omini so’ tutti uguali, pure quanno so’ diversi.

A vota’ domenica ce stamo solo io e marusca. Cè annata pure bene che ce stavano a caccia’, co marusca che daa cabbina sua me gridava A BOO, MA CHE VOR DI ABBROGA’? NA COSA TIPO CIANCICA’?
e io FERMETE, che poi si se rovina a scheda taa annullano.

Sharon nun risponne ar telefono. Sta ancora sotto a ‘n treno per via der pischello BAIPARTISAN de sabbato. Me risponne solo lunedì, a vota’ nun cè annata.
Ma scusa, je faccio, vabbe’ che te rode er culo, ma ce o sapevi che era na cosa ‘mportante.
SO’ IO CHE SO’ ‘MPORTANTE, ‘A BOO, E IO STO ‘NO SCHIFO. TANTO NUN CAMBIA GNENTE SI CE VADO O NO A VOTA’.

Me riattacca popo quanno arivano i risurati der QUOCUM, manco se fossero messi d’accordo. Sharon ciaveva raggione: er voto suo nun fa ‘na grossa differenza, ce so annati tutti l’ altri ed è stato n PLEBBISCIPIO.
Quelli che vedi de notte acchittati ce stanno pure de giorno. So più sobri e ce o sanno che so guardati a vista, ma se riescheno a ntrufola’ e lassano er segnio.

Manco loro so’ leggenda, ma tutti ‘nzieme potrebbero da esse’ l’ inizzio de ‘na bella storia.

Ve stimo ‘na cifra,

Boosta Pazzesca

Commenta il post

Anna 12/26/2011 22:31

Ti amo!

rossella 06/17/2011 19:05

ahahahahahahaha! m'hai fatto ride na' cifra! ... Sei forte Boostapazzesca e alla sora Gaggà faije sentì Nina Hagen che se la magna e se la .... Imboosta ... Ciao Bella, tanti baci da Rossella ma non so' tu sorella!

Maria Silvia Sanna 06/16/2011 10:55

Troppo vero! E poi c'è quest'altra perla: "Manco loro so’ leggenda, ma tutti ‘nzieme potrebbero da esse’ l’ inizzio de ‘na bella storia." :) Grandissima, Boo!!!

boostapazzesca 06/15/2011 14:42

ha ha a memoria è corta chiare', ma per fortuna a vita è ancora lunga

chiara 06/15/2011 13:59

MITICA!!! quoto anneriitta e sto pronta con i 10 euri

chiara 06/15/2011 13:58

ma com'era carina la gaga'! sembra un vestitino tranquillino tranquillino, che si credeva, di andare in vaticano?
vai cosi' che 'na leggenda ce diventi... si tramandera' di padre in figlio, di ponte in ponte, tra na bira e n'antra, T'a'a' ricordi a boostina der pittrentotto?

boostapazzesca 06/15/2011 09:46

ha ha ha e a te che te frega che sei mpegniato?

Tyler 06/15/2011 09:12

nsomma Marusca ha le tette grosse eh? U_U

Robert Bernocchi 06/14/2011 20:17

Mejo sto post che quello sue poste, stamo arriva' ad arti livelli...

GlareUsy 06/14/2011 20:04

John m'ha fatto gentilmente notare che non so scrivere in romanaccio quindi è meglio se non ci provo neanche, ma tu sei leggenda però. Col quore.